The Perils of Splashing Out

Nel primo quarto del quattordicesimo secolo, il re del Mali si abbandonò a una piccola spesa per un'occasione davvero speciale.

Una disavventura aveva portato Mansa Musa al trono del Mali (un regno medievale dell'Africa occidentale che copriva la valle del fiume Senegal e si estendeva fino alla costa). In origine, Mansa Musa era semplicemente il cugino e il vicesindaco del re, un uomo energico e avventuroso di nome Abubakari II. Abubakari non capiva perché l'oceano avrebbe dovuto limitare il suo paese; era convinto di poter attraversare la distesa d'acqua e trovare altra terra da conquistare dall'altra parte. Quindi mandò via 200 navi, equipaggiate con oro, acqua e provviste, e disse loro di navigare verso ovest il più lontano possibile, senza fermarsi finché il cibo e l'acqua non si esaurirono.

È stata restituita una sola nave. Apparentemente, il resto è stato catturato nelle famigerate "derive degli alisei": la Corrente Equatoriale Nord, che scorre verso ovest nel Mar dei Caraibi.

Nessuna traccia della spedizione fu mai trovata, ma Abubakari non abbassò la mira. Preparò un'altra flotta molto più grande – duemila navi, metà delle quali interamente dedicate alle provviste – e lui stesso si mise in testa.

"Quella fu l'ultima che abbiamo visto di lui", scrive Mansa Musa, "e tutti quelli che erano con lui." Così Mansa Musa, cugina e vice del re, divenne re del Mali. E subito ha rivelato di aver ereditato la tendenza della famiglia a pensare davvero molto in grande.

Mansa Musa non desiderava attraversare l'Oceano Atlantico; le sue ambizioni assumevano una forma più sacra. Era, dice un conoscente, "pio e assiduo nella preghiera, lettura del Corano e menzione di Dio"; era il suo più grande desiderio di fare il hajj, di viaggiare alla Mecca.

Ma non ha solo preso uno staff e iniziato il pellegrinaggio. Invece, ha trascorso dodici anni a costruire il suo tesoro; conquistò almeno ventiquattro città vicine, e da ognuna, chiese tributo annuale in oro. Una volta che i suoi forzieri erano pieni d'oro (tanto oro che non poteva più contare con precisione, tanto oro che non aveva mai dovuto fermare e considerare il costo, tanto oro che poteva permettersi di viaggiare in stile reale), parti per la Mecca con una massiccia carovana di schiavi, soldati, funzionari e centinaia di cameriere per sua moglie.

E oro: ottanta carichi di lingotti d'oro, ogni carico di oltre 250 chili.

Sulla strada per la Mecca, Mansa Musa e il suo seguito fecero tappa al Cairo: una visita unica nella vita della città più grande tra Mali e Cina, il centro del governo per il regime che controllava la Mecca. Accolto calorosamente dal governatore del Cairo, Mansa Musa ha speso così generosamente – e ha distribuito regali in modo così generoso – che il valore dell'oro nella città è sceso del 25%.

Ciò ha creato una leggera crisi per il Cairo, ma una crisi ancora maggiore per il Mali.

Per prima cosa, la visita di Mansa Musa lasciò abbastanza bene i cittadini del Cairo convinti che in Africa l'oro crescesse su piante d'oro con radici d'oro. La parola increspata dal Cairo al di fuori. Il Mali ha cominciato ad apparire sulle mappe europee del mondo; in uno dei più famosi, l'Atlante catalano, Mansa Musa stesso viene mostrato seduto su un trono d'oro, con in mano uno scettro d'oro e un globo d'oro, con una corona d'oro. Rapporti esagerati di ricchezze che avevano bisogno solo di essere strappato dal terreno diffuso. I commercianti europei e le ambasciate dei governi europei hanno attraversato il Sahara; sempre più stranieri si sono recati in Mali, cercando modi per sfruttare le ricchezze del paese. I commercianti addebitavano ai malesi il doppio dei prezzi per le merci, o triplicavano i loro costi, o più.

E Mansa Musa stesso è finito nella trappola dell'interesse composto. Trascorse così tanti soldi nel suo primo passaggio attraverso il Cairo che, quando tornò in città, dopo il suo pellegrinaggio, era al verde. Ha dovuto prendere in prestito dagli usurai del Cairo per finanziare il suo viaggio attraverso il deserto fino al Mali, e ha finito per restituire il suo prestito a un tasso del 233%.

(E nel caso ve lo stiate chiedendo, anche l'interesse per le carte di credito è composto. In effetti, il tasso sui saldi non pagati della carta di credito arriva fino al 900% , il che rende quegli usurai medievali sembrano positivamente altruisti.)

Non sorprende che, poco dopo il ritorno di Mansa Musa, il Mali abbia iniziato una discesa verso l'instabilità e la guerra civile. Mentre i documenti che abbiamo non ci permettono di tracciare una linea assolutamente diretta tra la spesa eccessiva di Mansa Musa al Cairo e la successiva instabilità del paese, sembra certamente che l'unica volta che il re soggiorna al Cairo – e la combinazione di generosi impulsi, cattiva il tracciamento delle spese, la capitalizzazione del debito e il desiderio di fare schizzi hanno esposto il paese agli estranei predatori e portato alla miseria interna.

Qual è, forse, qualcosa da tenere a mente la prossima volta che siete pronti a fare qualche spesa nella destinazione una volta nella vita sulla vostra carta di credito.

Solutions Collecting From Web of "The Perils of Splashing Out"