The Whale Sanctuary Project: Dire no grazie a Tanks

The Whale Sanctuary Project non si tratta di rendere la vita difficile per gli acquari che ospitano i cetacei. Si tratta di creare un percorso in avanti per tutti.

Gli animali custoditi nei giardini zoologici terrestri e acquatici – animali da zoo – chiaramente non vivono nulla che assomigli a una vita normale. Soffrono di ogni sorta di disturbi psicologici e fisici e hanno perso la libertà di fare scelte e di controllare la propria vita. Questo pezzo e un'intervista sono un bel seguito di un saggio che ho scritto a proposito di un incontro internazionale allo Zoo di Detroit in cui pro-zoos, ambivalenti di zoo e partecipanti anti-zoos hanno discusso di molte questioni a portata di mano (per maggiori dettagli si veda " Non è ancora successo allo Zoo: restano divisioni affilate "e link in esso) e una recente intervista che ho fatto con Jenny Gray, CEO di Zoos Victoria (Australia) chiamata" Zoo Ethics and the Challenges of Compassionate Conservation ". alla fine di un'intervista che ho fatto sulla futura Carta per la compassione degli animali.

Tra gli argomenti discussi durante l'incontro e nella mia intervista è stato trasformare gli zoo in santuari che sono più per i singoli animali. Poiché sostengo pienamente questa mossa, sono stato contento quando il neuroscienziato e esperto di cetacei Dr. Lori Marino, presidente e presidente del consiglio di The Whale Sanctuary Project, ha accettato di fare un'intervista su questa eccitante nuova avventura. La missione del progetto The Whale Sanctuary "è quella di creare un santuario marino sul modello in cui i cetacei (balene e delfini) possono vivere in un ambiente che massimizza il benessere e l'autonomia ed è il più vicino possibile al loro habitat naturale." La nostra intervista è andata come segue.

Perché tu e altri avete trovato il progetto The Whale Sanctuary?

Abbiamo fondato il Whale Sanctuary Project nel 2016 perché è diventato assolutamente chiaro che, nonostante le crescenti prove per il cattivo benessere in orche, beluga e altri cetacei nei parchi marini, non esisteva un'alternativa esistente. Quindi è stato ugualmente evidente che il prossimo passo negli sforzi per eliminare gradualmente la custodia di questi animali nelle vasche era quello di creare un santuario balneare permanente. Esistono santuari permanenti per elefanti in cattività, primati, orsi e membri di ogni sorta di altre specie e non vi è alcun motivo per cui tale modello non possa essere applicato ai cetacei in cattività.

Molte persone chiedono perché non possiamo semplicemente rilasciare tutti i delfini e le balene in cattività nell'oceano. Mentre capisco il sentimento, i cetacei più in cattività non sono buoni candidati per il rilascio perché sono nati in cattività o sono stati nei carri armati da decenni e mancano delle abilità di vita necessarie per sopravvivere da soli. Ci sono un paio di balene singole, come Corky a SeaWorld San Diego e Tokitae (Lolita) a SeaWorld Orlando, che potrebbero essere rilasciabili (perché sappiamo dove sono i loro gruppi natali), ma a questo punto è difficile dire qualcosa di definitivo.

Ciò che è abbastanza chiaro, tuttavia, è che Corky, Tokitae e tutte le altre balene che vivono in serbatoi di cemento, possono godere di una qualità della vita molto migliore in un santuario marino. Non c'è dubbio che un santuario fornirà molto di più di ciò di cui hanno bisogno per prosperare di qualsiasi parco marino o acquario possibile. E speriamo in un giorno in cui i santuari ospiteranno solo individui liberi che necessitano di cure riabilitative e non saranno più necessari per ritirare le balene dall'industria dei display.

Non si tratta di deridere le intenzioni del personale di cura di acquari e zoo. Piuttosto, si tratta di riconoscere che esiste una profonda incompatibilità tra la natura dei cetacei e il vivere in un serbatoio concreto. E questa è la linea di fondo. Non è solo chi sono. E questo è il caso se vengono presi allo stato selvatico o nati in carri armati. Lo sappiamo a causa degli alti tassi di infezione e delle anomalie comportamentali e della breve durata della vita, il tutto indicando la stessa conclusione: mancanza di prosperità.

Quali sono i tuoi obiettivi principali?

La nostra missione è quella di creare un santuario marino permanente per le orche e le balene beluga dove possono essere forniti di un ambiente il più vicino possibile al loro habitat naturale, pur continuando a ricevere cure e protezione da noi.

I nostri obiettivi includono la creazione di un santuario modello per i cetacei e la fornitura di un progetto, attraverso l'educazione, la trasparenza e la condivisione di informazioni, per un'alternativa ai serbatoi di cemento. È importante sottolineare che il progetto Whale Sanctuary non prevede solo una vita migliore per 6-8 orche o balene beluga. Mentre questo è chiaramente il caso, il Progetto stesso rappresenta qualcosa di molto più ampio: un nuovo modo di relazionarsi con i cetacei. È, a mio avviso, spostare il nostro rapporto con il mondo naturale da quello di oggettivazione e sfruttamento a quello del rispetto e della restituzione.

Attendo con ansia che il santuario sia un luogo in cui possiamo offrire un'autentica educazione a questi animali, perché appartengono all'oceano e perché è importante proteggere e conservare gli oceani e la vita al loro interno.

Com'è stato ricevuto da persone all'interno dello zoo e da persone al di fuori di esso?

La risposta di gran parte del pubblico e della comunità scientifica è stata molto positiva. Ci sono alcuni leader progressisti nel settore dello zoo e dell'acquario che capiscono che i santuari sono un'alternativa molto migliore per i delfini e le balene e altri animali selvatici. Ma non ci sono abbastanza di questi individui che vengono fuori.

Il concetto di santuario per i delfini e le balene è ancora ampiamente combattuto dall'industria dell'acquario. Siamo fiduciosi, tuttavia, che il business dello zoo e dell'acquario vede la "scrittura sul muro" e sa che dovranno cambiare. Siamo pronti e disposti a lavorare con qualsiasi parco marino o acquario che voglia veramente finire di tenere orche e altre balene nei carri armati – purché non vi siano vincoli. The Whale Sanctuary Project non si tratta di rendere la vita difficile per gli acquari che ospitano i cetacei. Si tratta di creare un percorso in avanti per tutti.

Detto questo, resto preoccupato che i rappresentanti dello zoo e degli acquari stiano ancora creando false giustificazioni per le loro pratiche. Continuano a sostenere che vedere gli animali selvatici in mostra ha un valore educativo o contribuisce alle azioni di conservazione. Non c'è un briciolo di supporto scientifico per questa contesa.

Uno dei modi per capire questa finzione in corso è rendersi conto che la priorità per qualsiasi zoo o acquario è la vendita dei biglietti. Se i visitatori non vengono attraverso le porte, si chiuderanno. Ciò significa che tutte le altre priorità, comprese le esigenze dei singoli animali, sono secondarie. Ci può essere una sola priorità, per definizione.

Un santuario autentico è diverso perché la priorità sono i singoli animali e chi sono, ciò di cui hanno bisogno e desiderano e ciò che è meglio per il loro benessere. Tutto il resto è progettato attorno a quell'obiettivo centrale.

Gli zoo e gli acquari hanno una lunga strada da percorrere per riconoscere che gli individui contano. Ad esempio, quando ho letto la tua recente intervista con Jenny Gray e lei ha rifiutato di condannare l'uccisione di cosiddetti "animali in eccedenza" come Marius, la giraffa che è stata uccisa nello Zoo di Copenaghen, mi sono reso conto che c'è ancora una discrepanza fondamentale nell'ideologia (e, sì, etica) tra zoo e acquari, da un lato, e santuari dall'altro. [Marius era una giovane e sana giraffa che è stata uccisa perché non rientrava nel programma di allevamento in cattività dello zoo. Più tardi, nello stesso zoo, quattro leoni furono uccisi per lo stesso motivo. L'uomo che ha preso queste decisioni è stato definito un eroe.]

Il "problema della prigionia" non riguarda solo il benessere (trovare il modo migliore per prendersi cura degli animali mentre li si utilizza ancora come mezzo per raggiungere un fine). Riguarda i diritti naturali di tutti gli animali di vivere le loro vite alle loro condizioni. Come, Marc, hai detto molte volte che la conservazione compassionevole non è solo un "welfarismo selvaggio". In realtà, è necessario prendere una posizione basata sui diritti nei confronti degli altri animali se vuole avere un significato. E il modello tradizionale dell'industria dello zoo e dell'acquario è incompatibile con quella posizione.

Per favore, racconta ai lettori alcuni dei tuoi successi.

Dal momento della nostra costituzione come organizzazione non-profit, il progetto Whale Sanctuary ha raggiunto una serie di importanti traguardi. Abbiamo un piano strategico e finanziario decennale, un forte comitato consultivo di esperti, un grande Consiglio di amministrazione e stiamo completando il processo di selezione del sito. Tutto ciò è stato reso possibile finora da generosi donatori e dal nostro principale benefattore, Munchkin, Inc. L'anno prossimo ci auguriamo di essere in procinto di procurare e sviluppare il sito santuario e, con più aiuto e supporto, aperto e pronto a prenderci cura per orche e / o beluga nel 2019.

La chiave del successo è la creazione della migliore squadra del mondo. Sono orgoglioso di dire che l'abbiamo fatto. E diamo il benvenuto ad altri che condividono la nostra visione.

Quali sono alcuni dei tuoi altri progetti?

Nessuno sforzo esiste nel vuoto e questo è certamente il caso del Whale Sanctuary Project. Il problema di tenere in mostra i delfini e le balene sani in carri armati è esploso con il film Blackfish, in cui ho avuto il privilegio di essere intervistato, e ha generato un movimento culturale manifestato in una serie di sforzi in tutto il mondo. Il progetto Whale Sanctuary fa chiaramente parte di quel movimento globale.

Sto anche lavorando per sostenere il disegno di legge S-203 in Canada, che renderebbe illegale introdurre altri delfini e balene sani da esporre nei parchi marini. E. con i colleghi, sto lavorando a diversi articoli scientifici su argomenti come la salute psicologica dei mammiferi marini in cattività alle false affermazioni dell'industria della terapia assistita dai delfini.

Andando un po 'più lontano, continuo a lavorare con Farm Sanctuary in The Someone Project, che è un meraviglioso progetto in corso che coinvolge la ricerca e la pubblicazione sull'intelligenza, la sensibilità e le complessità sociali degli animali d'allevamento, al fine di educare il pubblico agli animali da allevamento non sono qualcosa, sono qualcuno.

E, attraverso il Centro Kimmela, continuo a lavorare su questioni di difesa degli studi. È importante raggiungere le prossime generazioni di scienziati, studiosi ed esperti che vogliono applicare la loro istruzione e le loro abilità per difendere a nome di altri animali.

Tutti questi sforzi riguardano il cambiamento delle nostre opinioni sugli altri animali da una superiorità a una di parità. Non è tutto su di noi!

Grazie mille, Lori, per questa intervista più informativa. Sforzi come il progetto The Whale Sanctuary mi danno speranza per il futuro. È essenziale prestare molta attenzione al benessere dei singoli animali e il tuo progetto lungimirante e più necessario fa proprio questo.

Chiaramente, lo status quo è inaccettabile. Nella mia intervista con Jenny Gray abbiamo discusso di ciò che ha scritto nel suo libro Zoo Ethics: The Challenges of Compassionate Conservation su come pochi zoo stanno cercando di eseguire operazioni etiche. Ero sbalordito quando ho letto i numeri. A pagina 208 la signora Gray scrisse: "Sfortunatamente la maggior parte degli zoo esistenti oggi non soddisfa ancora i requisiti delle operazioni etiche. Nella migliore delle ipotesi, il 3% degli zoo sta cercando di soddisfare gli standard etici, con forse solo una manciata che soddisfa tutti i requisiti. Ma c'è speranza "Questo significa, naturalmente, che circa il 97 per cento degli zoo di oggi non si sforza nemmeno" di soddisfare gli standard etici ".

Non vedo molta speranza dato l'attuale stato di cose, ed è per questo che abbraccio il tuo progetto. Siamo le linee di vita per altri animali. Dobbiamo fare tutto il possibile per loro, in modo che possano vivere in pace e sicurezza e con il rispetto e la dignità che meritano pienamente a causa di chi sono veramente, cioè di esseri profondamente sensibili che si preoccupano di ciò che accade loro, delle loro famiglie e i loro amici. È un eufemismo dire che altri animali hanno bisogno di tutto l'aiuto che possono ottenere in un mondo sempre più dominato dall'umano. Grazie per i tuoi sforzi.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono Jasper's Story: Saving Moon Bears (con Jill Robinson); Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole; Perché i cani e le api si deprimono: l'affascinante scienza dell'intelligenza, delle emozioni, dell'amicizia e della conservazione degli animali; Rinnegare i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza; The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson); e The Animals 'Agenda: libertà, compassione e convivenza nell'era umana (con Jessica Pierce). Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno saranno pubblicati all'inizio del 2018. Per saperne di più su marcbekoff.com.

Solutions Collecting From Web of "The Whale Sanctuary Project: Dire no grazie a Tanks"