The Shame Game

Vergogna. È un'emozione distruttiva che vedo troppo spesso quando le persone entrano in terapia. Un motivo frequente è che le persone si vergognano di dover cercare un aiuto professionale. Dice loro (e temono che dica agli altri) di essere deboli.

In questo senso, il consiglio di "tirar su i tuoi stivaletti" è un'espressione vivida che evoca immagini di persone forti e autosufficienti. Ma è anche una raccomandazione ridicola. Mi ricorda sempre la storia in cui il mitico barone von Munchausen cavalca il suo cavallo in una palude e si blocca; si salva (e il cavallo) tirandosi su dal codino. In questo contesto, è chiaro che l'autosufficienza assoluta è la fantasia. Eppure, molti insistono nel tentare di tirarsi fuori da torbi emotivi con la stessa tecnica.

Sfortunatamente per queste persone, il loro desiderio di essere forti li fa sentire deboli. Diventano estremamente consapevoli dei loro limiti; e vergognarsi di quella debolezza. Coloro che alla fine decidono di entrare in terapia scoprono rapidamente che questa decisione crea un enigma: pensano di essere deboli per aver bisogno di terapia, ma scoprono che ci vuole forza emotiva per aprirsi sui loro problemi. Dover essere forte nella propria debolezza è un nuovo concetto; e quello a cui ci si sta abituando.

Noi come cultura abbiamo idolatrato lo spirito indipendente, mentre spesso evitiamo di fidarci l'uno dell'altro. Avere bisogno dell'aiuto degli altri è diventato un segno di debolezza. Quindi siamo spesso ciechi rispetto al coraggio necessario per accettare i nostri limiti. Questo tipo di coraggio significa riconoscere che abbiamo bisogno degli altri – per aiutare a prenderci cura dei nostri figli, o per compagnia, o forse anche per una spalla su cui piangere. E a volte, quando il gioco si fa davvero duro, abbiamo bisogno dell'aiuto di professionisti della salute mentale.

Per trovare la forza interiore per sentirti forte anche con la debolezza, devi essere pienamente consapevole dei tuoi bisogni mentre non ti identifichi completamente con loro. Devi essere in grado di dire, non posso smettere di urlare; o mangiare; o bere da solo . Ma devi anche sapere in profondità che questi problemi non ti definiscono. Non ti rendono meno umano – proprio come le lotte dei tuoi amici non li rendono meno degni di amici o di persone.

Un modo per farlo è rendersi consapevoli che ci sono altri che lottano con gli stessi problemi che hai. È uno dei capisaldi dei gruppi di supporto – e con buone ragioni. Sapere che non sei solo può aiutarti ad accettare le tue difficoltà o limitazioni come parte dell'essere umano. E, prendendo questa prospettiva, troverai più facile relazionarti ai tuoi problemi con compassione. Ti libererà anche dalla tua vergogna – rendendoti emotivamente più forte e più capace di concentrare i tuoi sforzi per affrontare il problema in questione.

L'ideale americano del pioniere autosufficiente è personificato negli eroi robusti e maschili del western classico del cinema. Mentre la maggior parte della gente sa che il nostro paese è stato costruito su questo spirito indipendente, molti dimenticano che è stato costruito anche sulla comunità. In quei vecchi film, di solito era un gruppo di carri che attraversava il paese aspro, facendo un cerchio per difendersi, se necessario. I pionieri lavoravano insieme e facevano affidamento l'uno sull'altro mentre spingevano la loro strada verso i loro sogni. C'è una lezione per noi nel 21 ° secolo.

La dottoressa Leslie Becker-Phelps è psicologa clinica in uno studio privato e fa parte dello staff medico del Somerset Medical Center di Somerville, nel New Jersey. È anche l'esperta 'Relationship' sulle relazioni e sulla comunità di coping di WebMD.

Se desideri ricevere una notifica via email dei nuovi post sul blog di Dr. Becker-Phelps, fai clic qui.

  • La procrastinazione è immorale?
  • 7 Comune ma paura nascosta sul sesso
  • I ragazzi saranno ragazzi
  • Scrivere una parola al giorno
  • Ansia pre-volo: cosa lo causa, cosa lo ferma
  • In curva un bambino scivoloso
  • Immaginazione secondo scienza, ingegneria e filosofia
  • Costruire moderni Sé 1: Pericoli del sistema di classe
  • Come impedire agli altri di mentire
  • Psicopatici al lavoro
  • Figlie non amate e l'unica domanda che devi smettere di chiedere
  • 5 modi per disinnescare lo stress delle vacanze
  • Charlie Heriot-Maitland su compassione e psicosi
  • Il Memorial Day è un momento del ricordo
  • Usa le tue emozioni e il tuo intelletto per accedere alla "vera ricchezza": una crisi è una cosa terribile da sprecare (parte V)
  • Jonny Hawkins spiega perché la malattia mentale è un affare di famiglia
  • Recupero delle dipendenze
  • Come gli eventi pubblici aiutano o guariscono le ferite di abusi sessuali
  • The Dirty Little Secret of Feminine Desire ...
  • Valore fondamentale
  • Il sesso viene da Dio?
  • THC per la malattia di Huntington? I recettori CB1 sono importanti per oltre il consumo di droga
  • Ninfomane: uno sguardo realistico sull'ipersessualità femminile?
  • Cinquanta sfumature di grigio
  • Top Ten Secrets of Effective Liars
  • Perché sono felice di aver visto uno psichiatra
  • Andando per il Gusto!
  • Little Green Lies
  • Le leggi di attaccamento
  • Alzare i bambini resilienti
  • Invitando Mara a tè
  • La cultura denota lo standard della bellezza
  • I pericoli e i vantaggi di essere in conflitto-evitando
  • L'errore numero uno che le persone fanno durante le risoluzioni
  • Stigmatizzare il proprio peso aumenta i rischi per la salute
  • Il pene più potente della parola