The (Lost) Art of Self-Reflection

Nell'attuale clima politico, sembra che il modo americano sia "la colpa di tutti i miei problemi!". Non è solo politica; guarda il sistema legale, come operano le imprese e quanti divorzi e rapporti familiari disfunzionali ci sono. Guardi il tuo mondo e vedi tutte le persone che si stanno intromettendo, impedendo la tua felicità, prendendo decisioni sbagliate e generalmente rovinandoti la vita. Se ti venisse chiesto di creare un elenco di persone difficili, è probabile che potresti inventare un paio di nomi senza molta esitazione.

The Blame Game è popolare: "Mi fai impazzire!" "Non pensi mai ai miei bisogni", "Non ti importa delle cose a cui tengo," solo per citarne alcune. Le persone guardano gli altri per risolvere i loro problemi, renderli integri e dare loro un senso nella vita.

Ma cosa succede se il problema non è in realtà là fuori? E se parte delle lotte con cui hai a che fare sono interne a te? Oggi è piuttosto impopolare impegnarsi in una sana auto-riflessione, o per dirla in altro modo, "Qual è il mio ruolo nei miei problemi e come potrei affrontare le cose in modo diverso per risultati diversi?" Guardare fuori è molto più facile. Puoi puntare l'altra persona, delineare le loro debolezze e difetti molto facilmente, e poi riposare comodamente sapendo che il colpevole è stato identificato! Potresti avere ragione: il tuo problema potrebbe essere il tuo capo, tua suocera, tuo figlio o il tuo migliore amico. Il tuo problema potrebbe essere come gli altri ti trattano male o ti ignorano o ti maltrattano. Il tuo problema potrebbe essere legittimamente quello di non avere mai una pausa, e senza sfortuna non avresti fortuna. Ma se, impegnandosi in una sana esplorazione di sé, potresti identificare gli ostacoli che puoi controllare? Potresti non essere in grado di controllare l'atteggiamento sgradevole di tua suocera, ma forse il tuo atteggiamento alimenta il fuoco. Se sei un bambino, sei per lo più in balia degli altri, ma se hai più di 18 anni e un adulto, è il momento di identificare il tuo ruolo e prendere in carico le tue situazioni indesiderate.

Ecco che sana auto-riflessione non è: picchiarsi su se stessi, devolvere nel pensiero di "woe is me", o usare l'opportunità di concentrarsi su tutte le cose brutte che ti sono successe e su come avresti potuto prevenirle! Comprende il punto in cui sei stato attivato o quali sono le situazioni problematiche o negative per te, quindi fai un passo indietro per chiedere informazioni sul tuo ruolo o contributo al processo.

Scusandoti per il tuo comportamento, visto che hai fatto qualcosa per ferire qualcun altro, riconoscendo che il modo in cui sei collegato a volte ti può servire bene ma altre volte ti ritorta contro – questi sono tutti esercizi che ti aiutano ad essere più autoriflessivo. Il problema con la colpa è che non puoi controllare ciò che non ti piace. L'unica cosa su cui hai un controllo magistrale è te stesso; il tuo atteggiamento, le azioni e le reazioni. Se sei stanco del gioco della colpa e vuoi ottenere risposte reali, considera l'idea di impegnarti in un po 'di auto-riflessione.

  1. Identifica quelle cose (o persone) che ti stanno turbando. Considera perché stanno sconvolgendo. Cosa fanno che è fastidioso? Forse sei un forte difensore dei bambini, o ne sei stato avvantaggiato da bambino, quindi le persone che depredano i bambini – in qualsiasi forma o moda – sono particolarmente preoccupanti per te. Li biasimi, ti concentri su di loro e rimugini su quanto siano orribili. O potrebbe essere qualcosa di semplice come chiedere al tuo altro significativo (in molte occasioni) di pulire i fondi di caffè dalla macchina da caffè ogni mattina, eppure ogni volta che apri il cestino per fare un piatto fresco, lì quei motivi sono da tormentare tu.
  2. Una volta identificato ciascun trigger (prendili uno alla volta), considera l'impatto. Cosa è successo o potrebbe accadervi a causa della difficile situazione? Perdi sonno? Sei andato via senza una tazza di caffè fresca in settimane, quindi stai avendo l'astinenza da caffeina? Non riesci a essere efficiente o efficace nel tuo lavoro? Qual è il risultato della difficile situazione?
  3. Quanto è importante risolvere questo problema? Una volta esaminato il problema e l'impatto, potresti decidere di lasciarlo andare. I fondi di caffè mi irritano, ma posso vivere senza caffè preparato in casa.
  4. Se decidi che c'è un impatto significativo (qui arriva la parte difficile), considera il tuo ruolo nel creare, esacerbare o continuare la situazione. Sì, è vero – quali fattori contributivi potrebbero esserci nel tuo approccio? Ti ribellerai – "Non sono responsabile per i genitori là fuori che maltrattano i loro figli" – ma ogni situazione ha un'opportunità in cui contribuiamo o rinunciamo. Considera cosa stai facendo ora, oggettivamente, che crea il carburante per il tuo fuoco sul comportamento o sulla situazione dell'altra persona.
  5. Elenca i passaggi che hai seguito per rimanere bloccato. Se sei preoccupato per i bambini, leggi e rileggi ogni articolo che descrive qualcosa di terribile che è successo? Se i fondi di caffè sono ancora nel cestello dei filtri, evita di chiedere al tuo partner di ricordarsi di portarli fuori perché vuoi che il "pasticcio" provenga dal fare di nuovo qualcosa di "sbagliato"? Sii onesto qui. Ognuno ha un posto in cui contribuisce a una situazione che non desidera, anche se sta semplicemente rimanendo nella situazione e tollerando ciò che sta accadendo.
  6. Considera il tuo stile. Sei una persona a cui piace l'armonia, quindi non vuoi tirar su un conflitto e scuotere la barca? Sei una persona che ha grandi idee ma non riesce mai ad implementarle? Sei qualcuno che vuole fare le cose, quindi ti precipiti sul traguardo senza avere un piano chiaro? Ancora una volta, questo non è per battere te stesso, ma più per fare il punto sul tuo approccio preferito e vedere come si collega al problema che potresti avere.
  7. Possiedi la tua roba. Non ruminare su di esso. Non ossessionare. Non invocare il perdono; possiedi, in modo obiettivo, il contributo che stai facendo per rimanere bloccato. Decidi di voler superare la colpa e in un migliore luogo di azione.
  8. Identifica solo una cosa che potresti fare diversamente la prossima volta. Parla con tua suocera e "agisci come se" ti interessi di lei. Fornisci al tuo capo gli elementi di azione che ti ha chiesto. Parla con tuo fratello e dille tutte le cose che apprezzi di lei, invece di cogliere i suoi difetti. Pensa a un solo turno, un solo cambiamento, potresti fare in relazione alle situazioni che hai delineato.
  9. Continua a provare cose nuove. Lavora con te stesso in modo obiettivo e in buona fede. Stancarsi di incolpare e decidere di voler essere parte di una soluzione, non solo un puntatore del dito che dice "il problema è là fuori". Quanto più si agisce, tanto più auto-riflessivo e quindi attivo si può essere, tanto più troverai che non sei una vittima in tutte le situazioni che potresti aver creduto.

Solutions Collecting From Web of "The (Lost) Art of Self-Reflection"