Torna a dove sei appartenuto

Mentre la vita avanza, ci sono compiti da padroneggiare e lezioni da imparare. Con il progredire della mia vita, sono diventato molto più interessato a ciò che ci accade mentre invecchiamo. I nostri compiti cambiano? E i nostri obiettivi? Lo scopo della nostra vita cambia e, se sì, perché e come? Il significato della nostra vita cambia quando i compiti sono completati o, in alcuni casi, vengono lasciati incompiuti?

Le fasi evolutive della vita di Erik Erickson definiscono i compiti e gli obiettivi per ogni fase successiva della vita. La metà degli anni '60 fino alla fine della vita ci trova nel periodo della tarda età adulta. Il compito principale in questa fase secondo Erickson è l'integrità contro la disperazione. In questa fase gli individui tendono a riflettere sulle loro vite con una sensazione di soddisfazione generale o con la sensazione di non essere all'altezza delle nostre aspettative e dei nostri obiettivi.

Ne consegue che un senso di integrità accompagna coloro che si sentono soddisfatti di ciò che hanno fatto con la loro vita, mentre coloro che provano insoddisfazione e delusione in questo momento della vita guardano indietro con rammarico e possono provare un senso di disperazione. Inoltre, è stato postulato che i sentimenti di successo e realizzazione portano alla saggezza. E la saggezza consente di riflettere sulla propria vita con un senso di completezza e completezza accettando l'inevitabilità della morte.

È chiaro che per la maggior parte di noi, nel momento in cui raggiungiamo gli anni di maturità, molto ci sarà successo – sia i cambiamenti e le sfide che ci si aspetta nel corso della vita, sia quei cambiamenti e sfide inaspettati , spesso vissuto come ostacoli. Questi ultimi ci mettono alla prova, spingendoci verso i nostri limiti emotivi, psicologici, fisici e spirituali. In qualche modo, che ci piaccia o meno quello che succede a noi, la maggior parte di noi naviga attraverso questi punti duri e tempi duri, e la vita continua.

Recentemente ho avuto una conversazione con un amico di molti anni che è stato sposato e divorziato, è un genitore e nonno, ha avuto una carriera ed è in pensione, ha attraversato numerosi cambiamenti di ogni tipo, ed è finalmente, solo con la vita alle sue condizioni . Che concetto interessante!

Dopotutto è detto e fatto, chi siamo noi nella nostra essenza a prescindere da qualcun altro o da qualsiasi altra cosa? Abbiamo mai avuto la possibilità di essere quella persona in relazione? Abbiamo mai avuto la possibilità di essere quella persona con noi stessi? Sappiamo anche chi è quella persona?

Il punto che sto facendo è che dal momento in cui nasciamo siamo programmati, se vuoi, condizionati ad essere in un certo modo, dipendendo, naturalmente, dal tipo di relazione in cui ci troviamo. Innanzitutto, ci sono i nostri genitori, fratelli e famiglia allargata. Quindi, è il nostro gruppo di pari. Quindi, la nostra relazione intima – spesso molte, a volte singolarmente significative. Diventiamo cose diverse per persone diverse quando siamo in relazione, come partner (coniuge), genitore e nonno, amico, collega e membro di numerose comunità di appartenenza: religiosa, politica, filosofica, sociale e culturale. Assumiamo molti ruoli e identità nel corso della vita. Alcuni di questi servono ed espandono il nostro nucleo di sé, ma purtroppo alcuni diminuiscono e soffocano chi siamo.

Quindi la domanda è: noi, come individui, abbiamo sempre la possibilità di essere "solo io" per e per noi stessi senza alcun obbligo, impegno, attaccamento e ogni altro termine per descrivere come ognuno di noi è legato agli altri per tutta la vita?

Abbiamo la possibilità di tornare a noi stessi, tornare a chi siamo più autenticamente quando non siamo più dipendenti dalla relazione per definire chi siamo? Non sto insinuando che dobbiamo gettare via le persone più significative nella nostra vita per essere noi stessi. Naturalmente, continueremo ad avere queste relazioni, ma con il tempo, queste si spera siano cambiate e il nostro tempo, impegno, impegno e attaccamento si sposteranno, si spera, da un lavoro in corso all'inizio di una relazione stabilita, stabile e affidabile col passare del tempo.

Alcuni di noi troveranno difficile diventare improvvisamente "egoisti" più tardi nella vita; cominciare a pensare a noi stessi in un modo che ci mette prima, forse, per la prima volta nella nostra vita. Quello che non abbiamo mai conosciuto o sperimentato potrebbe essere molto difficile da imparare per noi. Dopo una vita di obblighi, impegno, spesso grandi compromessi e talvolta enormi sacrifici, anche tagliando parti di noi stessi o mettendo a tacere noi stessi per andare d'accordo, il pensiero che non dobbiamo rispondere a nessun altro può essere liberatorio, ma anche molto sconcertante.

Quindi, come impari a tornare a te stesso di nuovo? Non ho intenzione di dirti che ho le risposte o che posso mostrarti la strada per te, ma ho alcuni pensieri e suggerimenti, alcune cose a cui pensare.

Conosci te stesso meglio di chiunque altro. Se non lo hai mai saputo, è ora di cominciare a pensarci. Attraverso la tua vita le persone potrebbero aver provato a dirti che ti conoscono meglio di te stesso. Chiediti ora: "Senza tutti i ruoli e le identità che ho acquisito nel corso della vita, chi sono io? Cosa voglio? "Non hai bisogno del permesso di qualcuno per fare ciò che ti sembra giusto e ti rende felice.

Non lasciare che le aspettative degli altri limitino chi sei. Ciò che gli altri si aspettano da te è più che probabile un riflesso di loro – i loro desideri e bisogni. E tu sei solo un partecipante della loro realtà, non tua. Quando ti affidi a te stesso non sei più legato alle aspettative della gente. C'è di più nella vita che prendersi cura delle persone e compiacere. C'è molto di più nella vita che adattarsi all'idea di qualcuno di chi sei.

Non è mai troppo tardi per cambiare. Non sto dicendo che sarà facile, ma sono sicuro che ci sono quelle esperienze, speranze e sogni che hai sepolto nel fondo dell'armadio. È ora di portarli fuori e rispolverarli. Potresti non essere in grado di fare tutto ciò che avresti desiderato, ma tutto ciò che è nuovo è grande.

Correre rischi. Inizia a parlare. Inizia a dire la tua verità. Esprimi te stesso attraverso le tue opinioni, creatività e individualità. Non lasciare che la negatività degli altri ti porti giù o rovini il tuo divertimento e spontaneità.

Circondati di coloro che apprezzano e ti rispettano per quello che sei. Trascorri il tuo tempo con persone che ti sollevano e celebrano tutto ciò che fai. Limita i tuoi rapporti con quelli che ti danno un brutto periodo o ti richiedono la tua attenzione e il tuo tempo.

Lascia andare quelle persone e cose che non ti servono più. Probabilmente dovremmo farlo periodicamente durante le nostre vite, ma semplicemente non sembrano avere il tempo o l'energia, quindi le cose spesso rimangono le stesse sia che siano buone per noi o meno. Lasciarti andare ti apre alle opportunità e alle nuove esperienze di crescita. Come Lao Tzu dice così magnificamente: "Quando lascio andare quello che sono, divento quello che potrei essere. Quando lascio andare quello che ho, ricevo quello di cui ho bisogno. "

Solutions Collecting From Web of "Torna a dove sei appartenuto"