Ti fidi dei tuoi amici?

Ogni volta che cerco su Google e consulta Trip Advisor, Zagat o Amazon per consigli o valutazioni dei prodotti, ho la stessa probabilità di rivolgermi a un amico.

Alcuni dei miei amici sono nati infomani. Sembrano sapere più di me su tutto. Altri sono specialisti di nicchia: Judy conosce il menu di quasi tutti i ristoranti di Manhattan; Risa tiene traccia dei nuovi arrivi presso Home Goods e TJ Maxx. Dipendo dalla base di conoscenza dei miei amici, online e offline, per aiutare a espandere il mio.

Un recente articolo del New York Times, Search Takes a Social Turn di Jenna Wortham documenta la tendenza delle persone che si rivolgono a un cerchio online fidato per aiutarli a fare delle scelte, soprannominando la "tendenza dell'amico". Di conseguenza, un numero crescente di persone di società basate sul web stanno escogitando modi per sfruttare la potenza di tali dati per incentivare le vendite.

L'articolo cita una società start-up a New York di nome Hunch, una delle tante che ha sviluppato un software sofisticato per analizzare le preferenze degli amici di qualcuno al fine di prevedere il comportamento di acquisto. Il database dell'azienda mostra, per esempio, che gli utenti di Twitter preferiscono il Museum of Modern Art di New York al teatro.

La tendenza riflette un altro parallelo tra il mondo reale e quello virtuale. La fiducia è un ingrediente essenziale di ogni solida amicizia. Diamo per scontato che i nostri amici più stretti saranno onesti quando chiediamo le loro opinioni e che raramente ci guideranno se si tratta di un prodotto o di un problema personale, certamente non intenzionalmente. Hanno le spalle e hanno a cuore i nostri interessi. Ecco perché una violazione della fiducia scuote le fondamenta stesse di un'amicizia.

Segui The Friendship Doctor su Twitter.

Solutions Collecting From Web of "Ti fidi dei tuoi amici?"