The Silent Epidemic: Young Men Dropping Out of College

Questo blog ospite, del mio amico, collega ed esperto di educazione Dan Riseman, ci aiuta a capire i motivi per cui alcuni giovani potrebbero avere difficoltà a finire l'università e cosa si può fare per aiutarli.

Le statistiche sono sconcertanti. Negli ultimi dieci anni, circa il 30% dei giovani ha abbandonato il college durante il primo anno (Hartley). Per coloro che sono rimasti, il 38% ha completato la laurea in quattro anni e il 58% ha concluso entro sei. (Centro nazionale per le statistiche sull'istruzione). Secondo i ricercatori, le lotte delle matricole del college maschile non sono cambiate molto nel corso degli anni, ma molti dei giovani di oggi, rispetto a quelli del passato, sono meno resistenti rispetto alle sfide. Per vent'anni ho aiutato centinaia di giovani uomini e donne a raggiungere le ammissioni al college. Mentre nessuna delle mie studentesse si è ritirata, molti studenti tornano a casa senza gradi e spesso, con un senso di delusione e disperazione. Qual è la causa di questa discrepanza?

Lo sviluppo gioca un ruolo. I ragazzi non maturano così rapidamente come le ragazze e le ragazze tendono ad avere migliori abilità sociali e comportamentali dall'asilo in poi. (Isacco, pagina 8). Il ritardo dei ragazzi può portare a scelte comportamentali che aggravano lo scarso aggiustamento. Un numero significativo di giovani universitari con carenti abilità sociali si isolano. Come dettagliato nel libro di Hannah Rosin, The End of Men , gli studenti maschi lottano più delle loro controparti femminili in molti modi. Secondo Rosin, le studentesse universitarie "vedono un nuovo contesto sociale e si adattano alle nuove circostanze". Gli studenti maschi invece, "seguono i vecchi costumi", e sono meno adattabili, il che a sua volta innesca l'angoscia.

Anche la biologia è importante. L'ADHD, la dislessia e altre difficoltà di apprendimento sono più frequenti nei maschi. In effetti, due terzi degli studenti con difficoltà di apprendimento sono maschi. (Marder, Levine e Wagner, pagina 8). Per coloro che hanno problemi di apprendimento, è fondamentale avere le competenze necessarie per l'auto-difesa e l'intraprendenza; tuttavia, questo spesso non è il caso. Al college, molti studenti con disabilità di apprendimento non cercano i servizi a loro disposizione. Non riescono a identificare alloggi come supporto accademico e servizi di consulenza che li aiuterebbero ad avere successo. Sentimenti di frustrazione e dolorose lotte accademiche possono costruire e portare al desiderio di fuggire.

I social media aggiungono anche l'angoscia al college perché crea una percezione glorificata delle esperienze degli altri. "Tutti si divertono, cosa c'è di sbagliato in me, così e così tanti amici …". potrebbe passare attraverso la mente. Tali confronti evocano invidia, autocritica e tristezza. Un giovane fragile potrebbe non riuscire a percepire che i post sono spesso idealizzati e non la storia vera o intera. (Esistono dati che suggeriscono che i social media innescano una scarsa autostima in alcune persone). Esistono anche pressioni sociali di persona. Al college, molti giovani si sentono obbligati a seguire un "copione maschile". Uno studente lo descriveva come: "Bevi, fuma e collega". Ma molti studenti maschi trovano questo tipo di vita insoddisfacente, lasciandoli emotivamente vulnerabili.

La solidificazione dell'identità è un compito di questa fase della vita. Se uno non può conformarsi al ruolo previsto, aggrapparsi a un'alternativa o pilotare l'assolo con facilità, può derivarne la disperazione. Il 44% degli studenti universitari riferisce di avere sintomi di depressione e la depressione è il motivo principale per cui gli studenti abbandonano la scuola.

Il fatto che i maschi non siano così probabili quanto i loro compagni di classe femminili a cercare aiuto per i disturbi psicologici contribuisce anche al problema. Cercare l'appoggio, piuttosto che arrendersi, negare o soffrire nella vergogna silenziosa, deve essere un'opzione accettabile. Ma sembra che per molti giovani non lo sia. I giovani costituiscono solo un terzo dei clienti dei servizi di consulenza universitaria (Reetz, Krylowicz e Mistler, pagina 14). I consulenti universitari stanno iniziando a contattare questi uomini nei dormitori, nelle fraternità e in palestra. Nel frattempo, una generazione di "ragazzi perduti" sta abbandonando il college e sta tornando con i genitori. Infatti, i giovani uomini sono ora quasi il doppio delle probabilità che le giovani donne vivano con i loro genitori con il 59% degli uomini di età compresa tra i 18 ei 24 anni che vivono a casa (Drake).

Un altro problema che interferisce con il corso è che alcuni giovani hanno aspettative non realistiche. Credono di poter seguire le orme di Bill Gates o Steve Jobs e fare una fortuna senza una laurea. Uno studente ha detto: "Sono andato al college per mantenere i miei genitori felici". Di conseguenza, entrano al college con scarso senso dello scopo e finiscono per fallire. Mentre questi dropouts immaginano di poter avere successo senza una laurea, le start-up di successo sono rare. La disgiunzione tra la grande aspettativa e la realtà umiliante può risultare in una frustrazione estrema e in una mobilità di carriera minima. Non riuscendo a diventare il prossimo lavoro e non avendo conseguito una laurea è un set per entrambe le lotte psicologiche e professionali.

I genitori possono provare un senso di colpa travolgente quando il figlio lascia il college. Molti genitori si incolpano di se stessi. Si rendono conto che il loro stile di elicottero potrebbe aver esteso l'adolescenza del figlio e ritardato il suo diventare un adulto responsabile. La realtà è che gli studenti universitari che hanno avuto esperienza di genitori di elicottero riportano livelli più alti di depressione e un maggiore uso di antidepressivi (Esposito). La ricerca ha dimostrato che la genitorialità dell'elicottero può portare a bambini non resilienti che non sono in grado di pensare da soli. Una volta che il bambino ritorna a casa, se i genitori gli permettono di provare la delusione, può essere motivato a cambiare. Se i genitori risolvono ancora il suo problema, lo propongono o producono l'unguento che rimuove la puntura, potrebbe non sviluppare le risorse interiori necessarie per andare avanti. I giorni in cui si naviga ogni aspetto della vita di quel bambino devono finire per assicurarsi che imparerà a difendersi da solo.

Per gli studenti che abbandonano, è importante pianificare il loro futuro in modo tempestivo. Evitare il futuro porterà a maggiore paura e paralisi emotiva. Coloro che tornano a casa devono riflettere sul perché non hanno avuto successo o adattarsi bene all'università e cercare aiuto professionale se necessario. Stabilire una routine quotidiana sana è importante: ottenere un lavoro, fare volontariato nella comunità e rimanere attivi per creare un senso di efficacia e di slancio. Ritornare all'università potrebbe non essere la risposta, ma riparare autostima e concentrazione è essenziale indipendentemente dal passo successivo.

by Chloe Barron
Fonte: di Chloe Barron

Solutions Collecting From Web of "The Silent Epidemic: Young Men Dropping Out of College"