The Mastectomy Chronicles, Pt. 1: un cambiamento sizemico

Il cancro ha invaso il corpo di mia moglie e, così facendo, ha dirottato le nostre vite …. Un crudele spaccare-e-afferrare.

Tutta la lettura, tutta la consultazione, tutta la commiserazione, tutto il ben augurio, tutto l'ottimismo moderato – ognuno utile nei propri modi potenti, non hanno e temiamo non ci può preparare, o dovrei dire lei, per quello che è venire.

Noi, o io, giustamente, dico che "lei" entra in una grande oscurità, armata solo di ciò che lei prende con sé: conoscenza, coraggio, paura, capacità di recupero, sostegno e un meraviglioso senso dell'umorismo. Questi sono davvero tutto ciò che ha davvero su cui contare.

Ci sarò, ma lei sarà sola.

Offrirà come sacrificio una parte del suo corpo nella speranza di supplicare la bestia che si ciba di lei. Valoroso, dico! Necessario, dice lei.

Anche se sono poco più di uno spettatore di questo dramma che si svolge, la sua decisione di perseguire una mastectomia bilaterale senza ricostruzione ha preso il sopravvento sulla mia coscienza, che ai fini di questo blog favorisce il discorso popolare intorno al seno.

Chiudo gli occhi, e l'immagine risibile di un seno lungo un metro e mezzo che scava lungo un bucolico fianco di una collina che spruzza latte a Woody Allen in "Tutto quello che vuoi sapere sul sesso ma ho paura di chiedere" mi fa ridere.

Li apro, e il recente ricordo degli sforzi di Abercrombie and Fitch per commercializzare bikini imbottiti per bambini (il 'Triangolo Push-up … .later sostituito dal "Triangolo a strisce") mi lascia ancora inorridito.

E a metà tra questi estremi di divertimento e orrore, penso a tutti i modi in cui la pubblicità popolare, la "reality TV" e la più recente serie di spettacoli pseudo-medici come "Botched" ci ricordano il prezzo che alcuni sono disposti a pagare per raggiungere un 'look' desiderato.

Oh come il corpo e l'anima sono diventati, o forse più esattamente il corpo e il sé sono diventati così inestricabilmente legati.

Poi mi rivolgo alla letteratura psicologica per orientarmi nella navigazione della mia stessa oscurità nella speranza che la comprensione sia un dono scarso che posso offrire a mia moglie … ea me stesso. E scopro che il sostegno familiare, l'ottimismo, la resilienza, la revisione positiva (uno dei preferiti dei terapisti cognitivi comportamentali), l'accettazione di tutti i sentimenti (uno dei preferiti dei terapisti di accettazione e impegno) e la spiritualità sono fattori che possono mitigare l'ansia, la depressione e i cambiamenti nell'immagine del corpo che spesso accompagnano la mastectomia.

Alla ricerca del miglior risultato possibile e di una lunga vita, mia moglie sceglie di non perseguire la ricostruzione del suo corpo; quella montagna sarà sua e la sua solo da scalare. Forse; tuttavia, posso offrire qualche magro aiuto nella ricostruzione emotiva che sta davanti a lei, o dovrei dire "noi"?

Solutions Collecting From Web of "The Mastectomy Chronicles, Pt. 1: un cambiamento sizemico"