The Trouble With Thinking?

È stato a lungo pensato che per cambiare dobbiamo cambiare radicalmente il modo in cui pensiamo. Non è così facile come sembra. Inoltre, gli interventi psicologici mirati al pensiero non sono la risposta a tutti i problemi. Forse è il momento che la psicologia cambi se vuole soddisfare le sue promesse …

Nel suo libro del 1991 "The User Illusion" Tor Norretranders sostiene che è un'illusione credere di avere il controllo di noi stessi. Dice che molti dei pensieri che abbiamo sono poco più di un sottoprodotto di cose al di fuori della nostra coscienza. Il pensare, sembra, è in gran parte consequenziale piuttosto che causale .

Voglio mostrarti in questo blog perché le recenti prove a riguardo sono ancora più radicali che Norretranders ci ha fatto credere. E questo modo di pensare non fornisce una base molto utile per rendere il mondo un posto migliore in cui lavorare e vivere. Voglio mostrarti che i pensieri che tutti abbiamo possono essere una barriera al nostro stesso benessere. Voglio mostrarti che questi pensieri sono spesso arroganti, per quanto innocui possano apparire. Per arrogante intendo che attribuiamo loro molta più importanza di quanto dovremmo.

Qual è la base della mia argomentazione? È che i pensieri vengono da noi come non autorizzati. Hanno un primato o un potere immaginario che è illusorio. In realtà i nostri comportamenti e le nostre abitudini sono molto più importanti per dare forma a una vita migliore. Se la psicologia in generale e l'auto-aiuto, l'istruzione, la formazione o le terapie in particolare, devono offrire valore alle persone e alla società che dovrebbero, è necessario attribuire più valore ai comportamenti e ai risultati effettivi nel mondo reale. E meno importanza attribuita alle soluzioni di pensiero, per quanto coerenti e razionali possano apparire. In breve, la scienza della psicologia ha bisogno di allontanarsi dal pensiero e dall'arroganza del potere del pensiero.

I pensieri arrivano facilmente a noi – semplicemente accadono senza sforzo. Alcune persone hanno pensieri inappropriati o problematici, – i pensieri negativi automatici della persona depressa che la Cognitive Behavior Therapy (CBT) ha come obiettivi, per esempio. Oppure le attribuzioni inutili che facciamo a cui la Mindfulness si rivolge. I pensieri semplici e automatici possono essere ostacoli alla felicità.

I nostri pensieri coscienti definiscono molto di chi sentiamo di essere. Ci danno la nostra "identità" o il mio "io". Eppure gli psicologi hanno a lungo cercato ciò che accade senza pensiero e consapevolezza. Una grande quantità di ricerche dimostra che pensiamo una cosa ma ne facciamo un'altra (di solito senza nemmeno accorgercene). I pensieri momento per momento del nostro "essere vivente" non controllano il nostro comportamento – il loro uso principale sembra essere per la nostra identità personale. Ho suggerito in altri blog che i processi di cambiamento possono fallire se prendono di mira questo aspetto cosciente del sé.

Gli psicologi sono addestrati e impiegati per aiutare quando i pensieri delle persone causano problemi. Non solo lavorano in contesti clinici, ovviamente, ma anche in organizzazioni e altre situazioni in cui le persone hanno bisogno di aiuto per fare la differenza. Sono stato in riunioni governative e organizzative quando persone intelligenti hanno discusso delle possibili soluzioni per cambiare il modo in cui le persone si comportano e la spinta verso soluzioni che mirano al pensiero è molto forte. Una soluzione può aver fallito diverse volte, ma poiché sembra "ragionevole" e "razionale", l'arroganza spesso vince il giorno. È probabile che l'approccio sbagliato venga ripetuto. I governi adottano ripetutamente modelli che educano o informano le persone, partendo dal presupposto che se le persone sanno cosa è buono per loro, allora naturalmente lo faranno. La crisi dell'obesità è svanita perché sappiamo di più su una buona alimentazione e sull'esercizio fisico di quanto abbiamo mai fatto? Nelle organizzazioni, quanti dipendenti vengono inviati a corsi di formazione o pacchetti di e-learning che spuntano le caselle, ma non fanno nulla per cambiare il comportamento effettivo sul luogo di lavoro? Questi sono esempi dell'arroganza del pensare. Sospetto anche che molte terapie cognitive e comunicative siano colpevoli di attribuire erroneamente gli ingredienti attivi a processi che cambiano il pensiero, invece che a processi che cambiano il comportamento. Ad esempio, Glenn Waller suggerisce che una delle ragioni per cui la CBT è meno efficace nelle situazioni del mondo reale rispetto ai sentieri controllati è che la "deriva del terapeuta" si verifica – nel mondo reale i terapeuti parlano felicemente e non danno sufficiente enfasi al fatto che il paziente faccia cose nuove . Pensare in modo diverso non ha il potere di cambiare per la maggior parte delle persone la maggior parte del tempo.

Perché questo importa? Importa perché penso che la psicologia non stia contribuendo sufficientemente alla società. E la ragione di ciò è, credo, che sta mettendo troppa enfasi su ciò che le persone dicono e pensano invece di ciò che fanno. Sembra come se il pubblico fosse sottosopre anche per il contributo della psicologia. Contrariamente alle credenze degli psicologi, molte persone sostengono che la psicologia sia di buon senso e le sue credenziali accademiche di scarso valore nel mondo reale. Nello psicologo americano nel febbraio-marzo di quest'anno, per esempio, Scott Lilenfeld cerca di difendere la disciplina contro tali accuse. Scott fa alcuni punti eccellenti, ma penso che manchi il problema principale – perché le persone, inclusi gli psicologi, sono così prese dal valore dei propri pensieri di fronte alle prove del contrario? Un elenco di "contributi" apportati dalla disciplina non dimostra valore – per quanto riguarda tutte le false piste, i grandi budget spesi e i costi di opportunità, ad esempio?

Il successo che abbiamo avuto con Do Something Different viene dalle persone che apportano piccoli cambiamenti nel comportamento. È troppo difficile per la maggior parte delle persone cambiare ciò che pensano. I pensieri sono per lo più, come ho detto, automatici e al di fuori del nostro controllo. È molto più facile apportare piccoli cambiamenti a ciò che facciamo, e quindi sperimentare nuovi pensieri come conseguenza di quell'esperienza. Provalo tu stesso Sorridi alle persone più domani. È facile (a condizione che ti ricordi di farlo) e non richiederà forza di volontà o sforzo cognitivo. Scoprirai che questo semplice comportamento ha un feedback positivo sul tuo stato d'animo, quindi i tuoi pensieri inizieranno a cambiare. E sorridendo di più, susciterai reazioni diverse da quelle degli altri, più positive di quelle che il tuo viso scontroso ha mai suscitato. Di conseguenza, i tuoi pensieri su altre persone potrebbero iniziare a spostarsi verso l'alto. Questo è solo un Do per un giorno. Immagina di cambiare un piccolo comportamento ogni giorno, immagina i cambiamenti lenti e sottili nel pensare che potresti iniziare ad avere effetto. Questo è ciò che fa Somet Someting Different.

Solutions Collecting From Web of "The Trouble With Thinking?"