The Sound of Silence: partner silenziosi in coppie interrazziali

westsidetoastmasters.com
Fonte: westsidetoastmasters.com

Frequentemente, gli studenti clinici affrontano il tema del silenzio durante le sessioni di terapia che hanno condotto e chiedono come possono evitare silenzi scomodi in futuro. Dico ai miei terapeuti in allenamento che il silenzio non è qualcosa da temere, infatti, in termini di terapia narrativa, rappresenta un potenziale alleato nella stanza della terapia. Se la accogliamo come tale, possiamo fare un sacco di cose pesanti per noi, e possiamo evitare un sacco di dolori quando usciremo dalla fase sinistra dopo le nostre sessioni. Il silenzio può essere nostro amico, consentendo allo spazio e al tempo di pensare e di attraversare le cose che non hanno elaborato pienamente. Ma il silenzio può anche sussurrarci: "I tuoi clienti stanno aspettando e pensano che tu non sappia cosa stai facendo". Allo stesso modo, nelle relazioni intime, il silenzio può uccidere il senso di connessione e intimità. Può sussurrare ad entrambi i partner: "Non lo capisce; lei non capirà mai. "O," Non gli importa di quello che hai appena condiviso con lui. "Il silenzio può scuotere le basi della fiducia tra i partner. Questo post esamina l'impatto del silenzio nel caso di coppie interrazziali e famiglie multirazziali.

L'esplicita decisione di attraversare il confine della razza nel formare relazioni intime ha chiaramente un impatto sui processi di relazione interrazziale, indipendentemente da quanta razza sia de-enfatizzata come fattore da alcuni partner che ho intervistato per il mio libro. Sebbene affrontato in modo più completo e potente nel contesto delle interviste individuali, il razzismo e le differenze razziali ed etniche sembravano essere una fonte di tensione e un argomento evitato in molte delle interviste congiunte, specialmente da parte di coppie la cui comunicazione era caratterizzata da una grande quantità di conflitti e chi appariva a disagio a discutere delle differenze in generale. Alcuni partner potrebbero aver scelto di astenersi da discussioni sulle loro esperienze quotidiane di pregiudizio e razzismo per una serie di motivi. Sia i partner di sesso maschile che quelli di sesso femminile possono adottare un codice di silenzio per fedeltà o fedeltà alla famiglia (ad esempio, "alcune cose non vengono discusse", specialmente in società "miste") o preoccupazioni che il loro partner potrebbe non essere empatico con loro esperienze.

Quando un partner di colori sperimenta il razzismo, il silenzio di un partner bianco, o la mancanza di affermazione, può servire a rafforzare l'apprendimento che alcune persone fanno, e alcune persone non capiscono la miriade di modi in cui il razzismo si manifesta nell'interazione quotidiana, modi che a volte sottile ( microaggressioni ), a volte scontato ( macroaggressioni ), ma sempre potente. Alla luce della tendenza dei partner bianchi a "non notare", o di essere "dimentichi" di reazioni pubbliche negative nei confronti della coppia o del partner di colore (Killian, 2013), i partner neri possono rimanere in silenzio sulle loro esperienze quotidiane o assumere il compito di dirigere l'attenzione e fare il proprio caso come ogni evento o esperienza. Che abbiano successo o meno nell'aprire dialoghi su presunti episodi razzisti con i loro partner, i partner neri continueranno ad adottare una posizione di vigilanza, a investire considerevole energia per monitorare gli incidenti e a tollerare l'ambiguità di fronte alle tante piccole, a volte sottili atti di ostilità che si verificano in una società razzista. In effetti, tali microaggressioni possono verificarsi in una varietà di contesti, tra cui la stanza della terapia (Costantino, 2007). Quindi, mentre la vigilanza costante può portare allo stress e all'esaurimento nel tempo, i partner neri lo vedono come una valida strategia e un corretto orientamento alla realtà, mentre i bianchi potrebbero vederla come "ipersensibilità" (gridare a Elaine Pinderhughes). Chiaramente, questi silenzi possono ostacolare o impedire il livello di connessione e intimità nella relazione della coppia. Il prossimo blog parlerò di ciò che i medici dicono, e non dico, che possono riprodurre il suono del silenzio o, in alternativa, offrire opportunità di trasformazione in terapia.

Kyle D. Killian, PhD è autore di Coppie interrazziali, Intimacy & Therapy: Crossing Racial Borders della Columbia University Press.

Riferimenti

Costantino, MG (2007). Microaggressioni razziali nei confronti di clienti afroamericani nelle relazioni di counselling cross-razziale. Journal of Counseling Psychology, 54 , 1-16.

Pinderhughes, E. (1989). Comprensione della razza, dell'etnia e del potere. New York: stampa gratuita.

Solutions Collecting From Web of "The Sound of Silence: partner silenziosi in coppie interrazziali"