The Psychological State II: Government Emotional

Come parte della nostra serie di post che esplorano i contorni dello stato psicologico, stiamo usando questa breve riflessione per considerare la relazione tra lo stato psicologico e la governance emotiva. Nel nostro post precedente (introducendo lo stato psicologico) abbiamo sostenuto che una rinnovata preoccupazione per le dimensioni emotive dell'esistenza umana è una caratteristica che definisce lo stato psicologico. Mentre l'idea che gli esseri umani siano fondamentalmente esseri emotivi può sembrare intuitivamente ovvia, per una politica pubblica di lungo corso, i produttori hanno preferito vedere le persone come attori principalmente razionali che sono raramente influenzati da suggerimenti emotivi. All'interno dello stato psicologico, tuttavia, la figura della figura sempre razionale, deliberativa, autointeressata e calcolatrice dell'homo-economicus viene sostituita da un cittadino più emotivo. Nel loro influente libro Nudge (2008), Thaler e Sunstein descrivono questo cittadino emotivo come più simile a Homo Simpson che a quello omo-economico! Il cittadino emotivo viene quindi descritto di routine come un decisore incline agli errori ea breve termine che tende ad agire per primo e a pensare a giustificazioni in seguito.

Per noi, la preoccupazione del governo per gli aspetti emotivi dell'esistenza segna un momento chiave nella storia dello stato. Questa storia inizia con lo stato militare del Principe di Machiavelli, si muove attraverso lo stato burocratico descritto da Weber, prima di entrare in un periodo di governo più orientato verso l'economia delineato da von Hayek e consegnato da Thatcher e Reagan. È utile posizionare più manifestazioni emotive dello stato all'interno di questo contesto storico perché, in molti modi, il governo emotivo è figlio di precedenti regimi governativi. Vorremmo dire che il governo orientato alle emozioni è una risposta sia alle spassionate, indifferenti burocrazie dello stato moderno, sia alle raffigurazioni egoistiche del soggetto umano che sono state rese popolari all'interno di forme neoliberiste di governance economica.

Mentre è ormai ampiamente riconosciuto che il governo ha preso una svolta più emotiva, relativamente poco è stato detto su ciò che questa transizione può comportare. Nel resto di questo post descriviamo alcuni modi in cui potremmo iniziare a pensare e mettere in discussione il governo emotivo.

Per capire il governo emotivo è importante avere un senso di ciò che intendiamo con il termine emozione. Mentre tutti noi abbiamo un senso di ciò che esprime emozioni come gioia, paura, ansia, eccitazione, rabbia, piacere e dolore, spiegare le emozioni è un compito molto più difficile. Le emozioni sono spesso associate a sentite sensazioni che non sono facilmente spiegabili in termini razionali. I sistemi di governo emotivo riconoscono che le emozioni sono un aspetto cruciale del processo decisionale umano, ma sottolineano anche i vari punti di origine da cui provengono i suggerimenti emotivi all'azione. Mentre a un certo livello le emozioni possono essere il prodotto di forme molto personali di risposta alle situazioni, sono anche il prodotto dei contesti sociali e ambientali in cui vivono gli esseri umani. Le emozioni fanno quindi parte del tessuto sociale che costituisce forme di reciprocità e debito interpersonale, norme culturali e pressione dei pari. Le emozioni sono anche intimamente legate agli ambienti fisici in cui viviamo le nostre vite (dalle paure che possono impedirci di camminare in una città di notte, ai piaceri che ricaviamo dagli spazi contemporanei del consumo commerciale). In questi termini, i sistemi emotivi di governo non sono interessati solo alle forze più che razionali (come la paura e la gioia) che modellano il comportamento umano, ma anche nei più ampi contesti socio-culturali all'interno delle decisioni umane. Questo è, naturalmente, molto diverso dai sistemi economici di governo, che vedono il soggetto umano come un attore isolato, a sangue freddo e egoista.

Ci sono due modi principali in cui possiamo interpretare il governo emotivo. Il primo emerge dalla tesi di Therapeutic State di James L Nolan (Nolan, 1998). Nel suo racconto dell'ascesa di una forma distintamente terapeutica del governo del fin de siècle negli Stati Uniti, Nolan descrive l'emergere di una politica pubblica che usa strategie emotive per sostenere ed emancipare i cittadini. Secondo Nolan, lo stato terapeutico può essere visto nei sistemi di giustizia, istruzione pubblica e welfare degli Stati Uniti. Nel suo cuore, lo stato terapeutico comprende i comportamenti umani non in termini morali, ma patologici. Il cambiamento comportamentale non riguarda quindi l'uso di argomenti morali esterni (dall'élite religiosa o politica), ma l'elicitazione di forme migliorate di autocomprensione (attraverso le tecniche psicoanalitiche).

La seconda prospettiva è fornita dalla tesi sullo stato sommerso di Suzanne Mettler (Mettler, 2011). Nel resoconto di Mettler del governo statunitense contemporaneo, descrive una forma di stato sempre più nascosta, che si rivolge ai guidatori, spesso inconsapevoli, emotivi del comportamento dei cittadini al fine di raggiungere determinati obiettivi di politica pubblica. Quello che Mettler descrive come lo stato sommerso è una manifestazione più ampia delle cosiddette tattiche di spinta, all'interno delle quali le decisioni umane sono innescate, inquadrate e ancorate usando specifiche tecniche psicologiche (Thaler e Sunstein, 2008).

In sostanza ciò che illustra il lavoro di Nolan e Mettler è che il governo emotivo può assumere due forme fondamentali: 1) governare attraverso le emozioni (come espresso nella tesi dello Stato terapeutico); e 2) il governo delle emozioni (come si trova nel paternalismo libertario dello stato sommerso). Governare attraverso le emozioni, implica promuovere riflessioni consapevoli sui parametri emotivi della vita quotidiana. Il governo delle emozioni, d'altra parte, implica la correzione subconscia di azioni irrazionali.

È nostra opinione che entrambe queste manifestazioni di governance emotiva patologizzano erroneamente le emozioni come cose che devono essere corrette e riallineate, sia attraverso la terapia cosciente o la manipolazione sommersa. Siamo quindi interessati a nuovi sistemi di governance psicologica che possano consentire alle persone di comprendere meglio il ruolo delle emozioni nella loro vita in modo non giudicante. Crediamo che sviluppare una consapevolezza non giudicante delle nostre vite emotive sia vitale per la creazione di uno stato psicologico più autorevole.

Riferimenti:

Mettler, S. (2011) The Submerged State: In che modo le politiche governative invisibili minano la democrazia americana (University of Chicago Press, Chicago).

Nolan, JL Jnr (1998) The Therapeutic State: Justifying Government presso Century's End (New York University Press, New York).

Thaler, R. e Sunstein, C. (2008) Spinta: migliorare le decisioni sulla salute, la ricchezza e la felicità (Yale University Press, New Haven).

Solutions Collecting From Web of "The Psychological State II: Government Emotional"