The Root of All Hypocrisy

Stai litigando. Tensioni montate Tiri fuori i tuoi grossi cannoni a metà, i principi morali che non hai, non puoi e non dovresti vivere.

Prendendo il sopravvento, dici cose come "non interrompere", come se non interrompessi mai, "non giudicare", come se non si fosse mai giudicati, "non generalizzare", come se tu fossi non generalizzando sulle loro generalizzazioni, "non essere negativo", come se "non" non fosse negativo, "non essere scortese" come se fosse gentile a chiamare le regole per le quali non puoi vivere. Evochi qualsiasi principio morale semicoperto faccia il tuo caso in questo momento.

L'ipocrisia non deriva dall'avere un doppio standard ma fingere di avere uno standard quando nessuno lo fa.

Non è solo che c'è un tempo per essere negativi e un tempo per essere positivi. Il problema con il tentativo di vivere secondo principi morali assoluti è più profondo di quello. Più sei positivo su una cosa, meno sei positivo sul suo opposto. Se ami davvero la giustizia, odi davvero l'ingiustizia. Se giudichi il giudizio come cattivo, stai giudicando. Se sei gentile con una persona, non sei gentile con gli altri poiché la gentilezza richiede uno sforzo – non puoi essere gentile con tutti tutti in una volta.

Sii sempre questo; mai essere così Le regole one-side-fits-all sono facili da ricordare, divertenti da predicare, utili da maneggiare in argomenti e impossibili da seguire. Siamo meno ipocriti quando ce ne rendiamo conto e lo ammettiamo, e il più ipocrita quando lo ignoriamo e lo neghiamo.

Tutti noi cerchiamo di capire i contesti in cui è meglio essere onesti rispetto a disonesti, ricettivi e non ricettivi, dare e non donare, ecc. Questo è ciò che realmente facciamo e dovremmo fare.

Non diventiamo ipocriti essendo a volte disonesti, non ricettivi o non donanti, ma fingendo che non si dovrebbe mai essere, come se fosse possibile vivere secondo questi principi morali impossibili piuttosto che ammettere che, come tutti, stiamo lottando con dilemmi morali , decidere dove essere onesti e disonesti, dove essere ricettivi e irriconoscibili, dove dare e non dare. Questo è il lavoro che stiamo facendo tutti. Ciò che ci unisce nella causa comune è cercare di farlo bene.

Attaccarsi l'un l'altro con regole morali valide per tutti è come diventiamo ipocriti; difenderci quando le regole tornano a morderci è come rafforziamo la nostra ipocrisia. Dichiariamo alcune regole categoriche impossibili e poi siamo costretti a gerrymander il suo confine per autodifesa. Diciamo "Non essere disonesto" e poi, una volta scoperto essere disonesto, diciamo: "Non ero disonesto, ma pieno di tatto. Totalmente differente."

Qual è la differenza? Non ci prendiamo nemmeno la briga di chiederci perché tutto ciò che stiamo cercando di fare è difenderci osservando le leggi che non rispettiamo, tranne quando ci aiutano. Ci dichiariamo impegnati in qualche virtù e poi semplicemente facciamo scivolare quello che vogliamo dentro e fuori da quella categoria. "L'onestà è una virtù. La disonestà è un vizio. Ma quando non ti dico la verità, sono sinceramente discreto. Quando non mi dici la verità sei disonesto. "

I nostri falsi principi morali assoluti ostacolano la nostra crescita morale. Perché abbiamo deciso che dovremmo sempre farlo e mai farlo, non riusciamo a chiederci dove fare cosa.

Se vogliamo diventare più saggi, dobbiamo scambiare i nostri assoluti principi morali per le strutture morali modellate sulla preghiera della serenità con la sua ricerca di "saggezza per conoscere la differenza" sempre migliorata tra le situazioni che richiedono questa o quella risposta.

Ecco una lista di variazioni sulla preghiera di serenità applicata ad alcuni dei dilemmi morali che affrontiamo ogni giorno e che affronteremo fino alla fine dei nostri giorni. Questi dilemmi non possono essere aggirati con falsi assoluti morali di taglia unica. I dilemmi possono essere ignorati, rendendoci ipocriti.

Solutions Collecting From Web of "The Root of All Hypocrisy"