The Toolbox of Self-Deception, Parte III

Sotto, la terza di tre parti sulla natura onnipresente dell'autoinganno nella vita quotidiana; clicca qui per la parte I e qui per la parte II.

Quando ti fermi a pensarci (e questo è ciò che noi psicologi siamo abituati a fare), ci avvaliamo di una serie impressionante di tattiche cognitive e di strategie comportamentali nello sforzo quotidiano di sentirsi bene con noi stessi. Portiamo in giro una vera e propria cassetta degli attrezzi di auto-inganno, includendo ben più strumenti individuali di quanti ne possa catalogare qui. Quello che segue è solo un assaggio delle strategie più comuni che impieghiamo nella ricerca quotidiana del rispetto di sé positivo …

5. Confronto sociale verso il basso

Quindi, associare noi stessi con gli altri riusciti e compiuti è sempre la strada da percorrere, giusto? Non così in fretta. Che cosa succede se quegli altri stanno prosperando proprio nelle aree in cui stiamo vacillando? Il romanziere può divertirsi con le imprese del suo vicino, il musicista, ma il libro più venduto di suo cugino può provocare invidia paralizzante. E se non potessimo nemmeno usare l'effetto migliore della media? Cosa succede se ci imbattiamo in prove inconfutabili che in realtà non siamo migliori della media? In questi casi, facciamo spesso ricorso al confronto sociale verso il basso, osservando le nostre conquiste accanto a quelle delle persone meno riuscite che conosciamo.

Pensa all'ultima volta in cui ti è stato restituito un esame, sia giorni che decenni fa. Se sei come la maggior parte degli esaminatori che conosco, una delle tue prime reazioni è stata chiedermi quale fosse il punteggio medio. O per chiedere al tuo amico come ha fatto. O forse anche per dare una sbirciatina al punteggio del ragazzo seduto in fila da te.

Uno studio di Joanne Wood e colleghi dell'Università di Waterloo mostra un confronto sociale verso il basso in azione. Ai partecipanti è stata fatta una serie di test, e poi a qualcuno, scelto a caso, è stato detto che avevano avuto successo, mentre ad altri, scelti a caso, è stato detto che avevano fallito. Il compito successivo dei partecipanti era selezionare un test per il loro partner invisibile in una stanza separata, un test che avrebbero segnato per il partner. Quelli che pensavano di aver fatto loro stessi hanno assegnato male al loro partner il test più impegnativo da superare.

Sebbene questa tendenza non dipinga l'immagine più bella della natura umana, a volte non c'è nulla come le lotte degli altri per farci sentire meglio della nostra situazione. La ricerca sul tumore al seno rivela che una strategia di coping per le donne che hanno bisogno di una lumpectomia consiste nel confrontarsi con quelle sottoposte a mastectomia. I nostri problemi finanziari non sembrano così male quando pensiamo alle famiglie in pignoramento. E il tuo 75 sull'esame di biologia non è così problematico se consideri il punteggio ancora più basso di quel ragazzo che dorme durante la lezione.

Per non parlare del fatto che il test è stato ingiusto, che stavi allattando a testa bassa e che sei rimasto fuori troppo tardi la sera prima. A proposito di …

6. Self-Handicapping

A volte, in realtà, miniamo la nostra performance per allontanare le minacce all'ego. Gli psicologi si riferiscono a questo come auto-handicap. Per illustrare, diciamo che stai fuori fino a tardi la sera prima di un grande test. Se non si esegue bene, puoi dire a te stesso che non è stato a causa di una mancanza intellettuale. Se fai comunque un buon voto, allora wow, lo hai fatto senza nemmeno studiarlo.

Per me, il re del self-handicap sarà sempre il mio migliore amico del college. Aveva un talento misterioso per mettersi in situazioni di non-sconfitta. Nella palla di Wiffle, inevitabilmente inizia a dondolare a metà mano sinistra. Se ha perso, beh, hey, stava oscillando mancino; se avesse vinto, non avremmo mai sentito la fine. La tesi degli onori che ho sudato per mesi durante il mio ultimo anno? L'ha scritto la sera prima. Letteralmente tutto. Devo ammettere che ci siamo guadagnati un po 'la stessa qualità. Ma ha fatto il suo tempo.

Certo, alcune persone sono più inclini all'auto-handicap di altre. Diversi studi indicano che gli uomini sono più sensibili delle donne. E secondo Robert Arkin della Ohio State University, l'handicap di sé è particolarmente comune tra i cronicamente impacciati.

In uno degli studi di Arkin, agli studenti è stata data una scelta di musica da ascoltare mentre si completava una prova di abilità spaziale. Alcune opzioni musicali, gli è stato detto, potrebbero migliorare la loro concentrazione, mentre altri potrebbero rivelarsi fonte di distrazione. Quando il test è stato incorniciato come un potente predittore del successo futuro del college e della carriera, più partecipanti hanno scelto la musica che si suppone distrae, offrendosi una scusa pronta per le scarse prestazioni. Questa tendenza è stata pronunciata tra gli uomini e tra gli studenti di entrambi i sessi che hanno riferito di sentirsi impacciati in pubblico.

Riconosce qualcuno di queste sei strategie auto-ingannevoli nella tua famiglia? I tuoi amici? I tuoi colleghi? So meglio di chiederti se ti impegni in qualcuno di loro. Voglio dire, certo che no.

Ma anche se siamo momentaneamente sinceri con noi stessi, rimane la domanda: che cosa dovremmo fare per questa cecità alla realtà, questa resistenza alla terribile verità? Molto probabilmente, niente.

In un influente articolo pubblicato nel 1988, Shelley Taylor di UCLA e Jonathon Brown dell'Università di Washington hanno suggerito che le distorsioni della realtà sono essenziali per il nostro benessere mentale.
Questa idea è stata illustrata in uno studio di Lauren Alloy della Temple University e Lyn Abramson dell'Università del Wisconsin. Partecipano ai corsi di studio, alcuni dei quali depressi e alcuni non seduti davanti a una lampadina con un pulsante che potrebbero spingere o meno, come hanno scelto. A volte, quando il pulsante veniva premuto, la luce si accendeva; altre volte no.

In realtà, il pulsante non era affatto collegato alla luce – la lampadina semplicemente lampeggiava a caso. Più tardi, quando gli è stato chiesto quanto controllo pensassero di aver superato la luce, i partecipanti depressi hanno riferito con precisione di non averne. Ma quelli che non hanno visto le cose in modo diverso. Queste persone "normali" avevano un senso esagerato di controllo, lo stesso tipo di illusione nutrita dal giocatore del lotto o dal superstizioso fan dello sport.

Il nostro vero compito, psicologicamente, non può essere quello di bandire l'autoinganno, ma di farlo funzionare per noi: arruolarlo quando ci sentiamo minacciati e lasciarlo andare quando siamo pronti ad affrontare i fatti. Dovremmo sempre valutare noi stessi in relazione a quelli di attitudine inferiore? No. Diventeremo compiacenti e svilupperemo un senso di competenza esagerato.

Ma a volte un pizzico di confronto sociale verso il basso è proprio ciò di cui abbiamo bisogno per riprenderci dal fallimento. O forse l'effetto migliore della media farà il trucco. O un po 'di razionalizzazione.
Il mio screening sanitario è stato un esempio calzante. La negazione, con un po 'di razionalizzazione, mi ha aiutato a superare la giornata. Ho insegnato, ho fatto un po 'di scrittura e sono andato in giro come al solito. Poi, pochi giorni dopo, quando mi sono imbattuto nella realtà, ho preso un appuntamento per vedere il mio medico. Ora il numero incriminato è tornato alla normalità, e ho una nuova routine mattutina prima di insegnare: correre in palestra. Consideralo un servizio pubblico: le mie miglia di 10 minuti sono il foraggio perfetto per il tuo prossimo confronto sociale verso il basso.

E quando finalmente incasserò la mia carta regalo, ordinerò un'insalata, vestendola sul lato. Almeno questo è quello che continuo a ripetermi.

Questo pezzo è apparso originariamente nel numero di primavera 2009 di Tufts Magazine

Solutions Collecting From Web of "The Toolbox of Self-Deception, Parte III"