Ti piacerebbe diventare più interessante?

Chiavi per connessioni più ricche

John Amodeo

Fonte: John Amodeo

Quante volte ti sei visto come una persona noiosa e poco interessante? Tendi a sentirti impacciato, troppo timido o goffo quando interagisci con le persone? L’immagine di sé di non interesse può approfondire il nostro isolamento e la solitudine, contribuendo nel contempo a una bassa autostima.

Cosa ci rende interessanti? È il nostro patrimonio netto, i nostri risultati, o impressionare le persone con le nostre battute o storie? Potremmo fare sforzi per creare un’immagine che alcune persone trovino attraente. Ma vogliamo che le persone siano attratte dalla nostra immagine o da noi ?

La chiave per essere interessanti è con chi siamo come persone. Siamo attratti da persone che sono reali per coloro che si sentono a proprio agio mostrando il loro sé autentico. Portiamo una qualità più profonda di vitalità alle nostre relazioni mentre notiamo e riveliamo i nostri veri sentimenti e desideri. Non è quello che abbiamo fatto con le nostre vite, ma semplicemente sentire la vita che scorre dentro – essere sintonizzati con noi stessi e accogliere il nostro momento per momento sentiti sperimentare.

Diciamo che siamo in un appuntamento e sentiamo una connessione. Lo esprimiamo o no? Se è il primo appuntamento, potremmo aspettare il nostro tempo mentre conosciamo la persona. Ma se restiamo congelati in silenzio e riveliamo poco di noi stessi – come ci sentiamo per le cose o come stiamo vivendo il nostro tempo insieme – la nostra data potrebbe concludere che non siamo interessati a loro … o che non siamo molto interessanti.

Diventiamo più interessanti mentre impariamo a coltivare una connessione, poiché corriamo il rischio di esporre le nostre paure e rivelare le nostre ferite, le nostre speranze e le nostre gioie. Esprimiamo ciò che delizia il nostro cuore, ciò che ci fa sentire vivi e ciò che ci tiene svegli di notte. Se raramente ci assumiamo il rischio di rivelarci in un modo in cui le persone possono “sentirci” come persone, rischiamo di essere vissute come noiose. Essendo eccessivamente autoprotettivi, rimaniamo isolati.

Questo non vuol dire che dovremmo immediatamente rivelare tutti i nostri sentimenti. Non vogliamo sopraffare o spaventare le persone con confini sciatti o fare supposizioni su quanta intimità vogliono con noi. La nostra sfida è rimanere abbastanza sintonizzati per valutare ciò che ci sentiamo sicuri di condividere e cosa potrebbe aspettare per un altro giorno in cui è cresciuta una maggiore fiducia.

Mostrare interesse in altri

Diventiamo più interessanti mentre dimostriamo un genuino interesse a conoscere una persona. Immagino che una persona che presta attenzione a te e ascolta bene diventa interessante per te. Di solito si sente bene quando qualcuno è curioso di noi. Puoi estendere il dono di ascoltare gli altri?

La tua attenzione si perde quando sei con qualcuno? Stai preparando la tua risposta o stai pensando alla cena? Puoi permettere alla tua mente di acquietarsi, tornare dolcemente al momento presente e essere curiosa di questo straordinario essere umano di fronte a te, ponendo domande e facendo ulteriori indagini sulla base della loro risposta? Nutriamo una connessione viva quando troviamo un ritmo tra il rivelare la nostra esperienza interiore e ascoltare l’esperienza degli altri.

Coltivare la connessione

Le relazioni possono vacillare o diventare noiose quando tratteniamo i nostri sentimenti autentici l’uno dall’altro. Le coppie spesso offrono le loro analisi non richieste, opinioni e critiche l’una dell’altra, come se ciò potesse cambiare il loro partner, piuttosto che rivelare i loro sentimenti e desideri.

Potrebbero abbaiare, “Sei egoista e indifferente”, ma non rivelare i sentimenti più teneri che sottostanno a questi giudizi dolorosi. Questo potrebbe essere: “Mi è mancata una connessione con te. Sono solo per te. Sono preoccupato che ci stiamo allontanando e non ci faremo strada l’uno verso l’altro. ”

Diventiamo più interessanti – creando un clima per una connessione attiva e attiva – quando esponiamo i nostri sentimenti vulnerabili. Ascoltare il tuo partner dire “Sei così assorto” rischia di allontanarti. Ascoltare “I love your company” è più probabile che susciti il ​​nostro interesse e ottenga una risposta positiva.

Gli approcci che ci aiutano a contattare la nostra esperienza sentita, come Focusing (Gendlin), possono aiutarci a connetterci con ciò che è vivo dentro di noi. L’intimità cresce condividendo la nostra esperienza l’uno con l’altro e ascoltando senza giudizio. Dobbiamo essere consapevoli di ciò che stiamo vivendo e trovare il coraggio di rivelarlo a persone selezionate.

Essere interessati alla vita

Una chiave per sostenere relazioni intime e nutrienti è non essere così interessati ad essere interessanti, ma piuttosto perseguire un percorso in cui la vita diventa interessante per noi. Ciò che ci nutre, ci anima e ci espande? Stiamo seguendo i nostri interessi in musica, arte, danza, natura, passeggiate, esercizio fisico, giardinaggio, yoga, meditazione o qualsiasi altra cosa ci aiuti a sentirci più vivi? Ci stiamo muovendo verso una vita consapevole, connessa o stiamo attraversando i movimenti – vivendo quello che la psicologa Tara Brach chiama una “trance di indegnità”.

Quando diventiamo più impegnati con la vita, viviamo con più significato e intensità. Ci prendiamo meno sul serio e godiamo momenti di umorismo e risate. Condividiamo la nostra esperienza con più spontaneità e meno vergogna e autocoscienza.

Il segreto per diventare più interessante è diventare più interessati – nelle persone, nella vita e anche in noi stessi. Diventiamo curiosi riguardo alle persone e facciamo più domande. Siamo interessati a creare una vita in cui possiamo vivere con più amore e gioia nel nostro cuore. Questo è il miele che attrae le persone verso di noi.

Per favore ricorda di essere gentile con te stesso. Tutto ciò richiede pratica. Non dobbiamo fare la vita perfettamente. Rilassarsi ed essere se stessi è abbastanza … e vedere cosa ti succede.

© John Amodeo