The Feral Child soprannominato Genie

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Genie è nato da genitori squilibrati. Suo padre era estremamente intollerante nei rumori forti e non voleva bambini, ma lui e sua moglie finirono per avere dei bambini. Molti di loro. La maggior parte di loro è morta per negligenza infantile. Genie era uno dei pochi sopravvissuti.

A causa della sensibilità del padre al rumore e della mancanza di attenzione per gli altri, Genie trascorse i primi 13 anni della sua vita legata a un vasino o una sedia in una camicia di forza casalinga. Se avesse fatto qualsiasi rumore, suo padre l'avrebbe picchiata con una mazza da baseball. Non è mai stata parlata. Era una vera bambina selvaggia.

Quando finalmente è intervenuto il servizio di protezione dell'infanzia, Genie non aveva praticamente alcuna abilità fisica oltre a quella di un bambino piccolo. Era gravemente sottopeso e non poteva parlare.

La linguista Susan Curtiss fece amicizia con lei e tentò di insegnare la sua lingua e sfidare le sue capacità mentali. Susan Curtiss apprese rapidamente che Genie era molto intelligente. Era in grado di raccontare storie sofisticate, non a parole, ma in immagini. Usando le foto poteva raccontare intricate narrazioni.

Susan Curtiss ha lavorato con Genie per insegnare il suo inglese. Presto Genie sviluppò un lessico piuttosto grande e riuscì a esprimersi. Ma nonostante la vasta formazione, è rimasta incapace di produrre frasi grammaticali. Ecco una trascrizione di una delle sue relazioni sul suo tempo nelle mani di suo padre:

Padre colpito al braccio. Grande legno Il genio piange … Non sputare. Padre. Hit face – spit … Padre colpì un grosso bastone. Padre arrabbiato. Padre colpì il grosso bastone di Genie. Il padre prende il colpo di legno. Piangere. Io piango.

Nonostante la tragedia che circonda il caso di Genie, il suo caso ci insegna una lezione importante sulle abilità linguistiche. Raccontare una storia (non necessariamente in modo grammaticale o anche usando le parole) così come capire il linguaggio sono molto diversi dall'essere in grado di produrre frasi grammaticali in una lingua.

Le aree linguistiche del cervello sono in realtà divise tra l'area di Wernicke e l'area di Broca (tra le altre importanti aree di facilitazione linguistica). L'area di Wernicke si trova sul lato sinistro della testa (appena sopra l'orecchio) nel lasso temporale, mentre l'area di Broca si trova all'inizio della parte frontale del cervello (un po 'più avanti). L'area di Wernicke è responsabile della comprensione della parola e di altri segnali comunicativi, mentre l'area di Broca è principalmente responsabile della produzione di frasi grammaticali (accanto all'area motoria, che è necessaria per esprimere ciò che si vuole dire verbalmente usando movimenti e gesti delle labbra, per esempio) .

Il caso di Genie conferma che esiste una certa finestra di opportunità che stabilisce il limite per quando è possibile diventare relativamente fluenti in una lingua. Naturalmente, se già conosci bene un'altra lingua, il cervello è già pronto per l'acquisizione del linguaggio e potresti riuscire a parlare fluentemente in una seconda o terza lingua. Se non hai esperienza con la grammatica, tuttavia, l'area di Broca rimane relativamente difficile da cambiare: non puoi imparare la produzione di una lingua grammaticale più tardi nella vita. Ma le capacità di comprendere la lingua e di produrre un linguaggio in modi che non dipendono dalla grammatica utilizzano in gran parte l'area di Wernicke nel lobo temporale. Questa zona è in grado di espandersi e ricablarsi per tutta la vita, anche durante gli anni dell'adolescenza. Il caso di Genie lo conferma. La grammatica era fuori portata per lei. Ma la comprensione della lingua e la narrazione non lo erano.

Il takeaway di questo tragico caso si sposa bene con l'idea consolidata che l'area di Wernicke nel cervello – l'area per la comprensione del linguaggio – assorba varie lingue e segnali significativi in ​​modo unificato, mentre l'area di Broca – l'area del cervello che è responsabile di produzione di parlato grammaticale – memorizza le lingue native (o prime) e (seconde) lingue apprese più tardi nella vita in aree separate.

Berit "Brit" Brogaard è un autore di The Superhuman Mind.

Solutions Collecting From Web of "The Feral Child soprannominato Genie"