To (Another) Infinity … And Beyond!

Non ero mai stato a vedere un film di mezzanotte. Ma mi piace Pixar, quindi ho accettato di trattare con le persone che si vestivano e ogni successivo imbarazzo della seconda mano per andare a vedere Toy Story 3.

Tutto andava bene fino a quando (spoiler alert) la scena in cui i giocattoli affrontano il loro destino. Scivolando in un magma di morte liquido, ogni giocattolo riconobbe lentamente il loro destino. La parte più scioccante? L'hanno accettato. Mentre Buzz e la banda si collegavano le mani e navigavano attraverso i cinque stadi di dolore di Kübler-Ross, preparandosi per la loro scomparsa, uscii dalla mia sospensione dell'incredulità e iniziai a non credere.

In preda al panico, mi sono guardato intorno. Era questa vita vera? Ero davvero stanco? Oppure la Pixar si stava comportando in modo così avanguardista da voler davvero allontanare una serie di amati giocattoli digitali – e il cuore degli americani – con loro?

Sono sicuro che la scena è durata al massimo qualche minuto, ma il tempo nella mia testa ha rallentato fino a fermarsi. Anche dopo essere sfuggiti alla dottoressa Eviled, non riuscivo a malapena a prestare attenzione a nulla.

Sono cresciuto con Wile E. Coyote e Itchy e Scratchy, quindi ho visto personaggi in spazi ristretti prima. Allora perché questo mi ha fatto orrore per settimane?

Non c'è un'età media quando le persone realizzano la propria mortalità. Nel cuore, ci sentiamo tutti invincibili e siamo tutti incredibilmente egoisti. Come l'antropologo culturale Ernest Becker ha scritto nel suo libro The Denial of Death , una fusione di confronto umano con la mortalità, il nostro narcisismo è ciò che fa marciare gli uomini in guerre: un uomo non sente che morirà, quindi si sente solo dispiaciuto per i suoi compagni.

Ora ripensa ai tuoi giorni di cavalcate. Hai mai visto quanto in alto potresti scalare un albero? Che ne dici di recente quando hai guidato un po 'incautamente, o forse hai pedalato mentre ascoltavi la musica?

Non può succedere a te, giusto?

Una recensione ben citata ha rilevato che, quando hanno circa 7 anni, i bambini generalmente hanno una comprensione di alcuni concetti chiave. Come se la morte fosse irreversibile, e che una volta che qualcuno muore, non puoi esattamente tirare un Bernie. Cioè, le funzioni che definiscono la vita si fermano.

Il quadro è un po 'allentato, ma i bulloni fissano la realizzazione della mortalità da qualche parte tra l'adolescenza e la prima età adulta, danno o richiedono alcuni anni a seconda della cultura e dell'esperienza personale.

Psicologia Il Sam Keen di oggi, un ex redattore, ha avuto la possibilità di intervistare Ernest Becker poco prima della sua morte. Mentre scrive nella prefazione di Denial , incontrare questo luminare gli fa pensare alla sua morte e, di conseguenza, alla sua vita.

Qual è stato il tuo momento?

Per me, arrivò quando avevo 24 anni. Ero appollaiato sul letto del mio allora ragazzo in una serata normale, quando dal nulla uscì una voce in un flusso di parole di fatto: tu morirai. E, oh ​​sì, lo faranno anche tutti gli altri che conosci.

Certamente lo sappiamo tutti. Ma quella era la prima volta che la prendevo . E 'stato come ogni pensiero nella canzone del 2002 dei Flaming Lips "Do You Realize ??" ha deciso di farmi impazzire. Mi sentivo come un protagonista con gli occhi spalancati che aveva visto un fantasma. Quando è tornato, la mia intera vita era cambiata.

Gli effetti di quel momento non furono immediati. Invece, il peso di quella realizzazione lentamente si è intessuto nella mia vita. Stranamente, è l'unico peso che mi fa sentire più leggero.

Ecco perché a teatro, mentre i bambini intorno a noi lavoravano allegramente sulle loro cavità e il pubblico ha asciugato una lacrima collettiva, mi sono contorto in agonia. La letteratura sul combattimento con la morte è immensa e immensamente complicata. Tutto quello che so davvero è che il confronto quotidiano con il magma figurativo rende sicuramente le cose come le ciambelle che hanno un sapore migliore.

La mia lirica preferita, cantata da Jeff Magnum, lo riassume meglio: che strano è essere qualsiasi cosa.

Solutions Collecting From Web of "To (Another) Infinity … And Beyond!"