The Psychology of Trump’s Fake News Awards

Potresti essere sorpreso dall’influenza dei premi sul pubblico in generale.

Photo of Donald Trump /Wikimedia Commons

Fonte: foto di Donald Trump / Wikimedia Commons

I “Fake News Awards” di Donald Trump per quello che lui definisce “il più corrotto e tendenzioso dei media mainstream” hanno preso in giro. Tuttavia, la ricerca scientifica comportamentale suggerisce che siano mortalmente seri. Questi premi creano un’istituzione per gli implacabili attacchi di Trump sui media mainstream e posizionano Trump come l’unica voce che arriva a determinare i media veritieri. Sfortunatamente, lo stile tipico della copertura delle notizie perpetuerà l’agenda di Trump. Tuttavia, uno stile diverso, informato da strategie scientifiche comportamentali, fornirebbe informazioni più accurate e affronterebbe il danno dai Fake News Awards.

Lo scopo di ogni premio è quello di creare un modo istituzionalizzato di promuovere una determinata causa attirando l’attenzione del pubblico. Ad esempio, consideriamo forse il premio più conosciuto al mondo, il Premio Nobel, assegnato per i più importanti progressi scientifici e culturali. Ogni anno, i media sono pieni di titoli che descrivono i premi e i loro destinatari, con conseguente significativa attenzione del pubblico che eleva l’importanza della scienza e della cultura.

Questa attenzione attinge alla “disponibilità euristica”, alla nostra tendenza ad attribuire un’eccessiva importanza a ciò che accade essere in prima linea nelle nostre menti, e all’effetto “innesco”, in cui percepiamo connessioni esagerate tra stimoli passati e futuri. Pertanto, il Premio Nobel fa sì che il pubblico si concentri sui risultati scientifici e culturali e interpreti i futuri progressi alla luce dei vincitori del premio Nobel dello scorso anno.

Più sottilmente, un premio posiziona il concedente del premio come l’unica voce legittima nel determinare chi merita il premio. Diverse istituzioni svedesi e norvegesi decidono chi ottiene i vari premi Nobel. Forse il più prestigioso, il Nobel per la pace, è determinato da una commissione eletta dai politici del parlamento norvegese. Pertanto, la politica interna interna della Norvegia influenza fortemente questo premio.

In parallelo, i Fake News Awards promuovono gli attacchi di Trump sui media mainstream. In un tweet del 2 gennaio 2018, ha descritto il premio sottolineando “Dishonesty & Bad Reporting in varie categorie.” Possiamo ottenere una più chiara natura di ciò che intende con “varie categorie” da quando Trump ha twittato per la prima volta il 27 novembre 2017 di distribuire un trofeo di notizie false per “Il più disonesto, corrotto e / o distorto nella sua copertura politica del tuo Presidente preferito (io)”.

In altre parole, Trump intende utilizzare il premio per perpetuare la narrativa di se stesso come vittima di una copertura mediatica ingiusta e disonesta: dopo tutto, è noto per aver usato l’etichetta “false notizie” per attaccare notizie accurate che non gli piace Il Presidente userà questi premi per attirare l’attenzione del pubblico sulla presunta “falsa notizia” delle principali fonti di notizie. In effetti, ha persino ritardato la concessione dei premi a causa dell’ampia attenzione del pubblico ai premi.

L’euristica della disponibilità farà sì che il pubblico si concentri sulle “false notizie” nella copertura dei media mainstream del Presidente, indipendentemente dal fatto che questa copertura sia accurata o meno. L’effetto di innesco sposterà i consumatori di notizie ad essere più inclini a percepire la copertura negativa come falsa.

Dato che tali premi saranno assegnati annualmente, istituzioneranno l’agenda di Trump di attaccare i media mainstream, mentre legittimano Trump come concedente di questi premi. Avrà la possibilità di determinare quali siti multimediali vengono etichettati come “la copertura più disonesta, corrotta e / o distorta”. Puoi scommettere che non saranno i media a essere i più disonesti, ma quelli che ritraggono Trump in una luce negativa, a prescindere da come possano essere tali (o meno) tali rappresentazioni.

Alcuni credono che Trump perderà la credibilità dal concedere questi premi perché attirerà l’attenzione su storie poco lusinghiere su se stesso. Sfortunatamente, le ricerche scientifiche comportamentali suggeriscono che lo stile di copertura da parte dei media faciliterà l’agenda di Trump.

Lo stile tipico dei titoli di tutti i premi si concentra generalmente su chi ha ottenuto i premi. Sfortunatamente, la ricerca mostra che solo il 41 percento dei lettori va oltre i titoli dei giornali, con la maggior parte che ottiene le notizie dal solo titolo. Molti del resto non leggono oltre il primo paragrafo, che nella maggior parte delle storie riassumerebbe chi ha ricevuto i premi e in quale categoria. Persino quelli che vanno oltre sperimenteranno “l’ancoraggio”, un errore di pensiero in cui la prima informazione che otteniamo su un argomento colora drasticamente la nostra prospettiva generale. Sì, le prime impressioni sono davvero importanti.

Gli studi rivelano che i metodi giornalistici standard di correggere le idee sbagliate delle persone con accurati ritorni di fatti a lungo termine. Se prima dichiari le false informazioni e poi fornisci prove del perché è sbagliato, le persone tenderanno a dimenticare nel tempo le prove del perché è sbagliato, e inizieranno a ricordare male la falsità originale come vera. Quindi, anche se molti articoli che coprono i Fake News Awards finiranno per spiegare che questi premi sono destinati a perpetuare gli attacchi di Trump sui media mainstream e sono stati assegnati a sola discrezione di Trump, il danno sarà già fatto.

Per evitare che questo risultato dei consumatori dei media abbia l’impressione sbagliata sui Fake News Awards, i media mainstream devono andare contro il loro tipico stile di reporting, e invece allineare la sua copertura con la ricerca scientifica comportamentale. Invece di titoli su chi ha ricevuto i premi, i titoli dovrebbero dire qualcosa come “In ancora un altro attacco ai media, Trump emette i premi di Fake News” in modo che la maggior parte dei lettori che guardano solo i titoli ottengano la giusta impressione. Il primo paragrafo dell’articolo dovrebbe concentrarsi su come questo premio cerchi di perpetuare e istituzionalizzare l’attacco di Trump sui media e posizionare Trump come l’unica voce della verità, prima di parlare di chi ha ricevuto i premi.

Gli articoli sui premi dovrebbero dedicare un po ‘di spazio ai “premi degli oppressori della stampa” pubblicati dal comitato per la protezione dei giornalisti. Questi premi, rilasciati in risposta all’annuncio dei Fake News Awards di Trump, si concentrano sui leader mondiali “che si sono fatti in quattro per attaccare la stampa e minare le norme che sostengono la libertà dei media.” Riesci a indovinare chi ha ricevuto il ” Premio globale nel premio Undermining Global Press Freedom?

Tu come consumatore multimediale puoi incoraggiare le sedi dei media a coprire adeguatamente i Fake News Awards scrivendo lettere all’editore suggerendo una copertura più appropriata, o più semplicemente twittando e inviandole via e-mail con un link a questo articolo. Puoi anche incoraggiarli a prendere il Pro-Truth Pledge da ProTruthPledge.org per impegnarsi con sincerità. Prendi in considerazione il tuo impegno, che mira a unire tutti i cittadini privati ​​e le figure pubbliche che si preoccupano della verità e dei fatti nella nostra società.

Puoi anche assicurarti di condividere solo gli articoli che coprono i premi in modo appropriato. Quando gli altri postano articoli sui social media con una copertura problematica, puoi fare commenti che danno un’impressione più accurata e attirare l’attenzione del Comitato per proteggere i giornalisti.

Hai il potere di affrontare il danno da questi premi.