Top Dogs può essere solo: Confessions of a CEO Coach

Non ci sono pressioni maggiori e non ci sono sfide complesse come quelle che si presentano con la posizione di CEO. E il lavoro è spesso solitario.

Gli allenatori esecutivi sono ormai all'ordine del giorno nelle organizzazioni, soprattutto ai massimi livelli. La mia esperienza nell'ultimo decennio come allenatrice CEO è stata stimolante e gratificante. Il ruolo del CEO coach è unico, perché il lavoro del CEO è unico.

E la longevità media per gli amministratori delegati in Nord America è inferiore a 3 anni. Gli amministratori delegati sono assediati dalla costante pressione degli azionisti, dei consigli di amministrazione, dei regolatori governativi, dei media e dei gruppi di interesse speciali. E la lista continua.

Il lavoro di CEO è unico da diverse prospettive: nessun altro ha bisogno di ascoltare la verità di più e la prende meno dai dipendenti; nessun altro è al centro delle critiche quando le cose vanno male; nessun altro è il decisore finale su decisioni difficili e spesso perdenti; e infine, nessun altro gode dello status di celebrità e dei premi quasi da eroe.

Per questi motivi e molti altri, nessuno all'interno dell'organizzazione ha bisogno di un rapporto onesto, stretto e di lungo termine con un consulente di fiducia che un amministratore delegato. Come molti amministratori delegati mi hanno detto, il problema più significativo per loro da affrontare è il sentimento di solitudine intensa e profonda, a volte.

Quindi il ruolo del CEO coach diventa fondamentale per un CEO che usa saggiamente il coach. E per l'allenatore, lavorare con un CEO pone una serie di potenziali campi minati e dilemmi che devono essere affrontati:

Over-identificazione. L'allenatore deve essere in grado di immergersi nel mondo e dell'esperienza dell'amministratore delegato senza fondere identità. Mentre la presenza del coach nell'organizzazione può essere comune, non fanno parte dell'organizzazione. Quindi, mentre l'allenatore può entrare in empatia ed essere compassionevole con il CEO, il lavoro del coach è di essere distaccato e talvolta brutalmente onesto.

Comunicazione Quante informazioni e il tipo di informazioni fornite tra l'amministratore delegato e il capo del CEO, il consiglio di amministrazione o il presidente, e i dipendenti possono essere molto rischiosi. L'allenatore deve essere vigile sui secondi fini delle persone e tuttavia essere una fonte di informazioni che può aiutare l'amministratore delegato.

Risposta. Uno dei compiti più importanti del CEO è lo sviluppo di leader nell'organizzazione, che richiede una valutazione onesta. Il feedback del coach può avere un impatto enorme sulle carriere.

Lealtà Se il CEO paga per l'allenatore, è ovvio che l'allenatore serva l'amministratore delegato. Ma se il conto del coach viene pagato per l'organizzazione, il consiglio può richiedere un qualche tipo di segnalazione dei risultati da parte del coach. In questo caso, la natura dei dati raccolti e le informazioni sulle discussioni personali devono essere gestite in modo trasparente.

Amicizia. Spesso, l'allenatore sviluppa una relazione amichevole e personale con l'amministratore delegato, che spesso condivide più informazioni personali con l'allenatore di chiunque altro. E mentre l'amicizia può aiutare, a volte può essere troppo vicino. L'allenatore deve comunque mantenere una prospettiva professionale, che consenta all'allenatore di essere onesto con l'amministratore delegato.

Ego Essere un allenatore CEO può conferire all'allenatore uno status considerevole che potrebbe gonfiare l'ego dell'allenatore. L'allenatore deve assicurarsi che la propria autostima non sia intimamente legata a quella dello status di CEO.

Un coach CEO può essere un modello di fiducia, un consulente, una guida e un mentore che aiuta l'amministratore delegato a modellare visioni, attingere nuove energie e generare i risultati desiderati. Ma più di ogni altra cosa, l'allenatore del CEO può fornire un'oasi di calma, un rapporto di fiducia e onestà per aiutare il CEO a svolgere un ruolo estremamente impegnativo.

Ispirare. Empower. Superare.

Twitter: @raybwilliams

 

Solutions Collecting From Web of "Top Dogs può essere solo: Confessions of a CEO Coach"