The Truth About Writing and Publishing-Parte 1 di 4

I miei studenti mi hanno chiesto di rispondere a queste domande sulla scrittura e di essere pubblicato nel modo più onesto e semplice che potevo. Ecco qui:

Com'è stato scrivere il tuo primo libro?

Quando ho iniziato a scrivere "Mi chiamavano Biancaneve, ma sono andato alla deriva" ero seduto a un tavolo da gioco, dove, come il destino di tutti i tavoli da gioco, una gamba era più lunga dell'altra.

C'era una lampadina da 60 watt appesa a un filo logoro sopra la mia testa – e la luce che filtrava attraverso le tende a buon mercato che avevo comprato in un negozio dell'usato – nessuna delle quali dava quel che si potrebbe definire un delizioso senso di luminosità nella stanza.

Non c'era l'aria condizionata ed era circa 90 gradi – le pareti erano fatte di cemento versato e sudato in questi giorni. Il mio vecchio gatto dei vicoli di New York si è rifiutato di camminare sul pavimento linoleum umido, leggermente piegato e marrone. Non era un animale esigente, devi capire. Aveva vissuto nel vago odore di spaventoso vicolo vicino al mio appartamento di Eastside inferiore prima che la portassi dentro. Girando intorno ai vetri rotti, i pezzi casuali della spazzatura, delle lattine e persino degli articoli meno saporiti la preoccupavano meno dell'umidità innaturale. del pavimento del linoleum.

Non era carino Non era una situazione ideale. Non era nemmeno una garretta.

Avevo un vecchio computer Macintosh – uno di quelli che ora sembrano strani come un televisore dal 1950. Aveva uno schermo piccolo, era una specie di sporco colore beige, e il cursore lampeggiava come un occhio sullo schermo.

Avevo già ricevuto un anticipo dall'editore sulla base di una proposta di libro di venti pagine che avevo inventato dopo essere stata portata a un pranzo martini da una giovane donna della mia età che era una redattrice per una casa editrice di New York. Ci eravamo incontrati solo perché le avevo inviato una cartolina per rispondere a un articolo che aveva scritto per una rivista femminile – le ho detto, semplicemente, che mi piaceva il suo stile e quello che aveva da dire. Lei mi ha invitato a pranzo e abbiamo parlato di libri. Mi ha chiesto cosa stavo lavorando e non ho nemmeno capito che stavo facendo un passo, ma lo ero. Le è piaciuto

Dopo tutti questi anni, ricordo ancora di aver digitato la prima riga del libro perché non avevo assolutamente idea di come cominciare.

Ricordo anche di aver deciso di perdere quella linea. È successo qualcosa del tipo "Sono cresciuto guardando le repliche senza fine del film di Bettie Davis, Now Voyager , un film in cui Bettie Davis impara ad amare un uomo sposato senza mai aspettarsi alcuna soddisfazione personale. È un film praticamente privo di umorismo e sembrava come se fosse in TV ogni altra notte. "

Invece ho finito per iniziare il libro con una discussione su come guardare il Dating Game e il gioco Newlywed – in qualche modo sapevo che avevo bisogno di iniziare con la TV – e la nuova apertura ha funzionato molto meglio per un libro sull'umorismo femminile.

Cosa ti tiene a scrivere?

Anche se non sono mai stato bravo in matematica, sono riuscito a capire quanto avrei guadagnato per pagina. Veniva fuori a circa $ 32 al giorno, che all'epoca sembrava una quantità enorme – e lo è ancora. A volte, alla scuola di specializzazione, sembrava che $ 32 fosse la mia paga da portare a casa per la settimana, quindi essere pagato per scrivere ha superato i miei sogni più sfrenati. Ho scritto perché avevo una scadenza e perché mi veniva pagato. Queste sono, praticamente, le ragioni per cui continuo a scrivere. È molto difficile per me scrivere senza sapere che per qualche ragione esterna devo …

continua….

Solutions Collecting From Web of "The Truth About Writing and Publishing-Parte 1 di 4"