The Heartful Way, Part 2

PhotoPin
Fonte: PhotoPin

La settimana scorsa ho discusso "La via dell'amore" e ti ho lasciato la domanda: la pietà è sempre interpersonale? Deve sempre comportare gentilezza e cura per gli altri?

La risposta breve è "no". Questo post esplora come heartfulness sia interno (intra-personale) e fornirà suggerimenti per praticarlo e la ricerca che supporta queste idee.

Più di dieci anni fa, stavo assistendo una giovane donna con dolore cronico. Era una donna single, che lavorava sodo, sui trent'anni, che soffriva di ansia, depressione e pensiero catastrofico che aggravava le difficoltà di molte persone con dolore cronico. Era molto critica nei confronti di se stessa, il suo peggior critico, ma non in un modo motivazionale / migliorativo. Invece, era autocritica in un modo meschino che abbassava la sua autostima e la crogiolava con preoccupazione e stress.

Un quarto del piano di medicina comportamentale con cui ho lavorato ha insegnato metodi di autoregolamentazione: biofeedback, autoipnosi e meditazione consapevole. Dopo averla addestrata ad ogni approccio, le ho chiesto di esercitarsi quotidianamente tra le nostre riunioni. Quando divenne più consapevole della sua mente errante, realizzò che molti dei suoi pensieri avevano a che fare con il fallimento. Abbiamo etichettato questa sua "mente di giudizio". Durante la consapevolezza, ha imparato a usare i suoi punti di forza caratteriali di curiosità e pensiero critico per osservare oggettivamente questa "mente che giudica" non appena è comparsa. Ha imparato a dire: "Oh, sei a giudicare la mente" o "Il pensiero medio di" Io sono senza valore "è solo un pensiero. Fa parte della mia mente giudiziosa. "Poi lei lo lasciò andare e tornò al suo momento presente, sentendosi un po 'più responsabilizzato.

Dopo aver costruito questa pratica di mindfulness, ho insegnato la sua pratica di amorevole benevolenza, che consiste nel prestare attenzione ai punti di forza dell'amore / gentilezza dentro di te e migliorare consapevolmente i sentimenti positivi attraverso immagini e frasi amorevoli. Dopo aver praticato questo per un paio di mesi, è tornata per incontrarmi. Le ho chiesto come stava andando la sua pratica di gentilezza amorevole. I suoi occhi si spalancarono e lei notò con eccitazione: "Ho imparato qualcosa di importante mentre praticavo – quello che ho trascurato nella mia vita è che posso essere il mio migliore amico".

Era, per la prima volta, iniziando la pietà verso se stessa. Iniziando a diventare un'amica per se stessa, stava trasformando i suoi punti di forza verso l'interno. Vide che era una persona di valore, che era importante essere gentili con se stessa e che poteva essere grata per quello che era. La sua prospettiva si stava allargando. Aveva percorso una lunga strada nel prendersi cura del proprio corpo negli ultimi mesi e gestire il suo dolore cronico.

Vuoi essere deliberato riguardo al cuore?

Nessuno sosterrebbe che essere amorevoli e gentili con gli altri sia una buona cosa. La scienza lo supporta chiaramente. Amore e gentilezza costruiscono relazioni. Ma trasformare l'amore e la gentilezza interiore può essere altrettanto potente. Questi punti di forza costruiscono la tua relazione con te stesso, aiutandoti a fare amicizia con te stesso.

I ricercatori hanno iniziato solo recentemente a disfare questa idea che risale al Buddismo 2.600 anni fa: i punti di forza possono e devono essere diretti a noi stessi ed è tutt'altro che egoistico farlo perché ci rende più forti e quindi più disponibili e presenti agli altri.

La ricerca sull'amore / la gentilezza rivolta verso l'interno (riferimenti sotto) ha rivelato miglioramenti nell'ansia, sostegno sociale, scopo di vita, consapevolezza e persino sintomi fisici. Sono stati mostrati effetti a lungo termine. Anche una breve pratica di meditazione sull'amore può aumentare i sentimenti positivi e la connessione sociale con gli altri. Sono stati trovati cambiamenti significativi nel cervello delle persone che praticano con questi punti di forza.

Per imparare questa pratica, spesso chiamata meditazione amorevolezza, segui questi passaggi:

  1. Inizia con una respirazione consapevole (ricorda che la consapevolezza catalizza il cuore)
  2. Immagina una situazione in cui ti sei sentito amato da qualcuno. Prenditi del tempo per sentire l'emozione dell'amore in quel momento.
  3. Mentalmente state e immagini queste frasi:
    • Possa essere pieno di amorevole benignità.
    • Posso essere al riparo dai pericoli interni ed esterni.
    • Possa stare bene nel corpo e nella mente.
    • Possa essere tranquillo e felice.

Se stai cercando una guida in termini di tempo per ciascuno dei 3 passaggi sopra, considera qualcosa come 3 minuti per ciascuna delle 3 fasi. Dopo aver praticato alcune volte, aumentare a 5 minuti per fase.

Sommario

La consapevolezza catalizza il cuore. Quando siamo cordiali, stiamo esprimendo i nostri migliori punti di forza per aiutare gli altri. Possiamo anche essere cordiali verso noi stessi. Consapevolezza e pienezza fanno un circolo virtuoso che sinergizza il bene dentro di noi e intorno a noi.

Riferimenti

Cohn, MA, e Fredrickson, BL (2010). Alla ricerca di interventi di psicologia positiva duratura: i predittori e le conseguenze del cambiamento del comportamento positivo a lungo termine.
Journal of Positive Psychology, 5 (5), 355-366.

Hofmann, SG, Grossman, P., e Hinton, DE (2011). Meditazione amorevole e compassione: potenziale per interventi psicologici. Rassegna di psicologia clinica, 31 (7), 1126-1132.

Hutcherson, CA, Seppala, EM, & Gross, JJ (2008). La meditazione amorevole-gentile aumenta la connessione sociale. Emozione, 8 (5), 720-724.

Leppma, M. (2012). Meditazione e consulenza amorevole. Journal of Mental Health Counseling, 34 (3), 197-204.

Lutz, A., Brefczynski-Lewis, J., Johnstone, T., & Davidson, RJ (2008). Regolazione del circuito neurale delle emozioni mediante la meditazione della compassione: effetti della perizia meditativa. PLoS ONE, 3 (3), 1-10.

Niemiec, RM (2014). Consapevolezza e forza del personaggio: una guida pratica alla crescita . Cambridge, MA: Hogrefe.

Sears, S., & Kraus, S. (2009). Penso quindi a om: distorsioni cognitive e stile di coping come mediatori per gli effetti della meditazione di mindfulness sull'ansia, sugli affetti positivi e negativi e sulla speranza. Journal of Clinical Psychology, 65 (6), 561-573.

VIA Institute on Character : www.viacharacter.org

Solutions Collecting From Web of "The Heartful Way, Part 2"