The Imagery Edge-Part I

freedigitalphotos.net
Fonte: freedigitalphotos.net

Masha si sente spaventata, spaventata dall'intervento, dal dolore, dalla lunga riabilitazione, dalla persistente domanda se sarà in grado di riprendere la sua carriera di tennis di alto livello. All'età di 19 anni, Masha ha, per la seconda volta, sperimentato una lacrima ACL riparabile solo attraverso un intervento chirurgico. (Come sempre, sebbene gli elementi di questa storia siano veri, ho modificato alcuni dettagli per proteggere la privacy di Masha.)

Abbiamo iniziato a lavorare insieme un mese fa, quando l'operazione si sentiva ancora in futuro. Voleva delle capacità psicologiche per far fronte ai vari aspetti della sua ferita, quelli che sarebbe stata in grado di prendere in tribunale quando riprendeva a giocare. Come faccio di solito, abbiamo iniziato con la respirazione diaframmatica (vedi The Breathing Edge, Parts I, II e III). Sia per diminuire l'ansia o per regolare la tensione, penso alla respirazione diaframmatica come al tassello più essenziale.

Come atleta abituato a imparare nuove abilità, Masha praticava la respirazione per rilassarsi diligentemente. In questa seconda sessione, mi dice che ora può respirare comodamente e facilmente la tensione, sia che si tratti di una situazione d'esame scolastica, di tensioni a casa o della sua generale tendenza a preoccuparsi.

Sebbene abbia trovato un grande sollievo attraverso questo metodo di calmare se stessa, oggi l'intervento è davvero imminente, a pochi giorni di distanza. Ci sono, naturalmente, tutti i "che cosa succede se", ma ciò che è per lo più sconvolgente Masha al momento è la sua anticipazione del dolore post-chirurgico. Commenta che è stata quasi più facile l'ultima volta perché non sapeva che avrebbe fatto così male.

Nell'ascoltare la preoccupazione di Masha, il mio compito è quello di essere entrambi sensibile ai suoi sentimenti e, se posso, suggerire alcune tecniche che potrebbero affrontare la preoccupazione specifica. Tra le varie abilità psicologiche che potrebbero essere più utili, mi accontento dell'immaginazione come metodo che Masha può usare per gestire i suoi problemi post-chirurgici.

"Imagery" è a volte descritto come "visualizzazione". Preferisco il termine "imagery", tuttavia: qualsiasi o tutti i sensi possono essere coinvolti; non tutti fanno uso dell'elemento visivo; e in particolare per gli atleti o gli altri con molta consapevolezza del proprio corpo, le sensazioni cinestesiche possono essere le più importanti.

Prima di dedicarci realmente alle immagini, pongo a Masha una serie di domande. Voglio adattare le immagini alla sua situazione specifica e il modo migliore per farlo è quello di ottenere immagini che le piacciano. Invece che la sua precedente esperienza è una barriera di paura, usiamo questa conoscenza per lei per descrivere il dolore che anticipa.

Masha dice che il dolore si sente come un pitone che le stringe la gamba, stringendo la presa. La sua pelle, gonfia post-chirurgica, si sente come un palloncino, tesa quasi al punto di scoppiare. Il pallone è rosso vivo; il pitone, verde. Parliamo quindi di cosa potrebbe aiutare a diminuire la presa del pitone e sgonfiare il palloncino.

Siamo pronti per iniziare. Incoraggio Masha a concentrarsi sulla respirazione diaframmatica in modo che possa diventare profondamente rilassata. La invito a immaginare il giorno dell'intervento e descrivere alcuni dettagli probabili, per lo più ambientando la scena per il periodo post-chirurgico. Descrivo l'immagine python per lei e poi descrivo anche la soluzione che abbiamo discusso: il pitone rilascia gradualmente la presa mentre respira in quel punto. Forse la coda si svolge un po ', o la testa, o il corpo, suggerisco, qualunque cosa allevierà un po' di quel senso di pressione. Allo stesso modo, il palloncino rilascia gradualmente parte della sua aria, il rosso vivo si ammorbidisce di colore.

Mentre è profondamente rilassata, incoraggio Masha a praticare queste immagini nei prossimi giorni. Quando sperimenta queste sensazioni dopo l'intervento, sarà in grado di usarle come un modo per affrontare il dolore, sapendo, come fa lei, che nel tempo, mentre la guarigione avviene, il dolore si dissiperà.

Masha si allontana dalle nostre immagini con un sorriso sul viso. "È stato fantastico!" Esclama. "Mi sento come se stessi fluttuando su una nuvola. So che sarà difficile, ma non mi sento più spaventato. "

Se vuoi contattarmi, sia per quanto riguarda le tecniche di abilità psicologica o qualche altro aspetto della psicologia delle prestazioni, sentiti libero di inviarmi una nota attraverso il mio sito web, http://www.theperformingedge.com

Solutions Collecting From Web of "The Imagery Edge-Part I"