The Good-Enough Daughter: Va bene?

Recentemente, i ricercatori Bott, Schekter e Milstein hanno scritto in JAMA Neurology che la migliore assicurazione di assistenza a lungo termine per un genitore anziano era una figlia coscienziosa. Bott et al., Ha calcolato che anche il mantenimento di un genitore senza demenza richiede circa 66 ore al mese, e per quelli con demenza, 171 ore. Le scoperte secondo cui tali richieste di assistenza passano sulle donne che potrebbero ancora essere nella forza lavoro, e possibilmente ancora genitori dei propri figli, li rendono giocolieri di tempo ed energia.

Come funziona tutto questo per le figlie? La nostra osservazione aneddotica di noi stessi, delle nostre amiche e dei nostri colleghi è questa: non è così bello.

Nel suo articolo del 1960, pubblicato sull'International Journal of Psychoanalysis , il pediatra britannico Donald Winnicott coniò il termine "la madre abbastanza buona" per delineare i processi psicologici di empatia e maternità. Quando la dipendenza del bambino dalla madre passa dall'assoluto, al relativo, all'indipendenza, il caregiving della madre passa dal completo (perfetto) sacrificio di sé al bambino fino a diventare abbastanza buono (imperfetto, incompleto). Il permesso di essere una "madre abbastanza buona" deriva dalla consapevolezza che la crescita del bambino deriva dal movimento verso l'indipendenza. Eppure, anche in questa teoria c'era ampio spazio per i pezzi di colpa da mettere sulla madre per errori di valutazione e mancavano i bisogni del bambino.

La colpa è ciò che ci porta alla "figlia abbastanza buona" (il nostro derivato di Winnicott). Quanto sacrificio di sé è sufficiente quando si prende cura di un genitore? Va bene essere una "figlia abbastanza buona" sacrificando una profonda consapevolezza e una risposta incessante ai bisogni dei genitori anziani? Quanto è imperfetto, e forse anche incoerente, il caregiving?

A complicare tutto questo non sono solo le aspettative della società, ma se le donne devono essere sincere su questo, le nostre aspettative. Non importa che i nostri ruoli si siano ampliati dalla maternità come occupazione primaria, a occupare quasi la metà della forza lavoro statunitense (in cui deteniamo posizioni di autorità in una varietà di campi).

"Abbastanza buono" potrebbe non essere abbastanza buono.

Ricevere A al lavoro non lo taglia. Essere una "figlia abbastanza buona" (se vogliamo essere onesti) può portare a darci F come nutrici. Rischiamo di fallire come madri per le nostre madri e i nostri padri. Bott et al., Hanno scoperto che le figlie hanno il 28% in più di probabilità di prendersi cura di un genitore rispetto ai figli. Tuttavia, c'è un tributo sulle figlie che assumono una quantità sproporzionata delle cure dei loro genitori (e suoceri, come risulta). Gli effetti psicologici sono quelli della depressione (alcuni studi suggeriscono che tra il 40% e il 70% dei caregiver presentano sintomi che si avvicinano alla depressione clinica), stanchezza fisica, problemi di sonno e problemi di salute.

Gran parte di ciò che le figlie fanno per le loro madri e padri deriva dall'amore e dall'empatia. Ma a differenza del processo di sviluppo con i bambini, dove il movimento è verso l'indipendenza, con i nostri genitori anziani il movimento è verso la dipendenza – fisica, psicologica, o molte volte, entrambe.

La realtà esistenziale è ruvida. Questo tipo di caregiving è pieno di tensioni, aspettative, paure di morte dei genitori, paure della nostra stessa morte e ansia di non passare "tempo di qualità" con il genitore anziano quando è ancora possibile. Inoltre, ci sono sentimenti di risentimento:

  • Trascorrere tutto il nostro tempo di qualità in modi non di qualità.
  • Conflitti riguardo al genitore che fa cose che fanno impazzire (per esempio, non usare un deambulatore e cadere).
  • Il genitore non cerca di rendere più facili i nostri sforzi di custodia o la propria vita (ad esempio, dimenticando di accendere il cellulare o rifiutarsi di imparare a usarne uno).

È noto da tempo che il desiderio di essere perfetti richiede un tributo fisico e psicologico. Inoltre, la perfezione è una costruzione astratta, soggetta all'interpretazione. Nell'assumere un ruolo di custode per un membro della famiglia, dobbiamo ricordare e accettare che tutti abbiano dei limiti (noi e il destinatario delle nostre cure). Mantenendo questo pensiero in primo piano nella nostra mente, le sfide della custodia diventano meno angoscianti. Fare il meglio che puoi, di concerto con l'accettare la realtà delle circostanze situazionali, è più che "abbastanza buono".

Solutions Collecting From Web of "The Good-Enough Daughter: Va bene?"