The Psychopath Next Door

Le società moderne sono terreno fertile per la psicopatia.

goodluz/Shutterstock

Fonte: goodluz / Shutterstock

Se sei come me, probabilmente non hai molta simpatia per gli psicopatici. Gli psicopatici sono caratterizzati da una serie di modelli comportamentali antisociali, tra cui imbrogli, furti e, a volte, crimini molto peggiori. In breve, queste sono persone che sfruttano gli altri per il proprio guadagno come una questione di strategia di vita generale (si veda Figueredo et al., 2008). Gli psicopatici possono essere considerati particolarmente “alti” nella dimensione psicopatica della Triade Oscura – un insieme di tratti antisociali associati ad un approccio sfrenato e indifferente agli altri.

Da una prospettiva evoluzionistica, una domanda ovvia è, se le persone hanno una forte repulsione nei confronti degli psicopatici, in che modo sopravvivono gli psicopatici? Le pressioni sociali contro i comportamenti psicopatici non dovrebbero in ultima analisi estinguerle? E non dovrebbero forse riprodurre quelli che esibiscono tali comportamenti in funzione del loro corredo genetico e fisiologico? In breve, che succede con gli psicopatici?

Psychopaths Flourish in Mega-Cities

Una chiave per il successo degli psicopatici nel mondo moderno si trova nel disallineamento evolutivo – un concetto che parla ai casi in cui un organismo si trova in condizioni che non corrispondono alle condizioni che hanno caratterizzato l’ambiente evolutivo che circondava quel tipo di organismo nel passato. Nel nostro moderno ambiente sociale umano, il disallineamento evolutivo abbonda. Per la parte del leone della storia evolutiva umana, i nostri antenati nomadi vivevano in gruppi non più grandi di 150 (vedi Dunbar, 1992). In condizioni moderne, molti di noi vivono in città con popolazioni che sono migliaia, centinaia di migliaia o addirittura milioni. Questo è un mismatch evolutivo.

In un’attenta analisi delle origini evolutive degli psicopatici, AJ Figueredo e colleghi (2008) sostengono che le moderne condizioni sociali su larga scala hanno involontariamente spianato la strada agli psicopatici. Oppure, come scrivono gli autori, “gli psicopatici prosperano nelle mega-città” (Figuredo et al., 2008).

Pensa alle condizioni sociali su piccola scala. Pensa di vivere in un gruppo di 150 persone e immagina di vedere solo quelle stesse persone giorno dopo giorno – per tutta la vita. Trasgredire contro qualcuno sarebbe rischioso. Potresti perdere velocemente amici in un contesto del genere, e perdere alcuni amici in un contesto del genere potrebbe essere piuttosto pericoloso, perché l’ostracismo in condizioni ancestrali sarebbe stato spesso fatale. Quindi essere uno stronzo sfruttatore avrebbe potuto avere conseguenze molto sfavorevoli per un nostro antenato nomade. (In effetti, gran parte della nostra psicologia moderna è immersa in questo fatto.)

Tuttavia, i tempi sono cambiati. E ora viviamo in metropoli come New York, Londra, Tokyo e Città del Messico. E nelle grandi città, le persone hanno l’opportunità di pattinare nell’anonimato. In una grande città, qualcuno ha una grande serie di altri con cui connettersi – quindi forse perdere i propri legami con un gruppo di amici non è forse così grave come sarebbe stato in condizioni ancestrali.

Prove per la psicopatia come risultato di un errore di evoluzione

La teoria di Figueredo et al. (2008) secondo cui le condizioni sociali moderne hanno spianato la strada al fiorire degli psicopatici è sicuramente spaventosa. Ma quali sono le prove? Affinché questa teoria tenga, per cominciare, la psicopatia dovrebbe avere una componente ereditabile (o genetica) documentata. Basato su una ricerca gemellata condotta con cura, lo fa (si veda Figueredo et al., 2006).

E per sostenere questa teoria, il comportamento psicopatico dovrebbe anche avere un insieme chiaro di basi fisiologiche. Indovina un po? Gli psicopatici mostrano regolarmente “carenze” nei sistemi cerebrali correlati a tali esiti come risposta allo startle, empatia e paura (vedi Blair, 2003).

Infine, per sostenere questa teoria, dovrebbero esserci dei chiari benefici adattativi all’essere psicopatici. Ad esempio, forse anche le persone che ottengono punteggi elevati nelle misure di psicopatia sono considerate più attraenti fisicamente della media. Bene, questo è esattamente ciò che Lalumiere e colleghi (2001) hanno trovato in uno studio su questa domanda.

Linea di fondo

Perché esiste un comportamento errato? Questa è una delle domande chiave nel campo della psicologia. Sebbene ci siano, in effetti, molte risposte a questa ampia domanda, mi sembra che la prospettiva evolutiva fornisca una base potente per rispondervi. Quando i nostri antenati costruivano città e abbandonavano il loro stile di vita nomade per uno stile di vita urbano, c’erano tutti i tipi di conseguenze non volute. L’ascesa dello psicopatico potrebbe essere una conseguenza del genere. Sfortunatamente, data la tendenza verso l’urbanizzazione su scala globale, la prevalenza di psicopatici nella nostra società potrebbe essere in aumento.

Vuoi aiutare a lavorare per una migliore comprensione del mondo? Non ignorare le implicazioni del nostro retaggio evolutivo.

Riferimenti

Blair, RJR (2003). Base neurobiologica della psicopatia. British Journal of Psychiatry, 102, 5-7.

Dunbar, RIM (1992). Dimensione della neocorteccia come vincolo alla dimensione del gruppo nei primati. Journal of Human Evolution, 22 (6), 469-493.

Figueredo, AJ, Vásquez, G., Brumbach, BH, e Schneider, SMR (2006b). L’ereditarietà della strategia della storia della vita: il fattore K, la covità e la personalità. Biologia sociale.

Figueredo, AJ, Brumbach, BH, Jones, DN, Sefcek, JA, Vasquez, G., & Jacobs, WJ (2008). Vincoli ecologici sulle tattiche di accoppiamento. In G. Geher e G. Miller (Eds.), Intelligenza coniugale: sesso, relazioni e sistema riproduttivo della mente (pagine 337-365). Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum.

Lalumiere, ML, Harris, GT, & Rice, ME (2001). Psicopatia e instabilità dello sviluppo. Evoluzione e comportamento umano, 22, 75-92.

Srivastava, K. (2009). Urbanizzazione e salute mentale, Industrial Psychiatry Journal, 18, 75-76.

Solutions Collecting From Web of "The Psychopath Next Door"