Third School Suicide a Newton, MA, la mia città natale

Recentemente ho letto la notizia molto inquietante di un terzo suicidio adolescenziale nella mia città natale di Newton, MA.

Come specialista del suicidio, ogni volta che sento queste notizie, cerco di nuovo di capire cosa sta succedendo nella mente di qualcuno nel momento in cui prendono la loro vita. Ogni volta che sono spinto a farlo, mi viene in mente una nuova comprensione.

È un work in progress per tutta la vita, perché non sono sicuro che lo coglierò interamente.

Tuttavia, leggendo del suicidio più recente, questa volta junior, Roee Grutman, al mio liceo, Newton South High School, mi ha fatto ricordare un incidente quando ho sperimentato in prima persona la "sanità mentale" di uccidermi oltre trent'anni fa quando temporaneamente è entrato nella mente di qualcuno che si è suicidato.

Ero stato al chiaro di luna (coprendo la chiamata per 48 ore alternando con un altro giovane psichiatra) al Metropolitan State Hospital di Norwalk, in California. Di conseguenza ero molto privato del sonno quando ho incontrato Nancy (nome cambiato) il lunedì. Nancy era una donna molto suicida nei trent'anni che aveva fatto tre precedenti tentativi di suicidio (due dei quali avrebbero dovuto ucciderla) e fu ricoverata in ospedale 3-4 mesi all'anno per i precedenti quattro anni.

Non pensavo che la stavo aiutando, eppure lei era nel mio ufficio otto mesi dopo il suo ultimo ricovero dopo il suo ultimo tentativo di suicidio (essendosi buttata giù da una balconata del terzo piano che le aveva spezzato il bacino). Quella fu la più lunga che fosse stata fuori da un ospedale psichiatrico o che fosse andata via senza un tentativo di suicidio in quattro anni.

Nancy raramente mi guardava direttamente, ma invece fissava trenta gradi alla mia sinistra o destra. In questa occasione, mentre ero seduto con lei, la stanza passò improvvisamente dal colore al bianco e nero. E in pochi secondi il bianco e nero si trasformò in un orribile grigio ondulato. Pensavo di avere un ictus o un attacco. Poiché Nancy non mi guardava e quindi non pensavo che sarebbe stato maleducato, ho fatto un esame neurologico su me stesso. Mi toccò le ginocchia, poi i gomiti, poi fissai il mio indice destro mentre indicavo su e giù, a destra ea sinistra.

Tutto ha funzionato, quindi ho concluso che non stavo avendo un ictus o un attacco. Poi ho avuto questa pazza idea di essere in qualche modo emotivamente vedendo il mondo attraverso gli occhi di Nancy. Ed è stato terribile.

Mi ci sono appoggiato ed è diventato ancora più orribile. In retrospettiva, penso che stavo vedendo in qualcosa che gli altri hanno definito "la notte oscura dell'anima".

Ad un certo punto, la suicidalità di Nancy ha reso tutto il senso del mondo per me. Essendo privato del sonno, ho detto: "Nancy, non posso aiutarti a ucciderti, ma se lo farai, penserò ancora bene a te, mi mancherai e forse capirò perché hai dovuto".

Allora mi sono chiesto: "L'ho detto o l'ho detto?" Rendendomi conto di averlo davvero detto, ho pensato tra me e me: "Dannazione, le ho appena dato il permesso di farlo".

Nancy mi ha guardato direttamente negli occhi e quando ho guardato indietro nel suo, ho capito che avevo visto il suo mondo correttamente. Pensando che l'avevo appena spazzato, le chiesi: "Nancy, cosa stai pensando?"

Nancy mi guardò con un leggero sorriso e quello che assomigliava un po 'alla "vita" nei suoi occhi solitamente senza vita e diceva: "Se riesci davvero a capire perché potrei dover uccidere me stesso, forse non ne avrò bisogno ".

E poi il colore nella stanza tornò e così fece Nancy. Ha continuato a ottenere un dottorato di ricerca e sposarsi e avere figli.

Ma quello che mi è rimasto è come in un momento in cui qualcuno sta vivendo ciò che io chiamo i sei lessici del suicidio, il suicidio senza speranza, inutile, inutile, inutile, senza senso, può sembrare un modo razionale per uscire dal loro dolore.

È come se la tua mente avesse colpito l'opposto di un jackpot su una slot machine in cui tutte le ruote ruzzolanti si sono allineate per incantesimo "des-pair" e dove ti senti spaesato con aiuto, speranza, valore, uso, un punto o significato e dove l'abbinamento con la morte come soluzione ha un senso.

E in quel momento non rendersi conto che il suicidio è una soluzione permanente a un problema temporaneo, non si vive abbastanza a lungo da dare ancora una volta a questa slot machine.

Nei miei studi sulle neuroscienze penso che ciò che potrebbe accadere sia che i nostri tre cervelli (chiamati Triune Brain di Paul MacLean) -razionale / superiore / umano in cima all'emotivo / medio / mammifero in cima alla lotta o al volo / azione / inferiore / rettile – in una mente suicida non sono in grado di allinearsi con il loro mondo come lo stanno vivendo.

Questo è il motivo per cui termini come "scollato", "fuori forma" e "fregato" sembrano così giusti per un cervello che ha perso la connessione della sua mente con il mondo. Quando i tre cervelli sono davvero fuori allineamento e fuori sincrono con qualsiasi cosa nella loro vita, la sensazione di ansia e panico fluttuante può diventare insopportabile.

È a quel punto che il sentimento "Non posso sopportare questo momento" si collega al pensiero, "Posso fermare tutto se mi uccido" diventa l'impulso, "Fallo e basta!" Ironia della sorte, in molti casi il momento giusto prima di suicidarsi può essere molto calmo in quanto tutto nella tua mente si allinea con una soluzione al dolore ineludibile che senti.

Penso che quello che sarebbe potuto accadere nel mio incontro con Nancy è che dormire privatamente, connettersi, capire e persino sentire la sanità mentale di dover uccidere se stessa, l'ha aiutata a sentirsi meno sola, a sentirsi meno "senza" e più "con". E quello sembrava essere abbastanza per riportarla indietro.

E il takeaway?

Se hai a che fare con una mente suicida che potrebbe sentirsi senza aiuto, speranza, valore, uso, un punto o un significato fai quello che puoi per sentirlo con loro invece di dare loro una soluzione che possano annuire in accordo con il collo in su, ma hanno altri piani più letali dal collo in giù.

Per aiutarti con questo check out: Ciò che il tuo adolescente vuole che tu sappia, ma non te lo dirà e se hai un adolescente o conosci qualcuno a cui potrebbe parlare, condividilo con loro e chiedi loro di dirti cosa sta succedendo loro. E poi non cercare di risolverlo o risolverlo, "Ascolta, basta".

Il dolore è dolore, la sofferenza si sente completamente sola nel dolore. Se riesci a trovare un modo per aiutare le persone a sentirsi meno sole nel dolore, le sofferenze con cui non possono vivere diventano dolore che possono.

Solutions Collecting From Web of "Third School Suicide a Newton, MA, la mia città natale"