The Lost Symbol: Intention Goes Mainstream, Part One

In cima alle liste dei bestseller, il nuovo libro di Dan Brown, The Lost Symbol, ha catapultato nel mainstream la scienza di frontiera che definisce "Noetica", un'area di ricerca attiva da oltre venticinque anni, che caratterizza come la migliore speranza dell'umanità. Gli scienziati Noetic leader segnalano un aumento simultaneo nelle vendite di libri e richieste di siti web. In questo e in successivi blog, esplorerò questa scienza di frontiera con i suoi principali sostenitori, citati nel libro.

The Lost Symbol ritrae una ricerca elettrizzante attraverso un paesaggio in rapida evoluzione di simboli antichi, spinto dall'urgente necessità di salvare la vita di un caro amico dell'eroe del codice Da Vinci Brown, il simbologo Robert Langdon. In questa ricerca, Langdon e l'eroina del libro, la scienziata di Noetics Katherine Solomon, scavano in profondità negli strati sotterranei di simbolismo arcano che sono alla base dell'architettura storica della capitale della nostra nazione e dei suoi edifici governativi più famosi.

Simboli antichi, misteri: perché milioni di persone sono così interessate a questa perenne saggezza, particolarmente in questo momento?

Bene, mentre sfogliavo le pagine di testi mistici e guardavo stupefatto le Piramidi, personalmente, non sono più così interessato ai simboli stessi, ma in quello che per molto tempo si nascondeva misteriosamente dietro di loro.

Mentre l'infinito ispirerà sempre soggezione, in questo momento storico, sento che non possiamo più permetterci di rimanere disorientati dalla natura della realtà o dal ruolo della consapevolezza umana al suo interno. Sebbene le società antiche e attuali possano aver soppresso alcune di queste verità più profonde, è giunto il momento di togliere la tenda e affrontarle con precisione.

"La moderna scienza di frontiera sta solo recuperando ciò che le antiche tradizioni spirituali hanno da lungo tempo sposato: Dio non è fuori di noi, Dio è dentro di noi", dice Lynne McTaggart, autrice di The Intention Experiment. "Abbiamo il potere di creare il nostro mondo, attraverso la nostra consapevolezza e le intenzioni."

McTaggart conduce regolarmente esperimenti di intenzionalità online su www.theintentionexperiment.com e ha condotto un workshop lo scorso fine settimana all'Omega Institute di New York (www.eomega.org). Nei suoi libri e esperimenti, McTaggart analizza il potere dell'intenzione collettiva focalizzata a produrre cambiamenti misurabili.

A suo avviso, il rinnovato interesse per argomenti un tempo arcani deriva dal senso della gente che "una forza vitale centrale interconnette tutto, come sostengono molte tradizioni orientali, antiche e native. Come molte discipline della scienza convergono per dimostrarlo, essa risuona molto profondamente con ciò che la gente riconosce intuitivamente ".

"Esistono diversi modi di conoscere e coinvolgere il mondo", afferma Marilyn Schlitz, presidente dell'Istituto di scienze noetiche, (http://www.noetic.org), un'organizzazione internazionale di ricerca, organizzazione e programmazione associativa, che ha ricercato questi fenomeni per oltre trenta anni. "Abbiamo questo intelletto discorsivo, di cui abbiamo bisogno per prendere decisioni razionali", afferma Schlitz, uno scienziato. "Ma abbiamo anche questo intuitivo livello di conoscenza del livello."

Schlitz riferisce che quando il co-fondatore di Noetic, l'astronauta addestrato dal MIT, Edgar Mitchell ritornò dal camminare sulla luna nel 1971, riconobbe che "la grande frontiera non è una spiegazione dello spazio esterno, ma l'esplorazione della scienza dell'esperienza interiore." La parola Noetica , derivato dal greco, significa quella conoscenza diretta e interiore.

La nuova visione scientifica convergente include piuttosto che esclude la consapevolezza interiore. Ora, afferma McTaggart, "Gli esperimenti di fisica quantistica, biologia e chimica stanno facendo a pezzi il libro della scienza convenzionale e lo sparpagliano ai quattro venti", sostituendo le precedenti rappresentazioni della realtà.

"Invece di questa immagine statica di cose separate che si spintonano nello spazio vuoto, con un gruppo di persone sole su un pianeta solitario in un universo solitario, la scienza di frontiera rivela che tutto, compresa la coscienza stessa, è costituito da vibrazioni e cambiamenti di forma energia, scambia costantemente informazioni avanti e indietro. Questo cambia la nostra visione della vita, di noi, di tutto. "Dice McTaggart.

Sapere questo aiuta "noi a riprenderci il potere, ci rende co-creatori e offre un senso di ottimismo riguardo alla nostra capacità di cambiare il mondo".

Questa visione mutevole è la chiave per affrontare le principali sfide globali, sostiene Schlitz, perché "La maggior parte dei problemi che abbiamo oggi non sono inerenti al pianeta terra, ma provengono dalla nostra visione del mondo. Il più grande punto di forza per un cambiamento positivo è immergersi in ciò che siamo e nello spirito della creatività per cercare nuove soluzioni ai vecchi problemi ".

McTaggart crede che il più grande potenziale e bisogno siano ben oltre l'uso dell'intenzione per l'abbondanza o il miglioramento individuale, come sostenuto nei libri, come The Secret.

"Mentre iniziamo a muoversi in tandem, una moltitudine di persone che condividono la stessa intenzione focalizzata può avere un effetto maggiore di qualsiasi singolo individuo", concorda Schlitz.

Per provare questo, sono andato al laboratorio di intenzioni di McTaggart. Per il mio post successivo e una prossima conversazione radio online con Lynne McTaggart, iscriviti al mio ezine gratuito su www.health-journalist.com

Solutions Collecting From Web of "The Lost Symbol: Intention Goes Mainstream, Part One"