The Sad Romance of Cutting and Burning

Ci sono un sacco di comportamenti autoaggressivi che i giovani raccolgono dai loro amici o dallo spirito culturale. Questi includono l'uso di vomito, lassativi, stimolanti e diete idiosincratiche per controllare il peso; auto-taglio e-bruciando per affrontare emozioni intense, intorpidimento o noia; e binge drinking e abuso di droghe per facilitare la socializzazione. Come per le malattie contagiose, alcune persone sono più resistenti a questi disturbi e alcune sono più sensibili.

Dicendo che questi comportamenti possono essere acquisiti vedendo gli altri farli, o anche leggendo su di loro o vedendoli raffigurati sullo schermo, non intendo assolutamente che siano banali o semplicemente intenzionali. L'autolesionismo ha molte cause e riflette il vero dolore. (Compreso l' assenza di dolore, come quando il taglio o la combustione sono usati per perforare l'intorpidimento emotivo.) Quello che sto dicendo è che, come altre cattive abitudini, queste malattie iniziano come comportamenti volontari e che molti di voi non l'hanno mai visto o sentito parlare di loro – da film, libri o dai tuoi amici – probabilmente non li avrebbero inventati da soli. In altre parole, se la purga e il taglio non fossero stati culturalmente disponibili, avresti potuto "scegliere" un'altra risposta al dolore psichico o al torpore. Una volta scelti, tuttavia, i comportamenti autoaggressivi hanno un modo per diventare auto-perpetuanti e abituali.

Fermare le cattive abitudini è difficile. Fermare le cattive abitudini autodistruttive è particolarmente difficile perché la cultura popolare ha sofferto di un fascino perverso. Ci siamo resi autoinflitti miseria chic. Guardare il tuo stesso sangue stillare da un taglio che hai fatto tu, bruciare la coscia con una sigaretta, vomitare in un bagno al ristorante dopo un pasto, farti sembrare un derelitto – tutti gli atti tristi e sordidi associati al "lato oscuro" – sono in realtà poco più che cliché pop-culture. Identificano la miseria con la creatività, il dolore autoinflitto con il martirio e l'autoindulgenza con la nobiltà. Le loro fonti sono la letteratura della tragedia alla sua meno fantasiosa: culti di vampiri, musicisti e attori martoriati dalla droga, memorie mentali di asilo e celebrità troppo ricche per se stesse. Prendono in prestito dalla lingua della strada, ma non hanno alcun significato al di là del sé. Purtroppo, sono completamente derivati ​​e non originali.

Ma non sembrano così quando sei giovane. Sembrano romantici. Si nutrono del desiderio di rendere la tua vita straordinaria, di essere più grande di quello che è attualmente. Vuoi che la tua vita sia piena di passione e creatività. Vuoi che il tuo dolore abbia un significato, qualcosa di più grandioso dell'angoscia del tipico studente di college. Vuoi che il tuo dolore sia cinematografico. Ma drammatizzando la tua angoscia e la tua unicità in questo modo convenzionale – infliggendo ferite a te stesso – non lo stai innalzando, lo stai sminuendo. Esprimendola, stai dicendo che il tuo dolore è troppo banale per essere preso sul serio dai suoi meriti. Stai dicendo che non si può parlare in modo ragionevole ad un ascoltatore comprensivo; deve essere eseguito su un palcoscenico per un pubblico (immaginario). Stai pagando un grosso prezzo per la banalità dei nostri film e della televisione.

Ma a prescindere da come questi comportamenti autolesionistici siano iniziati, hanno rapidamente acquisito una vita propria. Smettono di diventare un'espressione di dolore e diventano una fonte di dolore auto-perpetuante. Come con le droghe, la "cura" per la malattia diventa la malattia. Il taglio e l'eliminazione si allontanano dalle cause profonde e diventano cattive abitudini o persino dipendenze.

Sapendo che i comportamenti autoaggressivi sono determinati culturalmente e possono diventare rapidamente abituali, aumenta l'importanza della prevenzione. Ecco alcuni suggerimenti per la prelazione: (1) Riduci la tua esposizione a persone che praticano comportamenti auto-dannosi, specialmente se – le persone e i comportamenti – sembrano allettanti. (2) Migliora la tua scelta di film e libri. Sii scettico nei confronti di "memorie" che ammaliano alcol, droghe, autodegradazione e assunzione di rischi trasformandoli in "arte". (3) Se hai sperimentato tagli o purghe, fermati immediatamente prima che quei comportamenti diventino abituali. (4) Meglio ancora, pensale come una dipendenza schifosa ed evita di metterli in primo piano.

Addendum (aggiunto il 26 ottobre 2010)

Mi scuso con qualsiasi lettore, compresi i pochi che hanno fatto commenti su questo post, per il tono del mio articolo che sembra banalizzare il dolore dell'autolesionismo e la difficoltà nel superarlo. Taglio, bruciore e spurgo sono le risposte a un intenso dolore psichico e possono essere associati ad altri disturbi psichiatrici molto gravi (come il disturbo bipolare, la depressione maggiore agitata e il disturbo borderline di personalità) che richiedono un trattamento in sé stessi.

Molti, forse anche la maggior parte, i casi di autolesionismo iniziano involontariamente e vengono vissuti come vergognosi piuttosto che "fighi". E, indipendentemente da come hanno iniziato, diventano rapidamente auto-perpetuanti e quasi avvincenti – spesso perché riescono ad alleviare la psichica dolore.

Il mio articolo è stato indirizzato alla parte particolare della popolazione del college che sta appena iniziando a usare il taglio, la masterizzazione o lo spurgo per affrontare il dolore emotivo. Questi sono giovani i cui autolesionismi non si sono sviluppati spontaneamente mordendosi le guance, pizzicandosi o scavando le unghie nella loro pelle, ecc. È stato raccolto dai loro amici o dai racconti di queste pratiche che hanno visto o letto circa nei media. Alcuni di questi giovani, purtroppo, associano l'autolesionismo alla sofferenza artistica. Per corroborazione, vedere questi commenti su un post correlato in "Psychology Today".

Nel dirigere il mio articolo su questa particolare sottopopolazione, stavo provando (insensibilmente, sembra) a prevenire la progressione del loro taglio, bruciore e spurgo mentre era ancora volontario – prima che diventasse troppo "utile" o additivo a fermarsi. Volevo rendere questi giovani consapevoli del fatto che ottenere un aiuto professionale per affrontare il loro dolore psichico, compresa la medicina e la psicoterapia, era preferibile trattarlo per conto proprio con l'autolesionismo. Non era mia intenzione sminuire né i sintomi né le persone che ne soffrivano.

Ringrazio le persone che hanno scritto commenti che hanno portato questi problemi alla mia attenzione. È naturale voler rendere i post dei blog un po 'provocatori e non è sempre possibile coprire ogni affermazione con le qualificazioni. Tuttavia, cercherò di essere più chiaro, più attento e più sensibile in futuro.

Solutions Collecting From Web of "The Sad Romance of Cutting and Burning"