Toccando il Morire

Jessica Mendoza, used with permission
Fonte: Jessica Mendoza, usata con permesso

Una coppia sposata di 75 anni si trovava fianco a fianco a letto, tenendosi per mano. Muoiono a un'ora di distanza. Un sonogramma cattura l'immagine dei gemelli in utero. Sta morendo mentre suo fratello le tiene la mano. Queste immagini toccanti riflettono l'importanza del tatto mentre iniziamo e finiamo la vita. Il lavoro pioneristico svolto da Harry Harlow, lavorando con i primati e John Bowlby e Rene Spitz, che ha studiato orfani nella prima guerra mondiale, ha dimostrato quanto siano essenziali il contatto e il contatto con i bambini nella loro crescita emotiva e fisica. In effetti, per molti di noi il contatto è importante per tutta la vita. Può essere una fonte di amore, conforto e sostegno. Ma qualcosa sembra accadere mentre diventiamo anziani e ci avviciniamo alla morte. C'è una significativa diminuzione della quantità di contatto fisico ed emotivo che riceviamo.

In un momento in cui è necessario maggiore comfort e contatto, i morenti sono spesso ostracizzati dalla società ed evitati da familiari e amici. I morenti non vogliono che gli altri abbiano paura di toccarli o di essere nella stessa stanza con loro. Immagina come deve sentirsi morire in una stanza da solo. Spesso più uno si avvicina alla morte, più gli altri possono diventare lontani. Diversi fattori contribuiscono a questo allontanamento. Le persone non vogliono affrontare la realtà che la loro amata sta morendo. Spesso sono a disagio per i morenti perché non sanno cosa fare o dire e hanno paura di fare la cosa sbagliata. A volte, può darsi che l'intensità emotiva della situazione sia troppo opprimente e che sia necessario ritirarsi. Stare con qualcuno che sta morendo suscita le nostre paure di morte. Il dolore intenso che qualche esperienza mentre muore è spaventoso e infuriato per testimoniare. C'è anche la preoccupazione che l'amato morente sia troppo fragile per toccarlo o che toccarlo possa peggiorare il dolore.

Certo, non tutti sono a proprio agio con il tatto. Per alcuni, è a causa delle norme culturali. Alcune culture toccano più di altre. Gli Stati Uniti sono considerati una cultura poco toccante rispetto agli alti livelli di contatto in Francia o in Porto Rico. Alcune persone non amano essere toccate a causa di essere stati abusati fisicamente o sessualmente. È sempre meglio chiedere il permesso di toccare e di essere rispettoso dei desideri della persona. Se non sono in grado di parlare, cerca segni come una smorfia o solcando le sopracciglia che potrebbero indicare disagio. Se il tocco è ben accetto, scaldate le mani prima di toccarle. Fai sempre sapere alla tua amata cosa farai. Il tuo tocco non deve essere duro o forte, un tocco leggero e delicato. Anche i movimenti delicati delle loro braccia o dei loro capelli possono essere molto rilassanti. Se non ci può essere toccante, stare semplicemente seduti vicino e stare lì per la persona amata può essere rassicurante per loro. Chiamare la persona con il loro nome e stabilire un contatto visivo è anche una cosa importante da fare quando qualcuno sta morendo.

Il tocco offre molti vantaggi sia per il morente che per chi sta facendo il contatto. Il tocco aumenta i livelli dell'ormone ossitocina che a sua volta riduce i livelli di ormone dello stress nei neonati e in tutta la vita. Per gli anziani e i morenti, il tatto è stato trovato per favorire il sonno, diminuire la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Pratiche come il massaggio e il tocco di guarigione vengono ora utilizzate dai medici più spesso a causa dell'impatto positivo che hanno sui malati e sui morenti. Il tatto può anche ridurre l'isolamento, l'ansia e il dolore. Può aiutare a radicare la persona e diminuire la deprivazione sensoriale. Ma forse, soprattutto, il tatto è una potente forma di comunicazione. Può dire "Ti amo", "Sono qui per te", "Mi importa di te" e "Voglio stare con te in questo momento di bisogno".

Essere con i morenti può essere un posto difficile, ma gratificante. Ci sentiamo impotenti e vogliamo essere in grado di fare qualcosa per loro. Toccarsi è la risposta. È un modo concreto in cui possiamo sentirci utili, sostenere la persona amata ed esprimere il nostro amore per loro. Quando moriamo, la nostra visione può diventare fioca e sfocata. Proprio come con i bambini che possono vedere solo oggetti che distano da 8 a 15 pollici, anche i morenti hanno una visione limitata. Ancora una volta il tocco diventa importante. Quando iniziamo le nostre vite e finiamo le nostre vite, è il tocco che aiuta ad alleviare la nostra transizione.

Solutions Collecting From Web of "Toccando il Morire"