Tolleranza zero per l'alcol e la sperimentazione di droghe su minori

Mi viene spesso chiesto: qual è la normale "sperimentazione" dell'adolescenza con droghe e alcol rispetto a un processo non sano, avvincente e non normale? La mia risposta è semplice: se qualcuno usa droghe illecite non è salutare. Non vi è alcun merito nell'usare il termine "normale". È nel migliore dei casi arbitrario e difficile da definire.

L'alcol e la marijuana, ad esempio, sono droghe pericolose. Alcuni bambini sperimentano con loro, ma non sono legali (nel caso dell'alcol, ad esempio, di età inferiore ai 21 negli Stati Uniti) e sono pericolosi per la salute – soprattutto per cervelli di età inferiore ai 25 anni e ancora in evoluzione. Ciò è particolarmente vero per il lobo frontale in via di sviluppo che è coinvolto nel funzionamento esecutivo – la capacità di usare efficacemente le funzioni cognitive che conducono al comportamento diretto verso l'obiettivo – non è una cosa da poco da giocare.

È sempre affascinante che tanti articoli si concentrino sull'adolescente che usa l'alcol e, o, la droga. Infatti, secondo SAMHSA (2007), la maggior parte dei giovani di età compresa tra 12 e 20 anni non beve o fa uso di droghe. Questo tipo di statistica indica la resilienza di molti adolescenti. Fattori quali l'autostima, l'autoefficacia (la propria convinzione nella capacità di svolgere un compito), rafforzano la capacità di recupero e sono tutti fortemente influenzati dalla coesione familiare.

Lo sai solo sederti con il tuo ragazzo (a proposito, i genitori sono i più grandi modelli di ruolo che hanno i loro tween e ragazzi), e far loro sapere che forse c'è dipendenza nella tua famiglia può aumentare la loro coscienza. Pensa com'è semplice.

Smettila di abdicare alla responsabilità. Non sei amico di tuo figlio, sei il genitore e credi che gli adolescenti possano lamentarsi di norme e regolamenti, ma molti studi dimostrano che vogliono che i loro genitori definiscano i confini e offrano una guida nonostante le proteste.

I genitori che modellano l'alcol e il consumo di droga per i propri figli semplicemente non capiscono. Non si tratta di senso di colpa, ma ammettilo: birre in spiaggia, eventi sportivi, drink prima di cena, vacanze, matrimoni, eventi speciali o semplicemente per rilassarsi. Siamo diventati la "generazione a microonde", una delle gratificazioni immediate.

Se il giorno è soleggiato e caldo e il cielo è blu, è ancora meglio su alcol o un giunto, o forse un Vicodin. Il falso senso del sollievo istantaneo – una percezione rapida che si può respirare profondamente e sentire la tensione lasciare il proprio corpo – non importa che possa e spesso porti a dipendenza, blackout, postumi di una sbornia, ogni sorta di malattia, disastri veicolari, ecc.

I genitori devono capire che il più grande armamentario per i loro figli a occuparsi di alcol e droghe è che i genitori abbiano tolleranza zero per l'uso. Tolleranza zero per il periodo di bevute minorenni. Tolleranza zero per l'uso di qualsiasi farmaco che non è prescritto e gestito da un periodo di medico autorizzato. Dovremmo provare a partire da questa premessa per un cambiamento.

Solutions Collecting From Web of "Tolleranza zero per l'alcol e la sperimentazione di droghe su minori"