The Unified Theory: un blog tour

Molte persone si chiedono se sia possibile un approccio più unificato alla psicologia. La mia risposta è che sì, è possibile e prezioso. Per chi è interessato a questa grande domanda e sono curioso del mio sistema, offro questo lungo post di blog come una sorta di visita guidata all'approccio unificato. Quello che segue è iniziato come una nota ai miei studenti di dottorato del primo anno in cui stavo cercando di fornire loro il modo più accessibile per comprendere l'approccio unificato e i suoi vari elementi. La mia nota si è allungata sempre di più e ciò che è iniziato a emergere mi è sembrato un utile tour delle mie idee attraverso il mio blog, quindi ho deciso di trasformarlo in un post che può servire come riferimento per le persone che sono interessate a vedere la psicologia tramite questo obiettivo

Quello che segue sono nove sezioni, un po 'come mini-capitoli di elementi chiave della teoria unificata. Ognuno ha link a blog che ho scritto sull'argomento. In questo modo le persone possono vedere come l'approccio unificato si connette a molti domini diversi nel campo. La sezione I introduce il tour evidenziando quello che io chiamo il problema della psicologia, che indica la necessità di una visione unificata. Sezione II fornisce una panoramica degli ingredienti centrali che compongono la teoria unificata. La Sezione III articola le implicazioni che l'approccio unificato ha per la nostra identità di psicologi e l'assetto istituzionale della psicologia. La Sezione IV articola come la teoria unificata definisce e caratterizza i costrutti psicologici fondazionali come la mente, la cognizione, il sé e la coscienza. La Sezione V articola la vista unificata applicata al funzionamento del personaggio e al suo benessere. La Sezione VI articola come la prospettiva mappa le relazioni e il genere. La sezione VII esamina i contributi e le prospettive sulla psicopatologia. La Sezione VIII spiega come possiamo ora procedere verso una visione unitaria della psicoterapia. La sezione finale articola le vaste implicazioni del sistema oltre il campo della psicologia, nella filosofia e nel futuro dell'umanità.

Sezione I: Introduzione: il problema della psicologia e il bisogno di una visione più unitaria

Il punto fondamentale che faccio è che la psicologia manca di un'efficace meta-prospettiva del campo e che la mancanza di una tale visione limita enormemente il potere del campo. Se si potesse sviluppare una meta-prospettiva efficace, la psicologia si troverebbe in una posizione molto migliore per avere un impatto positivo sulla società.

La ragione è che al momento la psicologia esiste come una confusa massa di informazioni. Se dubiti di questo, considera che il famoso studioso di psicologia, Sigmund Koch, fu letteralmente incaricato dall'APA alla fine degli anni '50 di condurre uno "studio della scienza" e di definirlo. Dopo anni di studi, ha concluso che il campo della psicologia NON era un'entità concettualmente coerente e NON POTREBBE ESSERE UNO . Al contrario, si trattava in realtà di una confederazione di sottodisciplinazioni che si sovrapponeva liberamente (quella che chiamava una "raccolta di studi") che più spesso si occupava di materie diverse da prospettive diverse e sosteneva metodi diversi.

Lo stato attuale del campo conferma in gran parte il "ritrovamento" di Koch. Nel capitolo introduttivo del suo popolare testo How to Think Straight About Psychology (2012, 10 a edizione), Keith Stanovich nota che molti studenti vengono in psicologia sperando in una grande prospettiva che definisca chiaramente il campo e offra una visione unificata del comportamento umano. Egli osserva che sfortunatamente tali "speranze sono spesso deluse perché la psicologia non contiene una teoria grandiosa ma molte teorie diverse, ciascuna che copre un aspetto limitato del comportamento" (p.4). Il libro dice agli studenti delusi di non disperare. Sebbene gli psicologi non abbiano una teoria unificata, hanno il metodo scientifico ed è il loro impegno per il metodo scientifico che definisce il carattere della psicologia. Il resto del libro offre agli studenti una guida eccellente su come pensare scientificamente al comportamento umano.

Sfortunatamente, però, la psicologia unificante attraverso l'impegno per la metodologia di ricerca fallisce per una serie di ragioni. Per i principianti, fallisce come livello di specificità. Ci sono molte altre discipline che impiegano il metodo scientifico per spiegare alcuni aspetti del comportamento umano (ad esempio, economisti, antropologi, biologi, kinesiologi, sociologi, neuroscienziati e politologi). Secondo, non riesce a livello di sensibilità. Ci sono molti psicologi che non sono ricercatori, ma professionisti professionisti. Un'ultima ragione è che i fatti derivati ​​dal metodo scientifico devono essere interpretati da quadri concettuali per avere significato e applicabilità. La linea di fondo è che il metodo scientifico non è un fine in sé, ma piuttosto un mezzo per un fine. Gli psicologi utilizzano il metodo scientifico perché presumibilmente conduce a nuove e più accurate conoscenze o mappe migliori e migliori. Nella misura in cui non siamo in grado di generare una mappa, abbiamo fallito nel nostro obiettivo finale. Dal mio punto di vista, è una grave limitazione del campo che non può specificare quale sia il suo oggetto, né organizzare i suoi risultati in un quadro coerente. Le referenze degli studenti Stanovich hanno tutto il diritto di essere deluse.

Anche se è palesemente evidente quando lo si cerca, la maggior parte degli psicologi non sono profondamente consapevoli di quanto sia confusionario il campo della psicologia a livello concettuale. Molti trovano la scienza o lo studio del "comportamento e dei processi mentali" come una concezione "abbastanza buona" e hanno un senso di ciò che significa. E per coloro che sono a conoscenza dei problemi paradigmatici della psicologia, solo alcuni teorici e profondi pensatori concettuali lo considerano una "crisi". La maggior parte degli psicologi, dei ricercatori accademici e dei professionisti del settore professionale, sono a posto (o sono relativamente indifferenti) con questo accordo. I ricercatori hanno domande sui fenomeni e non devono necessariamente preoccuparsi di quelle che sembrano essere ampie, domande di identità istituzionale. Allo stesso modo, i professionisti devono gestire la sofferenza del loro cliente, non chiedendosi se stanno davvero facendo psicologia.

Eppure, nella misura in cui vi è un'assenza di un ampio quadro generale e ogni ricercatore arriva con la propria domanda e le proprie definizioni operative, ciò che accadrà – effettivamente ciò che è accaduto – è una proliferazione di scoperte interessanti che, alla fine, sommare a una massa di informazioni confuse. Allo stesso modo, date un'occhiata alla professione e alle relative discipline di salute mentale e ciò che vedrete è una simile massa di confusione. Cos'è la malattia mentale? Quali sono gli approcci migliori? Qual è l'approccio più scientifico? Il più umanistico? Quello che sto introducendo qui è quello che chiamo "Il problema della psicologia". Questo è il fatto che sebbene le persone agiscano come se la psicologia fosse un'entità singolare, non lo è. In effetti, nessuno sa come definire chiaramente il campo e ciò si traduce in problemi concettuali profondi

Ecco quattro blog che articolano i vari aspetti del Problema della Psicologia, specificando perché il campo è bloccato in una "trappola di frammentazione" e perché i suoi problemi di definizione concettuale richiedono attenzione e non possono essere risolti semplicemente eseguendo studi meglio progettati:

Trappola per frammentazione della psicologia

La torre di Babele di psicologia

Ottenere chiarezza sul problema della psicologia

Alla ricerca di unità in un campo frammentato

Sezione II: Le idee chiave che costituiscono l'approccio unificato

In questa sezione, introduco i pezzi chiave dell'approccio unificato. Mentre la mia prospettiva maturava nella scuola di specializzazione, mi resi conto che ciò che cercavo era una comprensione cumulativa della condizione umana, e quindi ciò che volevo dalla scienza della psicologia umana era una teoria praticabile della persona. Come i blog della sezione precedente, non ho trovato questo nella scienza psicologica tradizionale. Invece, ho trovato una serie infinita di fatti interessanti e teorie isolate che insieme non mi hanno lasciato con la profonda comprensione che cercavo. Questo è il vuoto che sto cercando di colmare. E, attraverso un viaggio intellettuale che risale alla metà degli anni '90, credo di aver costruito i contorni di una teoria praticabile di persone che assimilano e integrano intuizioni chiave dalle maggiori prospettive in psicologia e psichiatria.

In effetti, ciò in cui credo di essere incappato è un nuovo modo di guardare tutta la conoscenza umana, motivo per cui il titolo generale del mio blog è Theory of Knowledge . Tuttavia, il mio obiettivo principale qui è sulla mappa che il sistema prevede per la psicologia umana e professionale.

Per orientarsi all'approccio unificato, possiamo iniziare con questo blog che offre una rapida panoramica di "dieci approfondimenti chiave", ognuno dei quali approfondiremo in dettaglio nelle sezioni successive:

L'approccio unificato in poche parole

Per quanto riguarda i termini, si noti che "teoria unificata" e "approccio unificato" sono essenzialmente sinonimi. Tendo ad usare il termine precedente quando sto cercando di dettagliare le specifiche del sistema che ho costruito. Al contrario, io uso quest'ultimo quando sto parlando di applicarlo in un modo più pratico e intuitivo. Vale anche la pena notare che ora c'è un gruppo di studiosi che identificano esplicitamente come adottare un approccio unificato alla psicoterapia (chiamato Psicoterapia unificata), e io faccio parte di quel gruppo.

Nell'ultima parte di questa sezione, fornisco una panoramica di base delle "quattro parti" che insieme costituiscono la teoria unificata. I quattro pezzi sono: 1) il Tree of Knowledge System; 2) l'ipotesi di giustificazione; 3) The Influence Matrix e 4) The Behavioral Investment Theory. Queste quattro idee possono essere organizzate come segue:

A partire dall'Albero della Conoscenza, un buon punto di partenza è la descrizione del sistema su Wiki qui:

http://en.wikipedia.org/wiki/Tree_of_Knowledge_System

Inoltre, diversi anni fa, con l'aiuto di uno studente, ho creato la home page del Tree of Knowledge System, che puoi consultare qui.

http://psychweb.cisat.jmu.edu/ToKSystem/

Ecco i blog su ciascuno di questi quattro pezzi:

Il sistema dell'albero della conoscenza

L'ipotesi di giustificazione

Teoria dell'investimento comportamentale

The Influence Matrix

Un'altra nota sulla terminologia. Come suggerito da questi collegamenti, era il caso che mi riferivo al mio sistema generale come ad Albero del Sistema della Conoscenza. Si è poi trasformato in "teoria unificata della psicologia", in modo che il mio libro del 2011 fosse Una nuova teoria unificata della psicologia . Ora sono più spesso di una nota che si riferisce ad esso come l'approccio unificato (e anche occasionalmente il sistema unificato).

Sezione III: L'identità degli psicologi e dei tre grandi rami del campo

Questa sezione riguarda le implicazioni che la teoria unificata ha per la nostra identità di psicologi. Spiega anche come, se usiamo l'approccio unificato, possiamo definire chiaramente il campo.

Il primo e più fondamentale punto è che il Sistema ToK, insieme alla teoria dell'investimento comportamentale e all'ipotesi di giustificazione, offre un nuovo modo per definire chiaramente il campo. Specificamente, definisce la psicologia come la scienza del "comportamento mentale", che è la terza dimensione della complessità del sistema ToK. I miei primi due lavori accademici (Henriques, 2003; 2004) sul sistema unificato si sono concentrati su questo problema.

Ciò che è molto interessante nel modo in cui la teoria unificata funziona è che sostiene che dovremmo avere alcuni "rami" molto chiari della psicologia. Nello specifico, dovrebbe esserci una divisione tra "psicologia di base", che riguarda il comportamento mentale in generale e include il comportamento di tutti gli animali, dagli insetti ai primati (inclusi gli umani). Tuttavia, poiché gli umani esistono anche nella quarta dimensione della complessità, Culture on theK, rappresentano un sottoinsieme unico e speciale di animali. Come tale, per chiarezza concettuale, la psicologia umana deve essere pensata come un ramo diverso del campo.

C'è un'altra importante distinzione da fare riguardo alla definizione di psicologia, che ha a che fare con l'identità del campo. Questa è la differenza tra la scienza e la professione. La scienza ha, come ruolo e obiettivo, la descrizione e la spiegazione del comportamento animale e umano. La professione ha, come ruolo e obiettivo, il miglioramento della salute mentale e del benessere degli esseri umani. Sebbene correlati, questi sono due ruoli e obiettivi diversi. La psicologia è stata molto confusa in passato sul fatto che sia o meno una scienza o sia contemporaneamente una scienza e una professione.

In definitiva, la visione qui offerta è che ci sono due rami della scienza psicologica (di base e umana), e vi è un ramo separato della psicologia professionale. Il compito degli scienziati psicologici è descrivere e spiegare il comportamento animale e umano (a livello individuale e di piccoli gruppi). Il compito dello psicologo professionista (o di quello che l'APA chiama ora uno psicologo del servizio sanitario) è quello di trattare la malattia mentale e promuovere la salute mentale.

Con quella cornice offerta, ecco due blog che delineano come l'approccio unificato definisce il campo:

Psicologia definita

Tre grandi rami della psicologia

Vale la pena sottolineare che c'è più interesse che mai nell'unificazione. In effetti, ho visto una proliferazione di approcci innovativi per unificare il campo negli ultimi anni. Spesso mi chiedo se le persone che sostengono l'unificazione abbiano una profonda comprensione dei problemi, così ho sviluppato un blog che descrive ciò che l'unificazione comporta:

Considerazioni riguardanti l'unificazione della psicologia

Ecco una serie di blog in tre parti che accompagna il lettore attraverso i problemi in modo graduale, finendo per spiegare perché l'approccio unificato riesce ad offrire una soluzione concettuale praticabile:

Perché una teoria unificata della psicologia è impossibile (parte I)

Esiste una teoria unificata della biologia (parte II)?

L'unificazione concettuale della psicologia (parte III)

Una nota particolarmente rilevante sull'identità è che esiste una forte branca di psicologi clinici che vedono l'unico ruolo vitale e l'identità degli psicologi come quella di uno scienziato ricercatore. Considerano l'applicazione della scienza portata avanti dai tecnici. C'è una grande differenza nelle implicazioni che questa visione ha per il futuro della psicologia clinico-professionale e della sua identità, che sono descritte in questi due blog.

La battaglia per l'identità della psicologia clinica

Perché il modello di scienziato clinico non funziona

Un punto chiave deve essere fatto qui in relazione a questo dibattito sul modello di traning della scienza clinica e che ha a che fare con la scienza. Sono estremamente pro-scienza e sono d'accordo sul fatto che ci sia un sacco di "ciarlatani" là fuori che un approccio scientifico fedele può "difendersi" contro. Per esempio, sono un po 'critico nei confronti della professione di counseling perché non è efficacemente fondato nella scienza. Il problema non è con la scienza. Il problema è con il modo in cui gli studiosi di scienze cliniche concettualizzano la scienza e l'idea che si possa ridurre appieno la pratica della psicologia alla scienza. Dal mio punto di vista, questa concezione è ben lontana e minaccia il nostro campo. Ciò che è necessario in primo luogo è una concezione coerente della psicologia umana, da cui i professionisti usano per applicarla in modi abili e imparare dalla ricerca e dalle applicazioni per regolare il quadro.

In questa prossima sezione, ci rivolgiamo a come l'approccio unificato mappa i costrutti chiave nella psicologia di base e umana.

Sezione IV: Mappare la mente, il comportamento, la coscienza e il sé

Uno dei miei punti più centrali è che il rapporto tra la scienza e la professione in psicologia è stato confuso in gran parte perché la scienza della psicologia umana è stata così confusa. In altre parole, se ai primi studenti di psicologia fosse mostrata una visione unitaria della condizione umana, sarebbero molto più chiari su come applicarla nel mondo reale. In questa sezione condividerò con voi come l'approccio unificato concettualizza alcuni aspetti fondamentali della psicologia, vale a dire la mente, il comportamento mentale, la coscienza e il sé.

Uno dei concetti più importanti per avvolgere le nostre menti è il concetto di "mente" e la relazione tra costrutti correlati come il cervello, il comportamento, la cognizione, la coscienza e il sé. La mia mente con la "M" maiuscola nel mio sistema si riferisce alla terza dimensione della complessità nel sistema ToK e consiste nell'insieme di "comportamenti mentali". I comportamenti mentali sono comportamenti mediati dal sistema nervoso e comprendono sia azioni che processi cognitivi e coscienti. La distinzione qui è la stessa di Skinner che ha fatto riferimento a comportamenti palesi e segreti. Pertanto, il mio concetto di comportamento mentale (e Mente) si sovrappone direttamente a ciò che Skinner ha definito comportamenti. Nello scrivere questo, mi rendo conto che ho bisogno di fare un blog sul comportamento mentale.

Se la Mente è l'insieme dei comportamenti mentali, cos'è la 'mente'? Ecco un blog su quello seguito da un blog sulla relazione tra la mente e il cervello.

Qual è la mente?

Perché non sono il mio cervello

Ora dobbiamo considerare la coscienza, che è stata toccata nei blog di cui sopra. La coscienza è una costruzione molto complicata, con molti elementi. Dalla prospettiva della teoria unificata ci sono un paio di pezzi chiave. Il primo è che questa prospettiva adotta una prospettiva naturalistica sulla coscienza, il che significa che la coscienza è un fenomeno emergente che nasce da comportamenti neurocognitivi. In effetti, la coscienza è un tipo o sottoinsieme di processi cognitivi. Questa è una grande e importante assunzione da fare. Credo che sia giustificato, ma molti potrebbero differire da tale opinione. Se è il caso che la coscienza ha una relazione diversa con l'universo, allora il sistema unificato è sbagliato o incompleto. Dovremmo essere aperti a questa possibilità. Tuttavia, dovremmo anche essere pensatori critici e appropriatamente scettici. Qui ci sono due blog sulla relazione tra la coscienza e le visioni del mondo.

Tre visioni del mondo sulla natura della coscienza

Sindrome della mano aliena e la disunità della mente

La coscienza si riferisce alla nostra esperienza della realtà ed è anche profondamente correlata alla nostra fondamentale "teoria della conoscenza". Questo prossimo blog lega la prospettiva unitaria all'angolo interessante di Karl Popper sulla realtà umana costituito da tre mondi separati ma collegati.

Realtà umana in tre mondi

Uno dei punti più centrali della teoria unificata sulla coscienza è la necessità di differenziare la coscienza in due flussi separati. Il primo è il flusso esperienziale. Questa è l'esperienza dell'essere in prima persona (o primo animale). Il secondo flusso è il sistema di autocoscienza. È più altamente sviluppato negli umani di qualsiasi altro animale a causa del ruolo che il linguaggio gioca nella mente umana. Dalla prospettiva della teoria unificata, è il linguaggio e la giustificazione che sono le chiavi per comprendere il sistema di autocoscienza umano e il filtraggio che avviene tra i domini della coscienza. Ecco un blog su come l'approccio unificato mappa la coscienza umana:

Mappatura della coscienza umana

Ecco un blog che fa un punto simile, seguito da un blog che collega il modello di coscienza ai tre sistemi di memoria:

Un'altra Trinità di Te

I tre sistemi di conoscenza-memoria che guidano la tua vita

Ecco un blog che lega questa concezione della coscienza al lavoro dello psicologo vincitore del premio Nobel Daniel Kahneman:

Kahneman sul benessere e sui domini della coscienza

Ora vogliamo immergerci nella coscienza "esperienziale", che si riferisce alla tua esperienza di sensazioni, pulsioni, emozioni e immagini. Questi sono tutti "sentimenti". Come notato nei blog precedenti, come la materia del cervello dia origine all'esperienza della vita rimane qualcosa di un mistero, anche se sento che si stanno facendo progressi. Inoltre, dovrebbe essere chiaro che la coscienza esperienziale è qualcosa che condividiamo con altri animali, certamente mammiferi e uccelli, probabilmente pesci e rettili e probabilmente non insetti e vermi, ma non lo sappiamo. Se le piante "sentono" qualsiasi cosa senza un sistema nervoso, allora questa concezione dell'esperienza cosciente è sbagliata.

L'approccio unificato concettualizza la coscienza esperienziale tramite l'equazione della teoria del controllo di P – M => E, che afferma che le Percezioni si riferiscono a Motivi che danno origine a Emozioni. Ecco un blog su come percepiamo il nostro ambiente attraverso l'intersezione di processi bottom up e top down.

Percezione e illusioni percettive

Ecco un blog su come formiamo percezioni a cui si fa riferimento contro i nostri motivi che portano alle emozioni:

Percezioni, motivi ed emozioni: un modello di teoria del controllo

Secondo l'approccio unificato, l'esperienza del dolore e del piacere sono fondamentali per la coscienza esperienziale. Ecco due blog su come pensare al dolore:

I quattro livelli di dolore

Tutto il dolore è psicologico

Mentre la coscienza esperienziale è la chiave, non è l'unico dominio della coscienza. Noi umani abbiamo un sistema esplicito di autocoscienza che altera fondamentalmente l'equazione. Una cosa notevole riguardo l'autocoscienza esplicita è che, poiché è basata sul linguaggio, può essere condivisa direttamente con gli altri. Mentre scrivo questo, condivido direttamente con te i miei pensieri autocoscienti. Al contrario, non posso mai condividere direttamente con voi la mia coscienza esperienziale. (Questo è il motivo per cui i bambini riflessivi fanno domande del tipo "Come faccio a sapere se la tua esperienza di blu è la stessa della mia esperienza di blu?").

Ecco un blog su come l'approccio unificato concettualizza il sé, con riferimento a elementi sia empirici sia autocoscienti:

Un sé o molti sé?

Il sistema di autocoscienza è in gran parte sinonimo di una moderna concezione dell '"ego". È solo che l'ego è più un termine tecnico e clinico. Ecco un blog sulla valutazione del funzionamento dell'Io (o del funzionamento del sistema di autocoscienza).

Gli elementi del funzionamento del ego

Al centro dell'approccio unificato è che il sistema di autocoscienza è organizzato come un sistema di giustificazione. Ecco due blog che chiariscono questo punto in modo più dettagliato:

Comprensione dei nostri sistemi di giustificazione

Nessuno tenta intenzionalmente di giustificare le cose sbagliate

Strettamente correlato al fatto che il sistema di autocoscienza è un sistema di giustificazione è il fatto che le persone filtrano i loro pensieri sia tra il sistema esperienziale e di autocoscienza (il filtro freudiano) sia tra il privato e il pubblico. Qui ci sono due blog su questo problema.

Forze e filtri di auto-conoscenza

Capire come filtriamo i nostri pensieri

Infine, uno dei problemi più imbarazzanti associati all'autocoscienza nel campo della psicologia umana e della filosofia è il problema della libera volontà rispetto al determinismo. Io sono quello che viene chiamato un "compatibilista" su questo tema e questo prossimo blog spiega perché.

Gradi di libertà

Sezione V: Carattere e benessere

La sezione precedente offre una prospettiva generale sull'architettura della mente umana dal punto di vista dell'approccio unificato. Depone le basi per questa prossima sezione sul carattere umano e il benessere. Il carattere è in gran parte sinonimo di ciò che la maggior parte degli psicologi definisce personalità. Gli psicologi si spostarono dal "personaggio" nei primi anni della metà del ventesimo secolo perché volevano un linguaggio dal suono più obiettivo. Ma voglio tornare indietro perché la mia prospettiva è che il linguaggio della psicologia umana è già carico di valore. Perché? Perché, come chiarisce il blog sotto l'ADHD, la psicologia umana affronta il problema della doppia ermeneutica, ovvero che i concetti che gli psicologi umani sviluppano, indipendentemente da come siano obiettivi, saranno cooptati dal pubblico e utilizzati per i loro scopi. La conseguenza di ciò significa che non possiamo sfuggire alla terra della pura obiettività nei nostri concetti, ma dobbiamo affrontare il problema del valore nella psicologia umana.

ADHD e il problema del doppio ermeneutico

Ecco un altro blog sulla necessità di pensare ai valori quando si tratta di personalità:

Virtù e i quattro tipi di carattere

Una delle intuizioni più importanti per me è evidenziata in questo prossimo blog. Come ho notato più avanti nei blog su un approccio unificato alla psicoterapia, ho sviluppato un modo per legare le intuizioni chiave dei principali approcci in psicoterapia in termini di diversi sistemi di adattamento. Ho poi scoperto che il modo in cui stavo concettualizzando quelle intuizioni direttamente legate ad alcuni sviluppi chiave nella moderna teoria della personalità, vale a dire la distinzione tra tratti e adattamenti dei personaggi. Mi sono reso conto che il modo in cui ho legato le intuizioni chiave dei principali paradigmi in psicoterapia ha offerto un modo per organizzare gli adattamenti del personaggio in "un nuovo grande cinque", come dettagliato in questo prossimo blog:

Un altro Big Five per la personalità

L'inquadratura dei cinque sistemi di adattamento è stata fondamentale per il mio lavoro e per come istruisco i miei studenti a concettualizzare la gente in psicoterapia. È cresciuto e si è arricchito negli ultimi due anni, ho visto come può essere riempito con altri costrutti della personalità, come tratti, abilità e patologie. Ciò ha dato origine alla "Character Wheel", spiegata in questo blog:

La ruota dei personaggi

Quando si inizia a pensare alla personalità in termini di carattere, il concetto di benessere e benessere comincia ad emergere come rilevante. In particolare, il funzionamento sano del personaggio in buone situazioni dovrebbe essere essenzialmente sinonimo di benessere psicologico. Eppure, che cosa è esattamente il benessere? Si scopre che il benessere è un costrutto molto centrale e molto complicato, con diversi psicologi che hanno diverse concezioni di esso. Alcuni enfatizzano cose come sentimenti soggettivi di felicità e soddisfazione di vita, mentre altri enfatizzano cose come il buon carattere e il funzionamento psicologico ottimale.

Ecco due blog sulle diverse concezioni del benessere:

Felicità contro benessere

Sei domini di benessere psicologico

Ho fatto un punto di riferimento accademico per arrivare al cuore di ciò che il benessere è e qui ci sono due blog che forniscono una panoramica del mio "modello annidato" di benessere:

I quattro strati del benessere

Il modello annidato di benessere

Dovrei notare che il funzionamento del personaggio o della personalità si riferisce esplicitamente al sottodominio psicologico del dominio II sul modello annidato.

Sezione VI: Mappatura delle relazioni umane e comprensione delle differenze di genere

Dall'utero alla tomba, gli esseri umani sono intensamente creature sociali. L'approccio unificato utilizza la mappa dei cinque sistemi di adattamento dei caratteri, con particolare attenzione al sistema di relazioni per comprendere i processi intrapsichici che guidano le persone nelle loro relazioni. Quindi pone le persone nel campo interpersonale ed esamina come le relazioni si confrontano l'una con l'altra. Sottolinea in particolare i bisogni fondamentali che organizzano le persone nelle relazioni e i modi in cui si relazionano (cioè le dimensioni del processo di potere, amore e libertà). Infine, l'approccio unificato colloca gli individui in contesti socioculturali di giustificazione che forniscono un significato ampio creando strutture che legittimano ruoli, azioni, valori, leggi, religioni, politiche e narrazioni condivise o devianti.

The Influence Matrix è la mappa dell'architettura mentale che guida il sistema di relazioni umane. Come articolato in questi due blog, l'approccio unificato postula che il bisogno psicosociale di base è il bisogno di essere conosciuto e valorizzato da se stessi e da altri importanti. Questa è vista come la variabile centrale associata al benessere umano e alla salute psicologica.

Valore relazionale

Il bisogno fondamentale

I modi in cui tentiamo di soddisfare il nostro bisogno fondamentale per il valore relazionale incontrato sono uno degli aspetti più centrali del nostro carattere. A grandi linee, la gente può adottare uno stile più gradevole, orientato agli altri o uno stile auto-focalizzato più aggressivo. Ecco due blog che articolano aspetti di questi stili:

Sei un altro orientato?

Segni di contro-dipendenza

A volte la gente afferma che gli umani sono fondamentalmente egoisti. Questo è un errore da una prospettiva unificata. Gli umani hanno il potenziale per essere molto egoisti e hanno il potenziale per essere molto altruisti. Ecco un blog sul perché questo è così:

Perché diamo?

La teoria unificata postula che il sistema di relazioni di adattamento del carattere è un'estensione del sistema esperienziale. Come tale, c'è una connessione molto stretta tra emozioni e bisogni e stili relazionali. In effetti, emozioni come orgoglio, rabbia, colpa e vergogna sono fondamentalmente di natura relazionale. Ecco alcuni blog che guardano queste emozioni attraverso la lente del sistema di relazioni:

Comprensione delle divisioni con la colpa della rabbia

Shame adattiva e maladaptive

Come tutti sanno (o dovrebbero sapere!), Il nostro mondo relazionale intrapsichico è fortemente influenzato dal nostro mondo interpersonale e viceversa. Ecco quattro blog che offrono approfondimenti su come i processi intrapsichici e interpersonali rispondono reciprocamente:

Bisogni, conflitti e risoluzioni

Attribuzioni di Malintent

Puoi sfuggire al rapporto Armageddon? (Parte I)

Escaping Relationship Armageddon Part II

Ecco un blog che offre un'euristica utile per pensare alla qualità delle proprie relazioni sentimentali:

Rapporto Qualità su un continuo di 5 C

Il genere è stato uno dei miei interessi più antichi. Guardando al campo della psicologia mainstream, vediamo ancora battaglie tra psicologi evolutivi e teorici del ruolo sociale. Ciò si verifica perché manca la necessaria meta-prospettiva per comprendere e risolvere i problemi chiave in modo chiaro. È opportuno affrontare la questione del genere in questa sezione perché uno dei modi in cui uomini e donne tendono a differenziarsi per ragioni di ruolo sia biologiche sia sociali è che gli uomini tendono ad essere più auto-orientati e strumentali e aginali e le donne più altre orientato e relazionale e Matrix può aiutarci a mapparlo.

Ecco un blog sulle differenze di genere "stereotipate" negli stili relazionali:

Gli stili relazionali di uomini e donne

Questo blog esplora alcuni dei motivi per cui gli uomini hanno difficoltà a parlare dei loro bisogni e dei loro sentimenti di vulnerabilità:

Perché è così difficile per alcuni uomini condividere i loro sentimenti

Questo blog articola alcuni dei problemi della psicologia tradizionale che dividono spiegazioni evolutive e di ruolo sociale per le differenze di genere nelle tendenze sessuali:

Dibattiti dibattuti sulla sessualità umana

Nella psicologia della religione, uno dei risultati più solidi ma in gran parte inspiegabili è il fatto che le donne tendono ad essere più religiose degli uomini. Questi due blog esaminano la ricerca e quindi la interpretano dalla lente dell'approccio unificato.

Comprensione delle differenze di genere nella religiosità (parte I)

Comprendere le differenze di genere nella religiosità (parte II)

Il nostro schema relazionale è profondamente correlato ai nostri sistemi di giustificazione. Repubblicani e Democratici, ad esempio, enfatizzano diversi valori relazionali (i primi più agenziosi, gli approcci individualistici, i secondi più comunali, quelli egualitari). Questo blog mette in luce alcune delle connessioni tra l'architettura dell'Influence Matrix e il modo in cui le narrative di giustificazione emergono e assumono sapori relazionali.

I quattro tipi di sistemi di giustificazione relazionale

Le donne sono aumentate enormemente nel loro potere relazionale politico negli ultimi 50 anni in Occidente. Tuttavia, l'emergere della tecnologia ha portato nuove questioni sia per gli uomini che per le donne. Questo blog esplora come i social media e internet hanno portato a nuove forme di comportamento minaccioso ed esamina come alcune persone tentano di giustificare le loro azioni.

Cosa giustifica un tweet per stupro di stupro?

Sezione VII: problemi di personalità e psicopatologia

Con il fondamento di ampie questioni come la mente, il sé e la coscienza disposti, e una struttura per comprendere il carattere umano, il benessere e le relazioni, possiamo ora entrare nel dominio della psicopatologia. Abbiamo già accennato a questo alcuni con una panoramica della vergogna disadattativa, il filtraggio problematico dei pensieri e su come i circoli viziosi relazionali possono causare molto stress e disfunzioni. Vale anche la pena notare che ora ci spostiamo dai domini della pura psicologia umana (cioè, personalità, psicologia sociale e dello sviluppo) nel campo della psicologia clinica. Secondo l'approccio unificato, la psicologia clinica esiste nel mezzo e collega i domini della psicologia umana e della psicologia professionale. I ricercatori clinici esplorano scientificamente la psicopatologia e le valutazioni e gli interventi psicologici.

Una delle questioni più centrali che deve affrontare il campo della psicologia, della psichiatria e delle professioni affini di salute mentale è la concezione operativa della malattia mentale. Attualmente, al NIMH c'è una forte spinta a sviluppare un piano strategico che impegna l'istituzione a cercare i disordini biologici come la causa principale dei disturbi psicosociali. Questo è un grosso errore dal punto di vista della teoria unificata. Sebbene tutti i processi psicosociali siano mediati da processi biofisiologici, non vi è alcun motivo per ritenere che tutti i livelli "clinicamente" significativi di disagio e disagio psicologico-sociali abbiano rotto la biologia alla radice. Quindi stiamo assistendo a un errore di categoria commesso dal NIMH. Direi che questo sta succedendo perché manca la meta-prospettiva appropriata che articola efficacemente la relazione tra dimensione fisica, biologica, psicologica e sociale dell'esistenza. Se l'approccio unificato fosse adottato più ampiamente, questo errore sarebbe facilmente evitato.

Ho scritto una serie di blog su questo tema. Innanzitutto, offro una panoramica dei modelli generali. Quindi espongo la mia opinione sulla definizione di cosa sia un disturbo mentale. Seguo questo con una spiegazione più chiara del perché possiamo e dobbiamo differenziare tra disturbi mentali e malattie mentali. Rivedo quindi la concezione del famoso "anti-psichiatra" Thomas Szasz e riferisco i suoi argomenti alla mia posizione. Infine, offro un'immagine del perché il modello di malattia della salute mentale è difettoso dal punto di osservazione della stanza della clinica.

Cinque vasti modelli di malattia mentale

Cos'è un disturbo mentale?

Disturbi mentali contro le malattie

Psichiatria è la scienza delle bugie?

Alien-nazione

Le mie specialità come psicologo clinico lavorano con gli adulti nelle aree della depressione, del suicidio e dei disturbi della personalità. In quanto tale, ho passato molto tempo ad analizzare il concetto di depressione, in parte perché ho lavorato con gente che va dal sentirsi comprensibilmente scoraggiato riguardo le loro vite molto difficili (e rispondendo ai criteri per i disturbi depressivi) a persone il cui umore depresso era completamente tutto ciò che comprende e sono stati ricoverati per mesi o addirittura anni. La depressione è un costrutto molto complicato. Lo decostruisco qui. Comincio con due blog che cercano di capire esattamente cosa sia la depressione o come dovremmo pensare alla depressione dal punto di vista dell'approccio unificato.

Cos'è la depressione?

Un modello diretto di depressione

Quindi offro alcuni commenti sulla natura della depressione da questa prospettiva e le sue implicazioni per la diagnosi, le confusioni nell'accademia e il pubblico, e il disastro che è un semplicistico modello di malattia-malattia della malattia mentale in generale e della depressione in particolare.

Quando un cuore spezzato diventa una diagnosi?

Depressione e dimensioni della complessità nella natura

Depressione e modello di malattia mentale della malattia-malattia

In questi ultimi due blog, offro quella che penso dovrebbe essere una concezione generale degli affetti negativi problematici tra gli psicologi clinico-professionali, quella della Sindrome degli affetti negativi. Questo livello generale è dove dovremmo iniziare. Ciò non significa che non dovremmo distinguere tra depressione maggiore e ansia generalizzata, per esempio. Ma vuol dire che dovremmo essere molto chiari sul perché l'ansia e le condizioni depressive sono così spesso comorbose e in gran parte si sovrappongono nella clinica. I prossimi due blog forniscono quindi degli esempi per pensare agli affetti negativi e alle tendenze "nevrotiche" nella stanza della clinica e nella vita di tutti i giorni.

Sindrome da affetto negativo

Sei depresso come vuoi essere?

(Quando) Sei nevrotico?

Ho anche lavorato molto sui disturbi della personalità. Il primo blog qui offre una nuova analisi riconfigurata di sei principali disturbi della personalità attraverso la lente dell'Influence Matrix. Mette in evidenza come molti dei disturbi della personalità siano opposti polari nella loro presentazione del sistema relazionale archetipico. Nello specifico, le personalità istrioniche e schizoidi, narcisistiche ed evitanti e antisociali e dipendenti sono rappresentate come opposte usando le tre dimensioni del processo relazionale della Matrice di Influenza. I prossimi due blog descrivono i domini della disfunzione della personalità su un continuum e come articolare il feedback sul funzionamento della personalità a qualcuno con Disturbo borderline di personalità.

La stella del disturbo della personalità

Cos'è una personalità disfunzionale?

Spiegare il disturbo borderline di personalità ai pazienti

L'anno scorso, nel contesto del riesame del funzionamento del Centro di consulenza presso la JMU (che sta andando piuttosto bene nel complesso), sono diventato ancora più consapevole di quanto non fossi stato in precedenza per l'aumento delle difficoltà di salute mentale negli studenti universitari. In effetti, dopo aver esaminato la situazione, sono giunto ad etichettare il fenomeno come la crisi della salute mentale degli studenti universitari. Nel primo blog rivedo le prove per il CSMHC e poi ne esploro le possibili cause. Quindi delineo alcune nozioni di base che sono necessarie per affrontare e seguire questo articolando una visione di check-up psicologici che sono ora in fase di sviluppo con i miei studenti di dottorato. Alla fine, rispondo a un critico che ha affermato che stavo esagerando con la necessità di un allarme professionale.

La crisi di salute mentale degli studenti universitari

Che cosa sta causando la crisi di salute mentale degli studenti universitari?

Affrontare la crisi di salute mentale degli studenti universitari

Una visione per i check-up psicologici

Crisi o Crisi Mongering?

Sezione VIII: Un approccio unificato alla psicoterapia

La scintilla intellettuale che ha iniziato la mia ricerca di una visione più unitaria è iniziata in una lezione di psicoterapia integrativa. Prima di ciò, ero fondamentalmente CBT nel mio orientamento. Ma quella lezione mi ha insegnato che gli altri approcci avevano molte intuizioni chiave da offrire. Ho quindi iniziato a esplorare approcci più integrativi alla psicoterapia e mi sono unito alla Society for the Exploration of Psychotherapy Integration a metà degli anni '90. Anche se ho trovato un buon lavoro svolto dagli integrazionisti, è stato comunque il caso che non ci fosse una concezione sopra le righe. Al contrario, c'erano una moltitudine di approcci diversi all'integrazione che si sovrapponevano e competevano in qualche modo. Ho anche scoperto che molti dei membri fondatori erano ancora in gran parte impegnati in singole scuole come la CBT o la teoria psicodinamica. Hanno beneficiato della condivisione di idee, ma sembrava che fossero più interessati a "esplorare" l'integrazione della psicoterapia piuttosto che a trovare una visione veramente integrativa. In effetti, ho scoperto che era solo un sottoinsieme di individui che erano veramente interessati a una visione veramente unificata. Abbiamo finito per stare insieme e abbiamo iniziato l'Unified Psychotherapy Projected, diretto da Jeffrey Magnavita.

La teoria unificata offre un contributo unico e potente a questo problema. Rende il punto chiave che nella misura in cui la psicologia è un impero intellettuale frammentato che offre molti paradigmi diversi dai quali cercare di vedere il tutto, allora la psicoterapia sarà parimenti frammentata. Al contrario, nella misura in cui possiamo sviluppare una meta-prospettiva coerente sulla psicologia umana, che fornisca effettivamente una teoria praticabile delle persone, allora possiamo costruire valutazioni e interventi psicologici fuori da quella formulazione. La mia speranza è che questo tour in blog ti abbia fornito il profilo della visione di una psicologia umana unificata e dimostrato che può essere facilmente applicato a molti campi diversi.

Qui condivido una serie di blog che articolano il mio approccio unificato alla terapia psicologica. Vengo originariamente da una prospettiva CBT e ho lavorato per quattro anni con Beck, quindi sono più familiare con questo approccio. Come tale, comincio qui con un blog che condivide la visione di Beck per il futuro, che, ecco, è di una "teoria unificata".

Beck on Perché una teoria unificata è il futuro della terapia

Sebbene Beck sia stato addestrato come psicoanalista, finì per allontanarsi molto dalla psicoanalisi. In un certo senso questa è stata una buona mossa e il primo blog qui articola che dobbiamo separare il bambino psicodinamico dall'acqua di bagno psicoanalitica. Tuttavia, CBT ha finito per essere definito contro una moderna visione psicodinamica e questo è molto problematico dal punto di vista di un approccio unificato e il secondo blog articola il perché.

Il bambino e l'acqua termale nel pensiero freudiano

CBT contro psicodinamico? No!

Con tutto questo contesto, siamo ora in grado di iniziare ad articolare un approccio veramente unificato alla psicoterapia. La teoria unificata offre un modo per unire teoricamente i principali approcci al campo della psicoterapia (ad esempio, moderna psicodinamica, umanistica e cognitivo-comportamentale) in un insieme coerente. Raggiunge questa sintesi attraverso l'unificazione teorica della scienza della psicologia umana, che fonda e poi si applica all'arte e alla pratica della terapia psicologica.

Secondo l'approccio unificato, la psicoterapia è una relazione formale stabilita con un professionista formato nei valori, nella base di conoscenze e abilità nell'applicare la scienza della psicologia umana con lo scopo di assistere l'individuo verso ciò che i partecipanti ritengono più prezioso e adattativo modi di essere. Come suggerito da questa definizione, la vita adattativa è fondamentale per l'approccio di Henriques alla psicoterapia. Vivere in modo adattivo è quando, date le proprie capacità, esigenze e situazioni, si massimizzano i propri stati d'essere stimati. In relazione al vivere in modo adattivo, sono i cinque sistemi di adattamento del carattere (il sistema abitativo, il sistema esperienziale, il sistema di relazioni, il sistema difensivo e il sistema di giustificazione), che sono i modi unici e specifici che le persone adattano e rispondono alle situazioni in le loro vite. Questi sistemi di adattamento dei caratteri corrispondono ai principali sistemi di psicoterapia. In particolare, la tradizione comportamentale corrisponde al sistema di abitudini, le tradizioni centrate sull'esperienza e sull'emozione corrispondono al sistema esperienziale, la tradizione psicodinamica corrisponde ai sistemi relazionali e difensivi e il sistema di giustificazione corrisponde alle tradizioni cognitive ed esistenziali.

Ecco una serie di blog che descrivono come concepisco l'approccio unificato alla terapia.

La quinta onda della psicoterapia

Il mio approccio alla psicoterapia

Integrazione verticale e orizzontale in psicoterapia

Gli ingredienti chiave per una buona terapia psicologica

Sezione IX: Le implicazioni dell'approccio unificato per il futuro della psicologia e oltre

Questo blog sta diventando lungo e quindi terrò questa breve sezione finale. Il punto che spero ora è che l'approccio unificato offra agli studenti un'alternativa credibile per considerare il campo della psicologia. Invece di impegnarsi pienamente nella tradizionale visione positivista che uno psicologo esce dalla poltrona e misura le cose, ci sono altri tipi di lavoro da fare. Nello specifico, c'è molto lavoro concettuale e teorico che deve essere fatto. Questo lavoro è essenziale quanto la ricerca di base tradizionale, perché se il campo sta per raggiungere il suo potenziale può venire solo quando abbiamo una comprensione generale condivisa di base. Sicuramente una tale comprensione è meglio di niente.

Il mio obiettivo futuro è mostrare l'utilità dell'adozione dell'approccio unificato ai problemi del mondo reale. In particolare, il mio prossimo obiettivo di carriera è quello di affrontare la già citata crisi di salute mentale degli studenti di college con un programma basato sull'approccio unificato. In caso di successo, è stato dimostrato che il sistema è più che buono per consolidare e promuovere la comprensione in una vasta gamma di settori, ma porta a sistemi in grado di affrontare le principali questioni sociali in modo efficace.

Infine, vale la pena notare che l'approccio unificato indica che il nostro tempo è molto importante. Vale a dire, sembra che potremmo trovarci nel bel mezzo di un'altra transizione di fase, data l'emergere dell'informatica elettronica e di Internet. Se è così, sarà essenziale consolidare le nostre conoscenze in un modo che ci permetta una comprensione profonda e chiara della condizione umana e dei nostri bisogni. Questo blog finale offre alcune riflessioni su questo punto.

Il quinto punto comune

Solutions Collecting From Web of "The Unified Theory: un blog tour"