The Terrible Teens

Se sei un genitore di adolescenti, sei sicuro di essere d'accordo con l'umorista americano Sam Levenson, che ha scherzosamente commentato: "La pazzia è ereditaria; Lo prendi dai tuoi figli ". Tendiamo a pensare all'adolescenza come a un periodo di turbolenza, a una corsa sulle montagne russe di emozioni che spingono gli adolescenti a decisioni sbagliate ea comportamenti rischiosi. Ma gli anni post-puber devono essere così?

Negli ultimi due decenni, la neuroscienza è arrivata a dominare la psicologia. Quindi le recenti spiegazioni del tumulto adolescenziale sono spesso espresse in termini di maturazione del cervello. Un esempio è il "modello di squilibrio", come delineato in un recente articolo della psicologa Valerie Reyna e dei suoi colleghi alla Cornell University.

Secondo il modello di squilibrio, i "livelli inferiori" del cervello si sviluppano prima dei "livelli superiori". I livelli inferiori sono responsabili dell'elaborazione emotiva, compresi i premi. Mentre il centro di ricompensa matura nella prima adolescenza, gli adolescenti diventano particolarmente sensibili alle potenti ricompense fornite dall'interazione sociale con i pari. Inoltre, il brivido di comportamenti rischiosi come la droga, la guida veloce e il sesso non protetto diventano particolarmente attraenti a causa del modo in cui solleticano il centro di ricompensa del cervello.

Ciò che manca al cervello adolescente è un centro di controllo degli impulsi ben sviluppato nel "cervello superiore". Non c'è niente lassù a ricordare loro che i rischi sono reali e potenzialmente in pericolo di vita. Quindi, anche quando i ragazzi conoscono i rischi, li minimizzano. Per loro, il brivido del momento vale il rischio.

C'è un certo fascino per questa teoria dell'adolescenza. Sappiamo che la prima infanzia si svolge in una serie di traguardi che sono approssimativamente simili per età e sequenza per tutti i bambini. C'è poco da fare per accelerare il processo, nonostante tutti i prodotti "Baby Genius" in vendita su Internet. Forse lo stesso è vero per gli anni dell'adolescenza.

Anche il modello di squilibrio è confortante. Gli adolescenti possono evitare di assumersi la responsabilità personale per le loro decisioni sbagliate e comportamenti rischiosi, incolpando questi invece di ormoni infuriati e un cervello sottosviluppato. Allo stesso modo, i genitori assillati possono almeno prendere conforto nella consapevolezza che i loro ragazzi in difficoltà finiranno per superare i pericoli della pubertà.

Per quanto attraente possa essere il modello di squilibrio, l'evidenza certamente non la supporta. Sebbene lo sviluppo neurale sia guidato da fattori genetici nell'utero, dopo la nascita i cervelli sono per lo più modellati dall'ambiente in cui il bambino cresce. In realtà, la ragione per avere un cervello grande è di permettere all'organismo di adattarsi alle circostanze locali, piuttosto che comportarsi secondo istinti inflessibili.

Reyna e i suoi colleghi presentano il modello di squilibrio nel loro articolo come contrappunto alla loro spiegazione preferita per l'assunzione di rischi da parte degli adolescenti. Dal loro punto di vista, gli adolescenti si impegnano in comportamenti rischiosi non a causa della mancanza di controllo degli impulsi, ma per il modo in cui conservano abitualmente le informazioni in memoria.

Durante il passaggio dall'infanzia all'età adulta, c'è un cambiamento nel modo in cui le persone usano la memoria a lungo termine. I bambini tendono a memorizzare e richiamare informazioni in un formato "testuale". Cioè, si concentrano sui dettagli superficiali. Per esempio, un alunno può recitare il giuramento di fedeltà senza capire cosa significhi.

Gli adulti, d'altra parte, tendono a memorizzare e richiamare informazioni in un formato "gist". Cioè, si concentrano sul significato sottostante delle informazioni piuttosto che sui dettagli superficiali. Novizi ed esperti in un particolare dominio mostrano questa stessa distinzione verbale. Ad esempio, i giocatori di scacchi novizi si concentrano sulle posizioni specifiche dei pezzi, mentre l'esperto vede una particolare configurazione come parte di un gioco più grande.

Reyna e colleghi riferiscono di uno studio sull'efficacia dei programmi di educazione sessuale. In uno studio, tutti i ragazzi hanno attraversato lo stesso programma di istruzione. Alla fine della sessione, un gruppo ha ricevuto una guida allo studio contenente affermazioni letterali del programma, come ad esempio: "C'è una probabilità 1 su 12 di rimanere incinta da una singola istanza di sesso non protetto". L'altro gruppo ha anche ricevuto un guida allo studio che presenta le stesse informazioni ma in un formato "gist", come "Il sesso non protetto porta alla gravidanza".

Potresti pensare che maggiori informazioni siano migliori. Tuttavia, un'ampia ricerca mostra che il sovraccarico di informazioni porta a un peggior processo decisionale. Invece, le persone tendono a prendere decisioni migliori quando l'informazione è semplificata, cioè, inserite in un formato essenziale.

In un sondaggio un anno dopo, gli studenti del gruppo "gist" hanno riferito di atteggiamenti simili a quelli degli adulti verso il sesso non protetto, accettando affermazioni come "meglio prevenire che curare" e "ci vogliono solo una volta". Studenti che avevano ricevuto informazioni testuali come "1 su 12 possibilità" erano più propensi a considerare il sesso non protetto che valeva il rischio.

Questa constatazione si accorda con le nuove tendenze della psicologia adolescenziale. Ad esempio, lo psicologo Wiebke Bleidorn dell'Università della California, Davis studia come si sviluppa la personalità durante l'adolescenza. È risaputo che le persone tendono a diventare più coscienziose man mano che invecchiano. Diventano più affidabili e affidabili e si prendono più cura dei loro affari personali.

In uno studio interculturale, Bleidorn ha scoperto che il punto di svolta nella coscienziosità non era l'età, ma l'inizio di una carriera. In altre parole, gli adolescenti hanno iniziato a comportarsi da adulti una volta che ci si aspettava.

L'adolescenza è una narrativa sociale creata dalla civiltà moderna. Prima dell'era industriale, i bambini sono passati alla maturità dopo la pubertà mentre assumevano ruoli da adulti. Oggigiorno, l'ingresso nell'età adulta è in ritardo di un decennio o più. Forse, allora, la radice del tormentato adolescente non è cervello sottosviluppato ma aspettative sociali piuttosto basse.

Riferimenti

Bleidorn, W. (2015). Ciò che spiega la maturazione personale nella prima età adulta? Indicazioni attuali in Scienze psicologiche, 24, 245-252.

Reyna, VF, Weldon, RB e McCormick, M. (2015). Educare all'intuizione: ridurre le decisioni rischiose usando la teoria delle tracce fuzzy. Indicazioni attuali in Scienze psicologiche, 24, 392-398.

Sam Levenson. (Nd). BrainyQuote.com. Estratto il 3 gennaio 2016 dal sito Web BrainyQuote.com: http://www.brainyquote.com/quotes/quotes/s/samlevenso106992.html

David Ludden è l'autore di The Psychology of Language: An Integrated Approach (SAGE Publications).

Solutions Collecting From Web of "The Terrible Teens"