The Fear of Rejection: A One Day Cure! (Parte I)

Guarito in un giorno? Come descrivo in The Dance of Fear , è successo così:

Sono stato sorpreso di ricevere una chiamata da Frank, un ex cliente di terapia che ora viveva a Tulsa, in Oklahoma. Il suo lavoro lo stava riportando in Kansas per un seminario di due giorni, e voleva sapere se mi sarei incontrato con lui.

Spiegò che non era uscito da quando il suo matrimonio terminò due anni prima. Era attratto da una donna al lavoro di nome Liz, ma il solo pensiero di chiederle di uscire lo paralizzò.

Frank era un tipo roll-up-your-sleeves, tipo fix-it, quindi non mi sorprese che sperava in una soluzione rapida, che non è il modo in cui generalmente lavoro. Ma di recente avevo partecipato a un seminario condotto da Cloe Madanes, uno psicoterapeuta acclamato per le sue innovative strategie di trasformazione. Ricordai un intervento che Madanes aveva descritto per un uomo il cui problema era del tutto simile a quello di Frank. Ho avuto una forte intuizione che questa direttiva sarebbe stata perfetta.

Frank aveva definito il suo problema come una paura del rifiuto. "Il vero problema", gli dissi, "è che non hai abbastanza esperienza con il rifiuto." Per risolvere il suo problema, Frank aveva bisogno di accumulare rifiuti. Il suo incarico, se avesse scelto di accettarlo, era di accumulare 75 rifiuti in un giorno.

Doveva procedere come segue: Il giorno prima del suo seminario a Kansas City, doveva recarsi in Plaza, un importante centro commerciale e attrazione turistica. A partire da Latte Land, un famoso coffee shop dall'atmosfera rilassata e informale, doveva avvicinarsi a diverse donne (una alla volta, ovviamente), e dire: Ciao. Il mio nome è frank. Spero che tu non pensi che io sia maleducato, ma mi chiedo se ti piacerebbe avere un caffè con me.

Dopo essersi bagnato, doveva camminare per la strada fino a Barnes & Noble e posizionarsi ai piedi della scala mobile del negozio. Mentre le donne scendevano dalla scala mobile, doveva ripetere le sue battute: Ciao. Il mio nome è frank. Spero che tu non pensi che io sia maleducato, ma mi chiedo se ti piacerebbe avere un caffè con me.

Non doveva sfogliare questo copione. Doveva tenere una registrazione accurata dei suoi rifiuti accumulati e fermarsi solo quando raggiunse i 75 anni. Ovviamente, dissi, avrebbe dovuto esercitare un buon giudizio e discrezione in modo che non venisse segnalato alla gestione del negozio per molestie. Poteva spostarsi sul fondo di una scala mobile in un altro negozio, se necessario. Gli ho chiesto di chiamarmi dopo il suo ritorno a Tulsa per riferire i risultati.

Frank era affascinato dall'idea di dover accumulare rifiuti per compensare la sua mancanza di esperienza. La direttiva lo ha colpito sia come scoraggiante quanto assurdo, ma la sua motivazione era alle stelle. Probabilmente ha aiutato un po 'che Kansas City non era più la sua città natale.

"Posso fare qualsiasi cosa per un giorno", ha detto.

Quando Frank mi chiamò poche settimane dopo essere tornato a Tulsa, era pieno di buonumore. "Ho fallito", mi disse allegramente.

All'inizio, aveva seguito le mie istruzioni alla lettera. A Latte Land ha accumulato tre rifiuti. Poi una donna accettò la sua offerta, cosa che fece capire a Frank che impilare 75 rifiuti poteva richiedere più tempo di quanto avesse immaginato inizialmente. A Barnes & Noble, ha raccolto altri cinque rifiuti dalla mazza. Poi, ancora una volta, si imbatté nel problema di diverse donne che dicevano "sì". Risvegliando la sfida, Frank divenne più strategico nel mettere a nudo le donne che avrebbero avuto molte probabilità di rifiutarlo: quelli che indossavano fedi nuziali o allevavano piccoli bambini irritabili, per esempio.

Non passò molto tempo prima che la motivazione di Frank diminuisse drasticamente – "da un 10 a un 2", ammise. Mentre la sua volontà vacillava e la sua irritazione aumentava, improvvisamente vide una donna straordinariamente bella salire sulla scala mobile. Era alta ben sei pollici più di Frank, ultra alla moda, e, secondo le parole di Franks, "gelata nel suo contegno." Quella era l'ultima donna al mondo a cui si sarebbe mai avvicinato o interessato, ed era abbastanza sicuro che la sensazione era reciproca. "Non pensavo di avvicinarmi a lei", disse Frank. "Ma ho deciso di darmi 15 punti bonus se l'avessi fatto."

Mentre scivolava giù per la scala mobile verso di lui, Frank si sentì sempre più ridicolo. Riconobbe che anche con i punti bonus che pensava di concedere a se stesso, avrebbe comunque dovuto raccogliere più di 30 rifiuti in più. Il solo pensiero lo ha stancato. Quindi, una lampadina si spense nella sua testa. Con un sospiro di sollievo, si spostò in una parte più isolata del negozio, prese il cellulare e chiamò Liz.

Quando ha ottenuto la sua segreteria telefonica, non ha perso un colpo. "Ciao, questo è Frank dal lavoro", ha detto. "Spero che tu non pensi di essere scortese, ma mi chiedo se potremmo prendere un caffè insieme quando torno a Tulsa."

"E 'stato così facile", mi ha detto Frank. "Chiamare Liz era un milione di volte più facile che chiedere a quella donna di prendere un caffè e completare l'incarico. L'unica ragione per cui ero lì, per cominciare, sentendomi un totale idiota, era chiedere a Liz di uscire. "Frank riferì che trascorreva il resto del suo pomeriggio facendo un giro turistico, facendo shopping e divertendosi completamente. "Ma non entrerò mai in un altro Barnes & Noble per tutto il tempo che vivo", ha promesso. (Chalk one up per le librerie indipendenti, pensavo tra me e me).

Per quanto riguarda Liz? Si è scoperto che era già coinvolta con qualcuno e ha rifiutato la data del caffè. Ma diversi giorni dopo, Frank si avvicinò a una donna con cui a volte chiacchierava nel suo quartiere – "un cane come me" – e le chiese di uscire. Lei ha accettato e da allora si frequentano.

"E sai una cosa?" Mi disse Frank ridendo. "Non ho detto, 'Ciao. Il mio nome è frank. Spero che tu non pensi che io sia maleducato, ma mi chiedo se ti piacerebbe avere un caffè con me. '"

Solutions Collecting From Web of "The Fear of Rejection: A One Day Cure! (Parte I)"