Ti senti bloccato nella tua battaglia contro un disturbo alimentare?

Immaginate una sorta di trattamento del disturbo alimentare in cui quante volte vi sono stati abbuffati o purgati, o quanto peso avete guadagnato questa settimana, o quanto bene avete bloccato il vostro piano alimentare non era importante.

Immagina che, invece, ciò che importa sia il modo in cui le tue azioni durante la settimana sono state al servizio dei tuoi veri valori. Questi potrebbero includere il miglioramento delle relazioni familiari, l'immaginazione di te stesso in una relazione impegnata e amorosa o il ritorno a scuola o al lavoro. Immagina come sarebbe se il tuo obiettivo primario fosse quello di respingere le azioni che servono il tuo disturbo alimentare: impegnarsi in "chiacchiere" evitando eventi sociali che coinvolgono il cibo, o mantenendo le tue abitudini alimentari segrete, per esempio.

Questo, in poche parole, è il cuore di un approccio terapeutico chiamato ACT, che sta per Accettazione e terapia di impegno. Ne ho già parlato prima, ma sta guadagnando nuovi sostenitori nel mondo dei disordini alimentari. L'ACT può essere uno strumento particolarmente utile per il paziente a lungo termine o per qualcuno che si sente bloccato e incapace di progredire.

ACT è stato uno dei temi del workshop nell'ultima conferenza annuale del Renfrew Foundation Center a Philadelphia. Anche se le sessioni sono rivolte principalmente ai professionisti, sto continuando su quello che ho fatto in passato, scegliendo i consigli pratici per coloro che combattono un disturbo alimentare e le persone che si prendono cura di loro.

ACT, come relatore Danielle Doucette, PsyD, una psicologa con sede a Chicago, ha spiegato, sfida l'approccio basato sul DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) per il trattamento dei disturbi alimentari, "in cui controlli un elenco di sintomi, e eliminarli "in modo che un paziente sia privo di sintomi e possa essere dichiarato" recuperato ".

La dottoressa Doucette ha spiegato che ACT non rende i sintomi o comportamenti disturbati dal cibo il nemico. Invece incoraggia i pazienti a identificare i valori con cui vorrebbero vivere, e li aiuta a perseguire attivamente quelli. Se i sintomi diminuiscono o scompaiono non è il problema; un paziente può diventare molto più felice e impegnato nella vita pur continuando a purgare due o tre volte la settimana, per esempio. È una battaglia tra i valori: quelli del tuo vero sé e quelli del disturbo alimentare, o come Jenni Schaefer la chiamava famosamente, "Ed".

I pazienti entrano, ha spiegato la dottoressa Doucette, volendo risolvere i loro problemi, che si tratti di attacchi di panico, eccesso di cibo o problemi di immagine del corpo. "Ad un certo punto, abbiamo fatto soffrire un problema da risolvere, come un problema di matematica." Solo il dolore non può essere risolto, aggiunge, "non più di un tramonto può essere risolto." Secondo ACT, il dolore "è solo . "La dottoressa Doucette ha esortato il suo pubblico di praticanti a" testimoniare quel dolore, non cercare di risolvere il problema ".

ACT, ha detto il dott. Doucette, "mette in discussione l'idea che i guadagni di trattamento possono essere fatti solo in ambito ambulatoriale" e ha descritto una serie di esercizi pratici che chiunque può provare ad impiegare:

"La mancanza di speranza creativa", per esempio, pone la domanda: "Come sono arrivato in questo posto così lontano da dove voglio essere?" I pazienti con disturbi alimentari sono abili a "risolvere i problemi da difficili o sentimenti dolorosi ", ha spiegato la dott.ssa Doucette. Vuoi smettere di sentire il grasso, o fermare l'ansia che senti nei confronti del cibo? Le soluzioni potrebbero includere l'esercizio compulsivo, il taglio o l'abbuffata e poi lo spurgo.

Nell'esercizio di mancanza di speranza creativa, che è stato progettato per chiarire quanto siano distruttive queste strategie, il dott. Doucette porrà al paziente tre domande:

1. Che cosa hai provato a fare per sbarazzarti dei pensieri e delle ansie sul sentirsi grassi?
2. Cosa rende questi valori impraticabili?
3. Quando ti impegni in questi comportamenti ti stai spostando verso i tuoi valori o lontano da loro?

Un altro approccio illustra il valore del passaggio dalla "fusione" con i potenti valori alimentari-disordinati ("Mi sento grasso quindi devo morire di fame oggi") verso la "diffusione", o la capacità di vedere quei pensieri come semplici pensieri, trucchi della mente che potrebbe o potrebbe non essere vero, pensieri che ti stanno tagliando fuori dalla vita che vuoi vivere.

L'esercizio, che Dr. Doucette chiama "Le mani come pensieri metafora", chiede ai pazienti di mettere le loro mani aperte davanti a loro come un libro. Le mani sono i pensieri disordinati che sono rigidamente fusi e costretti a seguire. Poi il terapeuta ha chiesto loro di portarsi lentamente le mani in faccia, quasi a toccarsi il naso. Nota come la stanza ha un aspetto diverso. Com'è parlare a qualcuno quando non riesci a vedere la loro risposta emotiva o ricambia il gesto? Puoi giocare con i tuoi figli con quei pensieri proprio davanti alla tua faccia? Ora, puoi portare i tuoi pensieri sulle tue ginocchia? Non li stai buttando via, ma stai prendendo le distanze da loro. Ti accorgi di come vedi quello che succede intorno a te, come cambia ciò che puoi vedere, fare e dire?

L'idea è di immaginare di essere in grado di prendere le distanze dal ciclo negativo di auto-parlare e comportamenti e di vedere più chiaramente quali sono i tuoi punti di forza, dove vuoi andare nella vita e quali azioni devi intraprendere per arrivarci.

Spero che il post ti abbia aiutato a capire che cos'è ACT e come potresti essere in grado di utilizzarlo nella tua vita, o tenerlo a mente quando parli con una persona cara che è bloccata in battaglia con un disturbo alimentare. Per ulteriori informazioni, ecco un link ad alcune delle presentazioni grafiche di Dr. Doucette su ACT e disturbi alimentari. Qui troverai un'interessante Q & A con l'autrice e psicologa Emily Sandoz, PhD, che ha scritto libri su ACT, disturbi alimentari e immagine corporea.

Solutions Collecting From Web of "Ti senti bloccato nella tua battaglia contro un disturbo alimentare?"