The Stigma of Mental "Illness" Part 3

Grazie a tutti quelli che hanno scritto commenti. Ognuno era profondo e perspicace. Li apprezzo molto. Ecco l'ultima puntata su Dan. Ancora una volta, mi piacerebbe sentirti.

Passarono alcune settimane. Lentamente, lentamente, lentamente, Dan iniziò il suo ritorno alla realtà. La sua paranoia diminuì, la sua rabbia si ritirò e iniziò a connettersi con il mondo in un modo che non aveva fatto per quasi metà della sua vita. Non aveva passato un giorno senza essere psicotico o delirante, nonostante gli sforzi eroici con i farmaci dopo il trattamento.

E ora stava cominciando a chiarire.

E ora cominciava a vedere la sua realtà senza la lente della psicosi che oscurava la sua visione.

E ora era molto, molto reale.

Mi sono seduto con Dan dopo che la sua psicosi si era chiarita. Insieme abbiamo iniziato a guardare avanti, in un momento in cui poteva davvero lasciare i confini di un ospedale psichiatrico e iniziare la sua vita nella comunità.

"Che cosa mi hai fatto?" Chiese.

La sua domanda mi ha colto di sorpresa.

"Che cosa hai fatto?" Ripeté. "Non sapevo cosa avevo perso. Tutti quegli anni Perché mi hai fatto questo? "

Dan non era più psicotico, ma l'enorme dolore di sedici anni persi stava cominciando a sopraffarlo. Cominciò a interrogarsi sui suoi amici del liceo, su come erano andati avanti con le loro vite mentre il suo era stato congelato in un mondo in cui la sua mente lo tradiva, dove viveva senza libertà, rinchiuso nell'abisso della sua malattia mentale.

Libero da quelle catene, Dan ora doveva affrontare il suo mondo, molto, molto indietro rispetto ai suoi pari, molto, molto lontano dalla sua famiglia che era cresciuta senza di lui, senza mai arrendersi, ma dover arrendersi, dover continuare con le loro vite . Sua madre era morta senza che lui se ne rendesse conto. Suo padre era vecchio e infermo. I suoi fratelli e sorelle si sono trasferiti in altri Stati, famiglie, bambini, lavoro.

E lui non aveva altro che la sua sanità mentale. Era troppo da sopportare. L'orrore e il trauma dei suoi sedici anni di psicosi, una difesa inaspettata contro la disperazione che ora ha vissuto.

Non più psicotico, era depresso.

La guarigione ha il suo lato oscuro, poiché alcune persone iniziano ad affrontare i risultati del salvataggio. Forse infermo, forse con handicap, forse con rabbia, profondo rammarico, il dolore e la perdita e l'oltraggio delle opportunità perse, di affrontare giorni nei giorni futuri con un corpo o una mente che li aveva traditi al livello più profondo.

Ho messo Dan su un antidepressivo. Non avrebbe curato le sue ferite di anni persi, ma almeno gli avrebbe dato la possibilità di ricominciare il suo percorso verso un certo grado di funzionalità. Aveva tutto il diritto di soffrire, ma allo stesso tempo non poteva permettersi una regressione alla psicosi, sebbene una parte di lui desiderasse disperatamente questo ritiro.

Col tempo si è radunato. Una squadra è stata costruita attorno a Dan, ed è stato, in effetti, in grado di passare lentamente piano piano ad una casa di gruppo, un programma di trattamento giornaliero, strettamente monitorato, dato lavoro di coaching, formazione, supporto. Non era un uomo stupido, e senza la distorsione della sua psicosi dalla vistosa garza, imparò rapidamente un'abilità nella quale eccelleva. Con il tempo e l'aiuto ha ricostruito una vita, non come una sostituzione per i suoi anni persi, ma ricca di potenzialità, e un rinnovato senso di chi era, chi era stato, e come stava emergendo dal pauroso mondo della distorsione e depressione.

Dan mi ha insegnato una lezione. Una rottura con la realtà può essere un trauma, ma tornare a volte può essere peggio. All'inizio.

Ed è sempre bello avere qualcuno con cui condividere una tazza di caffè, anche se è decaffeinato.

È una cosa da IM.

Image from "The Fear Reflex", Hazelden Press 2014, and "Do You Really Get Me?", Hazelden Press 2015. Joseph Shrand, MD
Fonte: Immagine di "The Fear Reflex", Hazelden Press 2014, e "Mi fai davvero piacere?", Hazelden Press 2015. Joseph Shrand, MD

Solutions Collecting From Web of "The Stigma of Mental "Illness" Part 3"