The Gig Economy

Mark Warner, CC 2.0
Fonte: Mark Warner, CC 2.0

Negli ultimi 50 anni, la forza lavoro degli Stati Uniti è cresciuta del 100% ma del 300% nel numero di lavoratori part-time / temp / a contratto che preferiscono lavorare a tempo pieno.

La nostra mossa verso la sostituzione di più posti di lavoro a tempo pieno, con benefici e stabili con temp, part-time e concerti a contratto è spesso chiamata l' economia da concerto.

Questa tendenza è un bene netto: psicologicamente, economicamente e come società?

ANTI GIG ECONOMY: Chiaramente no. Tutte le vittime della gig economy ottengono meno soldi e meno benefici, con tutto il conseguente malessere economico e psicologico.

PRO GIG ECONOMY: Ma è compito del datore di lavoro pagare le persone più del valore equo di mercato? Se un datore di lavoro vuole dare l'elemosina, può farlo ma è sbagliato per il governo, che colpisce così tanto i datori di lavoro senza scopo di lucro e non solo le tasse ma i mandati dai limiti di sicurezza sociale sollevati e ha sollevato i lavoratori Comp e MediCal pagamenti a cura di Obama e congedi familiari retribuiti per imporre ancora più carità forzata.

ECONOMIA ANTI-GIG: Perché le esternalità come razza, classe e genere influenzano la probabilità di essere un Avere, è solo per ridistribuire da The Haves a coloro che hanno perso nella lotteria genetica o ambientale.

PRO GIG ECONOMY: stai dando troppo peso a fattori esterni e troppo poco all'intelligenza, alla guida e alla volontà della gente di ritardare la gratificazione.

ANTI GIG ECONOMY: non si può discutere sul fatto che la Gig Economy costringe tutti i lavoratori temporanei a dedicare più tempo alla ricerca di lavoro. Ogni volta che termina un concerto, devono passare settimane, mesi a cercare il loro prossimo concerto. Sia i cercatori di lavoro che i datori di lavoro soffrono per tutto quel tempo sprecato. Per non parlare, è psicologicamente stressante per tutti gli interessati.

PRO: GIG ECONOMY: ad alcune persone piace la freschezza di passare da un concerto all'altro. La libertà di andare in vacanza quando gli piace. La libertà di dire "Non mi piace questo concerto. Sto smettendo. "

ANTI GIG ECONOMY: molte persone amano trascorrere il loro tempo lavorando vedendo i risultati in corso dei loro sforzi. A loro piace socializzare e costruire relazioni con i colleghi a lungo termine. A loro non piace cercare lavoro e poi rimescolarsi per imparare i dettagli di un nuovo lavoro che paga di meno e con minori benefici. E se non sei una star – e la maggior parte delle persone, per definizione, non è così – avrai lunghi periodi di disoccupazione.

PRO GIG ECONOMY: per un momento, mettiti nei panni del datore di lavoro. Anche i datori di lavoro sono persone. Se possedessi un'azienda, sopravvivresti, specialmente nella competizione globale, se dovessi impiegare tutti 52 settimane all'anno, se avessi bisogno di quella persona o set di abilità o no? Ricorda che oltre a pagare il loro stipendio quando non necessario, dovresti pagare per tutti i mandati dei datori di lavoro di cui sopra. Inoltre, è più probabile che tu debba difendere una causa di licenziamento illecita – il governo ha dato ai dipendenti permanenti molte basi su cui chiedere la risoluzione errata: ambiente ostile, discriminazione basata sulla razza, genere, orientamento sessuale, età, denuncia, disabilità, ecc. Anche se non dovessi competere con la Cina, l'India, ecc., verrebbe più probabilmente fuori dal mercato perché i tuoi costi di manodopera erano così alti che troppo poche persone potevano permettersi il tuo prodotto. Se sei un ente no profit, avresti meno soldi per aiutare i bisognosi.

ANTI GIG ECONOMY. C'è un enorme divario tra ricchi e poveri. Permettere ai datori di lavoro di assumere quante più persone part-time / temporanee come vogliono aggrava il problema.

PRO GIG ECONOMY: stai esagerando nel caso. Vedi questa recensione dei dati dell'economista Stanford / Hoover Thomas Sowell.

ECONOMIA ANTI-GIG: Sowell è un conservatore. L'istituto liberale di politica economica sostiene che il divario è enorme.

PRO GIG-ECONOMY: Tutti concordano sul fatto che i ricchi guadagnano molto più dei poveri, ma ricordate che, tipicamente, i datori di lavoro pagano un dato dipendente in più perché aggiunge più valore: idee migliori, più affidabili, difficili da acquisire, capacità tecniche in-demand, è più intelligente, più freddo sotto pressione, minore manutenzione e / o tira fuori il meglio dei colleghi. Il mondo sarebbe migliore se le persone meno produttive venissero pagate allo stesso modo di quelle più produttive?

ANTI-GIG-ECONOMY: Non sto dicendo che dovrebbero essere pagati allo stesso modo, ma non così diversamente.

PRO GIG ECONOMY: i liberali presentano statistiche distorte per fare il loro caso. Ad esempio, citano la retribuzione del CEO di Fortune 500. Non solo quel gruppo costituisce una banale fetta della popolazione, le stock option del CEO hanno beneficiato del passato rialzo del mercato azionario. Se il mercato scende, le loro stock options valgono $ 0. Inoltre, secondo questo rapporto Bloomberg, non è possibile generalizzare dallo 0,1% superiore al 10 o 20% più significativo. è tutt'altro che positivo.

ANTI GIG ECONOMY: Come sai, molte persone vengono promosse a causa di fattori diversi dal merito.

PRO GIG ECONOMY: The Ol 'Boy Network o la discriminazione inversa svolgono un ruolo importante come quello che stai insinuando. Comunque, stai diventando fuori tema. Stiamo parlando della saggezza o della mancanza del governo degli Stati Uniti che limita i datori di lavoro dall'assumere le persone part-time / temp. Fare ciò garantirebbe, come ho detto, che le organizzazioni non profit abbiano meno denaro per la loro causa e costringano le aziende a ritirarsi oa cessare l'attività, perdendo in altri paesi, il che è molto meno probabile che impongano tali restrizioni ai datori di lavoro. Che scrive lavoro proprio da persone che affermi di voler aiutare. E non dimenticare, ogni volta che il governo mette una restrizione sui datori di lavoro, aumenta il rapporto costo-efficacia dei datori di lavoro che automatizzano i lavori. Ciò nuoce ulteriormente ai potenziali impiegati.

ANTI GIG ECONOMY: Gli Stati Uniti non dovrebbero partecipare a una corsa verso il basso. Siamo il paese più ricco della terra. L'umanità dovrebbe, perdonare il gioco di parole, trionfare i profitti.

PRO GIG ECONOMY: non sembrerà umano quando una no-profit deve tagliare servizi ai bisognosi o quando un'azienda americana si automatizza o fallisce e quindi nessuno avrà un lavoro, part-time o pieno.

ANTI GIG ECONOMY: non catastrofisti. I datori di lavoro hanno abbastanza profitti da ridistribuire di più senza eliminare molti posti di lavoro. Ad esempio, una revisione della letteratura sugli effetti dell'innalzamento del salario minimo trova solo una piccola perdita di posti di lavoro, ma un significativo aumento del tenore di vita dei lavoratori a basso livello.

PRO GIG ECONOMY: aumentare i costi salariali minimi non solo per il datore di lavoro ma per tutti noi. Quando viene aumentato il salario minimo, i datori di lavoro passano a noi aumentando i prezzi. E con molti lavoratori di fast-food che guadagnano il salario minimo, che ferisce i poveri, perché sponsorizzano in modo sproporzionato i fast-food: stai derubando un povero per pagarne un altro.

E non dimenticare che alzare il salario minimo riduce alcuni posti di lavoro. E quando questi lavori vengono interrotti, tutti noi soffriamo di tempi di attesa più lunghi, servizio clienti scadente, ristoranti meno puliti e bagni degli hotel, ecc.

Nulla può trionfare sulla certezza economica fondamentale che se aumenti il ​​costo delle assunzioni, i datori di lavoro aumenteranno i prezzi, ridurranno alcuni posti di lavoro, e automatizzeranno o in mare aperto di più, uccidendo più posti di lavoro.

ANTI GIG ECONOMY: stai ignorando il fatto che quando un datore di lavoro o un non profit offre la maggior parte dei lavori a tempo pieno con una ragionevole sicurezza del lavoro, migliora il morale dei dipendenti, che non solo rende le loro vite più piacevoli, psicologicamente più sane, ma migliora produttività, diminuisce il furto dei dipendenti e così via.

PRO GIG ECONOMY: la domanda è se i benefici superano i costi elevati, l'inflessibilità provocata dall'occupazione a tempo pieno e le sempre maggiori restrizioni imposte ai datori di lavoro. Fa dire a un datore di lavoro: "Al diavolo. Prenderò un lavoro governativo. "

ANTI GIG ECONOMY: questo potrebbe essere il punto più importante: meno paghi le persone, più le più tristi o più violente. La soddisfazione umana deve essere considerata. Inoltre, quando le persone non possono permettersi di comprare cose, le aziende devono ridurre ancora di più la loro forza lavoro, il che rende le persone ancora più tristi e inclini alla violenza. Se si riducono i mezzi di sostentamento della gente, si ritaglia l'essenza della gente così come il tessuto che tiene insieme la società.

PRO GIG ECONOMY: Ma se costringi i datori di lavoro ad avere libri paga obesi, le aziende subiscono attacchi di cuore e muoiono. Come con molte cose, forse la risposta sta nella moderazione: incoraggiare i datori di lavoro a considerare tutti gli impatti psicologici, economici e sociali della conversione di lavori a tempo pieno in concerti e / o di automatizzarli: impatti sui dipendenti, sui clienti e sulla società in generale . In questo modo, saranno più propensi a prendere decisioni sagge.

ANTI GIG ECONOMY: Beh, questo è un punto di partenza.

Il takeaway

Quindi queste argomentazioni spostano la tua posizione sulla questione se il governo debba limitare la capacità dei datori di lavoro di assumere lavoratori part-time / temporanei?

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia. Il suo ultimo libro, il suo 8 °, è Il meglio di Marty Nemko.

Solutions Collecting From Web of "The Gig Economy"