Ti sento: cinque consigli per essere un buon ascoltatore

Ti sento: cinque consigli per essere un buon ascoltatore

Ogni persona di successo e ogni relazione soddisfacente è diventata così attraverso l'utilizzo di buone capacità di comunicazione come parte del processo. La maggior parte di noi conosce qualcuno di cui ammiriamo le capacità comunicative, che ottengono efficacemente il loro punto di vista. Tuttavia, l'ascolto è la parte della comunicazione che spesso ottiene una scarsa considerazione a favore del parlare. Personalmente o professionalmente, molti di noi potrebbero usare qualche miglioramento nelle nostre tecniche di ascolto. Ecco, quindi, alcuni suggerimenti per rendere più facile il dare e avere un dialogo quotidiano.

1. Prestare attenzione. Ascoltare non è solo l'attesa per il tuo turno di parlare. Si sta attivamente coinvolgendo nel processo e assorbendo sia l'ovvia che l'informazione sottile offerta. Devi aver fatto qualche contatto visivo, scambiato un sorriso o due prima d'ora o non avresti ottenuto fino a una conversazione. Ora continua così. Tieni gli occhi sulla persona che sta parlando. Nota il linguaggio del corpo. Rispondere con il proprio – sorridendo, annuendo, o scuotendo la testa in segno di comprensione, se del caso. Sembra vivo. Essere coinvolto.

2: Non interrompere o far deragliare l'altoparlante. Alcune persone, con il pretesto di mostrare interesse, fanno deragliare il filo dei pensieri di chi parla. "Così quando ero al liceo …" dice l'altoparlante A. "A che scuola andavi?" Interrompe l'altoparlante B. Gli altri che interrompono pensano che siano utili. "Così stavo respirando in un sacchetto di carta marrone …" L'altro salta dentro "Conosco un modo migliore per curare il singhiozzo". Tieni le tue domande e commenti finché l'oratore non è finito, o almeno si ferma per prendere un respiro.

3. Trattando con grazia di un monologo: (Eccezione alla regola di cui sopra) È consentita un'eccezione a non interrompere la linea di pensiero del parlante. Se hai perso del tutto la trama di una storia o se l'altra persona è abbastanza scortese da consegnare un monologo così a lungo da rischiare di addormentarti, puoi intervenire. In questi casi, è lecito interrompere con qualcosa come "Aspettare. Non capisco. Sei tu che hai chiamato la polizia o qualcun altro? "O" Fammi vedere se capisco quello che stai dicendo. Hai venduto la tua casa tre volte perché due diversi acquirenti si sono ritirati all'ultimo minuto? "Per gentilezza, qualsiasi interruzione che porti in ballo deve essere fatta allo scopo di chiarire e continuare a spiegare la storia. Anche se non sei interessato a questa lunghissima saga, aggiungerei alla scortesia tagliando l'altro dicendo qualcosa come "Mia sorella è un agente di polizia" o "Lascia che ti racconti della mia esperienza immobiliare".

4. Rifletti su ciò che hai sentito. Non difendere Non attaccare. La maggior parte delle persone, se si sentono in qualche modo attaccate, forse con una generalizzazione che prendono personalmente, o si difenderanno ("Cosa intendi per le donne eccessivamente emotive? Penso di essere abbastanza razionale!") E / o di attaccare (" Le donne possono essere emotive ma parte di quelle emozioni sono l'empatia e la cura di cui la maggior parte degli uomini manca !! "). A meno che tu non voglia fare una scena e terminare la conversazione lasciandoti sbalordire, rifletti semplicemente su ciò che hai sentito: "Stai dicendo che le donne negli affari sfruttano le loro emozioni come un'arma per ottenere quello che vogliono?"

5: Se non c'è niente da ascoltare. Se non riesci a far parlare l'altra persona al di là dei monosillabi e il silenzio è assordante, un buon ascoltatore ti chiede domande aperte su qualunque cosa tu sia sicuro di interesse per il tuo interlocutore. "Capisco che tu raccolga i eggbeaters prima della seconda guerra mondiale. Parlami del tuo preferito e di come lo hai acquisito. "Anche la persona più noiosa si illumina quando parla di qualcosa che è di interesse appassionato, e anche il tema più noioso può diventare affascinante se parlato con entusiasmo e gioia.

Suggerisco che, come esperimento, dedichiate un giorno questa settimana a ciascuno di questi punti in diverse conversazioni al giorno per vedere se le vostre interazioni sono più gratificanti. Sono disposto a prendere scommesse che il più vicino e il più caro noterà. Altrimenti, diventerai un ascoltatore migliore, imparerai senza dubbio alcune cose che non sapevi.

Per gentile concessione di Happen Magazine di Match.com www.happenmag.com

   

Solutions Collecting From Web of "Ti sento: cinque consigli per essere un buon ascoltatore"