The Other Guys: Autism and Histrionic Personality Disorder In Screw-ball Bro-Mance

"The Other Guys" è un film di Will Ferrell. Il significato, la storia e i suoi personaggi non si sono presentati organicamente nella mente di un genio letterario, così come il romanzo classico si è materializzato. Invece, la narrazione è stata sfornata da una squadra di comici, cercando di progettare un veicolo comico adatto alla sensibilità di Will Ferrell. Di conseguenza, i personaggi ricordano gli sketch comici a piedi più di quanto facciano personalità ricche o esempi coerenti della natura umana.

Ma anche i film che trattano le narrative come prodotti basati su formula per essere strategicamente alimentati al botteghino si affidano al pubblico, in una certa misura, connettendosi e sentendosi intrattenuto dai personaggi centrali. In effetti, per capire perché facciamo il tifo, ridere e ridere delle figure sullo schermo significa capire i vari gradi di attributi mentalmente sani e malsani che vengono esibiti.

Così, girando di nuovo al film, "The Other Guys" è una commedia di palle di vite che descrive due investigatori della polizia leggermente instabili – Will Ferrell e Mark Wahlberg – che intenzionalmente e involontariamente facilitano il non-stop, il goofiness e la distruzione. Questi poliziotti popolano il film tra le ombre dei super-poliziotti cliché Samuel L. Jackson e The Rock. Mentre Will e Mark si confrontano con le peculiarità significative della personalità dell'altro, alla fine escono dall'ombra e alla ribalta, risolvendo in modo competente uno schema di Ponzi da un miliardo di dollari e ottenendo il necessario libro delle favole. Lungo la strada, i due tirapiedi presentano ciascuno un problema psicologico di base che viene attaccato con una costellazione di sintomi molto specifica e coerente.

Will Ferrell's Flashes of Autism

Certo, Will Ferrell sta giocando una combinazione di se stesso, un comico e un poliziotto, che genera un miscuglio quasi incoerente di tratti di personalità. Ma, mentre il film progredisce, un tratto coerente della malattia mentale si cristallizza dall'interno della sua personalità cinematografica, e si riferisce a un grave senso di stupidità sociale. Essenzialmente, Will non può leggere i segnali sociali per salvargli la vita. La scenetta da scrivania (quando i colleghi scherzano Will a sparare con la sua pistola carica all'interno della stazione di polizia – un evidente no-no) dimostra che non può dire quando gli altri sono in malafede. Confondendo la brava poliziotta, la cattiva poliziotta con un poliziotto cattivo, la resa di poliziotti peggiori dimostra che non può seguire schemi culturalmente approvati, altrimenti noti come cose che le persone socialmente consapevoli comprendono implicitamente.

Quando si impegna in un duello verbale con il crescente Mark frustrato, invece di riconoscere il crescente senso di indignazione del suo partner e di chiudersi per evitare ulteriori conflitti, Will involontariamente schernisce Mark e incita un incidente scottante-caffè in camicia. I due punti di disagio sociale qui sono il suo bisogno compulsivo di commentare gli eventi in corso – un filtro assolutamente incustodito – e la sua incapacità di valutare accuratamente lo stato d'animo e la mentalità di Mark (cioè il pubblico ha visto il caffè arrivare a un miglio di distanza).

La cecità sociale di Will è fatta di difficoltà nel leggere le altre persone, impegnarsi in una chiara comunicazione non verbale, comprendere conoscenze implicite e comuni e seguire regole e schemi sociali. La sua incapacità di agire alacremente è intensificata solo dal suo desiderio di adattarsi. Tali caratteristiche rispecchiano le disabilità sociali dell'autismo ad alto funzionamento. Questa non è una soluzione perfetta in quanto Will non mostra problemi linguistici o strani comportamenti ripetitivi associati all'estremità più estrema dello spettro autistico, ma questo può essere contrastato da punti di forza correlati all'autismo nell'attenzione e memorizzazione che Will possiede come naso perché la traccia cartacea è abbastanza simile a un segugio.

Mark Wahlberg e Histrionic Undertones

Se il comportamento di Will porta a casa la corona della stupidità sociale, Mark prende la torta per l'idiozia emotiva. Il suo problema si riduce alle difficoltà di comprensione, regolazione e riduzione delle emozioni.

Sputa accidentalmente Derek Jeter alla gamba (forse il peggior crimine commesso da un poliziotto di New York) e gestisce la vergogna successiva senza mai dire una parola alle riunioni settimanali di consulenza e ribollendo sotto la superficie. Un primo esempio è il fatto che almeno l'80% della sua comunicazione coinvolge manierismi di irrequietezza e angoscia (cioè urla e pacing). Tale stoicismo e soppressione sono il segno distintivo di una cattiva gestione delle emozioni. Di conseguenza, un sacco di comportamento simile a un tantrum attraversa Mark come quando versa un caffè su Will perché non riesce a pensare a una replica intelligente. L'impulsività e la rabbia emergono in modo più vivido quando Mark inizia ad andare in ritirata dalla sua azione. Dopo essere stato assegnato a una scrivania dopo il tiro di Jeter, Mark prurito per tornare indietro nel tempo, e annusare il grande caso. A questo punto, Mark diventa sempre più motivato a spingere il suo riluttante compagno in azione. Al pettegolezzo di questa ricerca Mark rapisce Will per battere gli altri poliziotti in una sanguinosa scena del crimine. E in tutto c'è un'escalation acuta e disperazione al suo mantra, "Sono un pavone, devi lasciarmi volare." L'intensità emotiva e l'instabilità di Mark continuano a sparare nella moda dei cannoni (simboleggiati piuttosto bene dall'effettivo scatto di Jeter ) mentre perde la calma di fronte alla sua ex fidanzata, e colpisce la moglie bollente di Will con spericolato abbandono.

L'idiozia emotiva di Mark è fatta di sensibilità a sospetti percepiti, problemi di gestione della rabbia, una marcata incapacità di calmarsi o di astenersi dall'azione avventata. Questo modello di emotività esagerata include anche un talento per il drammatico e il civettuolo, che orbita attorno a un bisogno di approvazione che consuma tutto. Sebbene tali problemi emotivi possano affliggere la gente in una miriade di modi, il Mark-persona sembra riflettere adeguatamente il Disturbo di personalità istrionico.

Ma le tendenze autistiche e istrioniche del mondo reale che sono alla base della strana e umoristica presentazione del duo sono elementi di malattia mentale che alienano e scollegano il pubblico dai personaggi. Oltre a ridere dei personaggi, un film di successo aiuterà il pubblico a relazionarsi e, quindi, a ridere con i personaggi. Il film incespica piuttosto a questo proposito, ma inietta i personaggi con alcune qualità psicologicamente sane e resistenti. Ad esempio, Will è dotato di un'intuizione sporadica. Sa che ha rovinato la buona poliziotta e la cattiva routine e si sente abbastanza imbarazzato. Mark possiede un'ammirevole passione e dedizione alla sua identità professionale come detective. Forse la caratteristica che meglio facilita la salute mentale e, a sua volta, la loro relazione con il pubblico è una qualità condivisa da Will e Mark: un sistema di valori chiari e positivi. A differenza degli altri seguaci di pubblicità egocentrici e incompetenti del dipartimento di polizia, Mark e Will vogliono un mondo migliore, più giusto, in cui i malviventi finiscano in prigione e il duro lavoro domina il giorno.

Giudizio generale: In "The Other Guys", Mark e Will hanno il cuore di Robert Redford e Dustin Hoffman in "All The President's Men" e l'acume sociale ed emotivo di Jim Carrey e Jeff Daniels in "Dumb and Dumber".

Il risultato: un film divertente con una dorsale solida di umorismo e una trama piacevole. L'umorismo soffre di una mancanza di inviluppo e la trama soffre dei confini di un copione prevedibile e pigro, ma Mark e Will portano energia forte e chimica chiara alla loro collaborazione.

  • Usando Harry Potter per insegnare ai tuoi figli circa lo stigma
  • Navigare nel terreno emotivo della nuova diagnosi di un bambino
  • Tecnica potenzialmente utile per l'ansia producendo pensieri
  • Liberalismo sessuale e accettazione dell'immagine corporea
  • Cinque direttive disfunzionali che possiamo vivere senza
  • Mozziconi e nasi: segreti e lezioni dai parchi per cani
  • Recensione del libro: Bart Ehrman's Jesus Before the Gospels
  • Resilienza e colpa del superstite
  • Perché le donne vogliono sempre essere mie amiche e non datarmi?
  • Prospettive perdenti, riviste e TV a New York
  • Parlare di sessismo: rispondere a Trump
  • Perdere una relazione senza perdere te stesso
  • Il potere curativo della divulgazione
  • Mancato lancio: di chi è il problema comunque?
  • Quello che abbiamo qui è un fallimento da comunicare
  • Narcisisti possono mai cambiare?
  • Quando il tuo amato lotta con la malattia mentale
  • Quiz! Sei nominato?
  • La bellezza nella malattia mentale
  • Il modo sbagliato di aiutare i bambini
  • Eroe dell'anno: The Subway Badass
  • Perdite grandi e piccole
  • La mia matrigna mi odia
  • 4 autoritratti che ci rendono autocoscienti
  • 6 miti sulla dolcezza di una donna a letto
  • Una sorpresa: io sostengo alcuni impegni SVP
  • The Mysteries of Madness
  • Eating Disorder Recovery: The Connection to Sex and Intimacy
  • Rifiuto romantico: perché fa così tanto male?
  • Strategie per il completamento della tesi: non la felicità sintetica
  • Vai dove è verde: la risoluzione di un nuovo anno che puoi mantenere
  • Dopo un parto morto, il supporto interpersonale facilita la copertura
  • Connettersi di nuovo? Oppure, hai un brutto caso di ripetizione?
  • Quello che ho imparato dall'assunzione di oppioidi
  • Con qualsiasi altro nome
  • La dipendenza da cibo è davvero sul bisogno di amare