"Togliti quel sorriso dalla faccia!" – la psicologia dello smorfia

Fammi vedere qualcuno che sorride in pubblico
e ti mostrerò qualcuno che infuria in privato

Cosa hanno in comune Lloyd Blankfein, John McCain e Hillary Clinton?

Quando sono sul posto e qualcuno sta mettendo in discussione la loro credibilità, spesso sorridono.

Perché lo fanno? Come molte persone guidate, Blankfein, McCain e Clinton hanno tutti significativi tratti narcisistici per le loro personalità (non li vedo come "tinti nella lana", "attraverso e attraverso" narcisisti). Quando la parte narcisistica di una personalità viene offesa o insultata, si sente aggredita e ferita. Questo è ciò che viene definito un "danno narcisistico". Proprio come un animale ferito trasforma la sua paura in rabbia per contrastare un altro attacco che potrebbe rivelarsi fatale, un narcisista infuria allo stesso modo.

In privato quella rabbia può essere verbalmente crudele e persino attraversare scoppi fisici (mi è stato detto che prima del suo recente addolcimento Steve Ballmer, CEO di Microsoft era un vero "scassinatore" quando si era arrabbiato e Steve Jobs non era molto lontano da lui quando era dispiaciuto) e la loro ira è qualcosa che i loro entourage temono.

Tuttavia, quando queste persone sono esposte ai riflettori dell'esame pubblico, sanno che è meglio sfogare quella rabbia apertamente. Invece sorridono, facendo del loro meglio per distrarre da quanto stanno ribollendo sotto. Per chiunque stia guardando, quel sorriso è tutt'altro che felice.

È spesso visto come compiaciuto, arrogante e condiscendente. Può avere alcune di quelle qualità, ma più spesso è uno sforzo per rivestire di zucchero e distogliere lo spettatore dalla rabbia narcisistica che sta ribollendo appena sotto.

In quanto tale, invece di un sogghigno che è "passivo aggressivo" (cioè indirettamente ostile) è in realtà più precisamente "aggressivo soppressivo" (cioè cercando di mantenere un freno all'ostilità).

Se tu (o qualcuno che conosci) sorride, quando ti senti oltraggiato o aggredito, qualcosa che può aiutarti a "cancellarti il ​​sorriso dalla faccia" e sostituirlo con un sorriso più tenero, gentile e amorevole è fermarsi e ascoltare da dove proviene veramente l'altra persona. Se lo fai, scoprirai spesso che non stanno cercando di condannarti, ma stanno semplicemente cercando di affrontare la loro confusione e la paura di qualcosa che stanno cercando per aiutarli a capire o risolvere. E quando non lo sono, di solito hanno a che fare con qualcuno che picchia su di loro per picchiarti.

Solo perché sei sulla difensiva, non significa che nessuno ti stia attaccando.

Deficit del recettore del neurone specchio – Un'idea il cui tempo è arrivato
Due domande per ottenere il rispetto e l'apprezzamento della gente
Come distinguersi dalla concorrenza
"Basta ascoltare"

Solutions Collecting From Web of ""Togliti quel sorriso dalla faccia!" – la psicologia dello smorfia"