The New Therapy Animal in the Fight Against Loneliness

I mammiferi non sono gli unici animali che ci fanno sentire bene.

Ildar Sagdejev

Fonte: Ildar Sagdejev

Quando visiti una casa di cura nel Regno Unito, l’animale da terapia con cui è più probabile vedere i residenti interagire non è un cane o un gatto. Inoltre non è un cavallo o un coniglio. È un pollo, un pollaio pieno di loro. Un’organizzazione chiamata HenPower ha facilitato la diffusione di pollai nelle case di cura e di vecchiaia in tutto il paese con un obiettivo in mente: migliorare la salute cognitiva e mentale dei cittadini più anziani. Chiamano i loro anziani anziani amanti del pollo (i giochi di parole inglesi).

Gli hensioners hanno il compito di prendersi cura dei polli; nutrirli e raccogliere le loro uova. I residenti sono incoraggiati ad osservare i polli dall’interno o interagire con loro all’esterno durante il giorno. Inoltre, i polli vengono portati in casa tutti i giorni per le sedute di coccole con i residenti (si può solo sperare che i polli non si preoccupino di essere coccolati, ma visto il destino che la maggior parte dei polli incontra nelle strutture del fast-food, un po ‘di coccole con anziano sembra piuttosto mansueto).

L’impatto positivo che i polli hanno avuto sui residenti anziani è stato tutt’altro che misero. I residenti mostravano miglioramenti in salute e benessere generale, nonché riduzioni di solitudine, depressione, ansia e agitazione.

Inoltre, prendersi cura dei polli fa sentire i residenti necessari, vitali e dà loro un senso di scopo. Lavorare insieme come un gruppo di cura del pollo migliora anche i legami sociali e l’interazione sociale tra i residenti (che è anche il motivo per cui l’iniziativa è stata efficace nel combattere i sentimenti di solitudine). Infine, lo staff, a quanto pare, ama l’iniziativa proprio come fanno i residenti. In primo luogo, avere residenti più felici e più sani ovviamente renderebbe la vita migliore anche per il personale e in secondo luogo, a quanto pare, riusciranno a tenere le uova.

L’idea iniziale è stata concepita in Massachusetts nel 2013, dal Life Care Center della Nashoba Valley, che inizialmente considerava i polli un aiuto calmante per i pazienti con demenza. L’iniziativa si è poi trasferita in Inghilterra e da lì ha preso il volo. I polli stanno attualmente invadendo case di cura in Australia, dove i risultati hanno altrettanto successo.

Un vantaggio significativo per questa nuova forma di terapia di residenza per anziani è il suo costo. Una struttura può sostenere questo tipo di programma per … beh, mangimi per polli, letteralmente. E i residenti anziani potrebbero essere solo l’inizio. I polli vengono anche usati per la terapia con persone con autismo. In effetti, vari punti vendita negli Stati Uniti offrono corsi di “Terapia di pollo” (per essere chiari, la formazione è per i consulenti e il personale, non per i residenti … oi polli).

Molti di noi associano la proliferazione di animali da terapia a notizie sul loro utilizzo come animali di supporto sui voli. E mentre ci deve certamente essere un certo irrigidimento delle regole su ciò che gli animali dovrebbero e non dovrebbero essere degni di viaggiare insieme ai loro proprietari, il valore e l’importanza della maggior parte degli animali da terapia non dovrebbe essere contestato, specialmente quando si tratta della lotta contro la solitudine .

Le nostre relazioni con gli animali sono spesso molto più profonde di quanto non riconosciamo, almeno a livello sociale (leggi, Perché dovremmo prendere seriamente la perdita dell’animale domestico ). Forse è ora che riconosciamo che tutti gli animali meritano rispetto e protezione, sia che servano come terapia per gli animali domestici o meno.

Copyright 2018 Guy Winch

Solutions Collecting From Web of "The New Therapy Animal in the Fight Against Loneliness"