The Toolbox of Self-Deception, Parte II

Sotto, il secondo di tre parti sulla natura onnipresente di autoinganno nella vita quotidiana; clicca qui per la parte I.

Quando ti fermi a pensarci (e questo è ciò che noi psicologi siamo abituati a fare), ci avvaliamo di una serie impressionante di tattiche cognitive e di strategie comportamentali nello sforzo quotidiano di sentirsi bene con noi stessi. Portiamo in giro una vera e propria cassetta degli attrezzi di auto-inganno, includendo ben più strumenti individuali di quanti ne possa catalogare qui. Quello che segue è solo un assaggio delle strategie più comuni che impieghiamo nella ricerca quotidiana del rispetto di sé positivo …

3. Illusioni di controllo

Hai mai giocato alla lotteria? Devo ammettere che compro i biglietti quando il jackpot arriva a nove cifre, un fenomeno interessante di per sé: come se $ 100 milioni potessero cambiare la vita, ma $ 75 milioni non valgono il mio sforzo.

Razionalmente parlando, è difficile spiegare perché qualcuno acquisti sempre biglietti della lotteria. Ma comprali, lo facciamo, e parte della ragione risiede in un'altra delle nostre strategie di benessere: illusioni di controllo. Ci convinciamo che la casualità della vita non si applica a noi. Altri potrebbero non essere in grado di gestire i propri destini, ma in qualche modo pensiamo che possiamo.

La psicologa di Harvard, Ellen Langer, ha condotto uno studio nel quale ha dato alle persone un biglietto della lotteria o ha permesso loro di sceglierne uno. Quando ha poi cercato di riacquistare i biglietti, quelli che erano stati autorizzati a selezionare i propri hanno tenuto quattro volte di più di quelli che hanno semplicemente ricevuto un biglietto.

Per esempio, solo inserire il pensiero su quanti numeri del lotto giocare è sufficiente a renderci più ottimisti, come se il nostro intelletto fosse così profondo da offrire in qualche modo migliori probabilità rispetto a tutti quegli idioti con numeri schifosi.

Illusioni di controllo spiegano anche perché, anche dopo aver ricordato che i tassi di divorzio oscillano al 50%, gli intervistati in uno studio del compianto Ziva Kunda, uno psicologo dell'Università canadese di Waterloo, hanno stimato che il loro matrimonio aveva solo il 20% di probabilità di dissolversi . O perché, in una recente indagine sul sito web immobiliare Zillow.com, metà dei proprietari di case ha dichiarato che la loro casa ha mantenuto il suo valore o addirittura apprezzata durante un anno in cui i prezzi di vendita a livello nazionale sono calati del 9%. O perché siamo in grado di assicurarci che eviteremo gli effetti collaterali documentati di un dato trattamento medico – sai, quelli che sono mormorati in toni affrettati alla fine degli spot farmaceutici.

4. Crogiolarsi nella gloria riflessa

Le persone sono animali sociali. Trascorriamo gran parte della nostra vita cercando e gestendo legami con gli altri. Non dovrebbe sorprendere, quindi, che quando cerchiamo di sentirci bene con noi stessi, spesso richiamiamo alla mente le nostre più illustri associazioni, crogiolandosi nella loro gloria riflessa. Se non mi credi, Google "rivendica la fama". Troverai una varietà di siti web su cui i posters possono pubblicizzare la relazione della loro trisnonna con il Generale Custer o festeggiare una gita al golf con Alice Cooper.

Gli appassionati di sport sono inondati di gloria riflessa. Uno studio di Robert Cialdini, psicologo presso l'Arizona State University, ha rilevato che gli studenti universitari hanno più probabilità di indossare le insegne scolastiche in classe il lunedì successivo a una vittoria calcistica rispetto a una perdita. In un secondo studio, Cialdini e colleghi hanno riferito che mentre il 32% degli studenti usa il pronome "noi" parlando di una vittoria della squadra della propria scuola, solo il 18% usa "noi" per parlare di una perdita.

Il "nostro effetto" è più pronunciato quando le persone hanno bisogno di un potenziamento dell'Io. In un altro studio Cialdini, agli intervistati è stato chiesto di completare un sondaggio sul corpo studentesco nel loro campus. Alla metà dei partecipanti, selezionati a caso, è stato dato un feedback positivo ("hai fatto davvero bene rispetto allo studente medio"). L'altra metà ha ricevuto feedback negativi ("hai fatto davvero male"). Nelle discussioni successive sulla vittoriosa squadra di football della loro scuola, la tendenza ad usare "noi" era più alta tra gli studenti che presumibilmente avevano bisogno di essere pompati: il 40% per coloro che credevano di aver fallito il sondaggio, rispetto al 24% per coloro che credevano di aver avuto lo ha accolto.

C'è una ragione per cui quelle grandi barrette di gommapiuma vendute negli stadi di calcio non dicono mai "Sono # 1".

CONTINUA…

Questo pezzo è apparso originariamente nel numero di primavera 2009 di Tufts Magazine .

Solutions Collecting From Web of "The Toolbox of Self-Deception, Parte II"