Ti senti in colpa?

Free Images/The Persistent Platypus
Fonte: immagini gratis / L'ornitorinco persistente

Ti stai tenendo in colpa?

La pratica:
Perdonare.

Perché?

Il perdono è un argomento difficile.

Innanzitutto, ha due significati distinti:

  • Per rinunciare al risentimento o alla rabbia
  • Per perdonare un reato; smettere di cercare punizioni o ricompense

Qui, mi concentrerò sul primo significato, che è abbastanza ampio da includere situazioni in cui non hai permesso a qualcuno di legarlo moralmente o legalmente, ma vuoi comunque arrivare alla pace per quello che è successo. Trovare il perdono può camminare mano nella mano con la ricerca della giustizia.

Secondo, a volte c'è il timore che se perdoni le persone, significa che approvi il loro comportamento (come dare loro un lasciapassare gratuito per il male). In realtà, è possibile sia vedere l'azione come moralmente riprovevole e non essere più arrabbiata con la persona che l'ha fatto. Potresti continuare a sentirti triste per l'impatto su di te e sugli altri – e agire per assicurarti che non accada mai più – ma non ti senti più addolorato, riprovato o vendicativo.

Terzo, il perdono può sembrare elevato, come si applica solo alle grandi cose, come i crimini o l'adulterio. Ma il più indulgente è per i piccoli lividi della vita quotidiana, quando gli altri ti deludono, ti ostacolano o ti agitano, o ti strofinano nel modo sbagliato.

Quarto, paradossalmente, nella mia esperienza, la persona che ottiene il massimo dal perdono è solitamente colui che fa il perdono. Una ragione è che spesso perdoniamo le persone che non sanno mai di averle perdonate; Per la maggior parte del tempo non hanno mai saputo che ci siamo sentiti in colpa in primo luogo! Inoltre, considera due situazioni: in una, qualcuno ha rancore verso di te ma poi ti perdona; nell'altra situazione, hai un rancore verso qualcuno ma poi lascialo andare. Quale situazione ti prende più peso del tuo cuore? Generalmente è il secondo, dal momento che prendi il tuo cuore ovunque tu vada.

Fondamentalmente, il perdono ti libera dai grovigli di rabbia e retribuzione, e dalle preoccupazioni con il passato o con il caso in corso nella tua mente riguardo alla persona a cui sei arrabbiato. Sposta il tuo senso di sé da quello passivo in cui accadono cose brutte a te, a quello in cui sei attivo nel cambiare i tuoi atteggiamenti: sei un martello ora, non più un chiodo. Allarga il tuo punto di vista per vedere la verità delle molte, molte cose che fanno agire le persone come fanno, posizionando qualsiasi cosa sia accaduta nel contesto, in un insieme più ampio.

E più profondamente, come tu perdoni a te stessa, che può coincidere con gravi correzioni nei tuoi stessi pensieri, parole e azioni, la tua profonda e naturale bontà si rivela sempre più.

Come?

Come meglio puoi, abbi cura di te stesso e di coloro a cui tieni. Proteggiti dai danni in corso o potenziali. Fai quello che puoi per riparare il danno che ti è stato fatto. Continua a rendere la tua vita buona.

Chiedi supporto. Siamo intensamente, visceralmente animali sociali. È molto più facile perdonare i tuoi trasgressori dopo che gli altri sono stati testimoni dei modi in cui sei stato maltrattato. (Questo punto parla anche dell'importanza di testimoniare i danni fatti agli altri, sia che si tratti dell'impatto della freddezza di un adolescente sulla tua compagna, o dell'impatto di pregiudizi religiosi su milioni di persone.)

Onora la ferita. Cerca di non essere sopraffatto, ma aperto allo shock, al dolore, al senso di ingiustizia, alla rabbia o ad altri aspetti dell'esperienza. Permetti ai pensieri e alle sensazioni e ai desideri correlati di avere un respiro e di fluire e rifletterti nel tempo con i loro ritmi organici. Il perdono non riguarda l'arresto dei tuoi sentimenti; aprirsi all'esperienza in un grande spazio di consapevolezza consapevole è un aiuto al perdono.

Controlla la tua storia. Attenzione per esagerare quanto è stato terribile, significativo o imperdonabile l'incidente. Stai attento a assumere l'intento; con la vita moderna, molti di noi sono piuttosto stressati e disperati per la maggior parte del tempo; forse sfortunatamente ti sei imbattuto in qualcuno in una brutta giornata. Metti l'evento in prospettiva: è stato davvero un grosso problema, date tutte le altre cose positive della persona che ti ha turbato? Forse lo era, ma forse non lo era.

Apprezzo il valore del perdono. Chiediti: cosa mi costa la mia lamentela, il mio risentimento? Quanto costa agli altri a cui tengo? Come sarebbe mettere quei pesi giù?

Guarda l'immagine grande. Considera le "10.000 cause" a monte della persona che ti ha ferito, come la sua vita e la sua infanzia, i genitori, le finanze, il temperamento, la salute, lo stato mentale poco prima che accadesse, ecc.

Cerca di non prendere ferite in modo così personale. C'è un vecchio detto: ogni giorno ferisce e l'ultimo uccide. Siamo tutti feriti. Questo non significa rendersi un obiettivo o lasciare che i malfattori si sottraggono, ma significa riconoscere che il prezzo di essere vivi include un dolore inevitabile e il rischio di lesioni gravi in ​​una forma o nell'altra. Non è personale. È la vita. Non abbiamo bisogno di sentirci offesi da questo.

Aiutati a venire in pace. Accetta che il passato è fisso e non cambierà; la cosa brutta non sarà mai accaduta. Sgancia la tua mente dalla tua storia, narrativa, "caso" sugli eventi. Evita le persone che accendono le fiamme degli indignati. Concentrati sulle cose buone della tua vita, sulla gratitudine. È già abbastanza brutto che le persone ti abbiano fatto del male; non aggiungere la beffa al danno facendoti prendere dalla tua stessa testa. Ad esempio, potrebbero aver fruito di alcuni dei tuoi soldi, ma non darti nemmeno la tua idea.

Rick Hanson, Ph.D. , è psicologa, senior fellow del Greater Good Science Center di UC Berkeley e autrice di best-seller del New York Times. I suoi libri includono Hardwiring Happiness (in 14 lingue), Buddha's Brain (in 25 lingue), Just One Thing (in 14 lingue) e Mother Nurture . Edita il Wise Brain Bulletin e ha diversi programmi audio. Laureato con lode alla UCLA e fondatore del Wellspring Institute for Neuroscience and Contemplative Wisdom, è stato invitato come relatore a Oxford, Stanford e Harvard e ha insegnato nei centri di meditazione in tutto il mondo.

Il Dr. Hanson è stato un fiduciario della Saybrook University e ha lavorato nel consiglio di Spirit Rock Meditation Center per nove anni. Il suo lavoro è stato presentato su BBC, CBS e NPR e offre la newsletter gratuita di Just One Thing con oltre 109.000 abbonati, oltre al programma online Foundations of Well-Being in neuroplasticità positiva.

Solutions Collecting From Web of "Ti senti in colpa?"