The Door-Hold Experiment: Communication in the Digital Age

La convenzione, precedentemente stimata, della porta-presa troppo borghese è un argomento per le pagine di Surf-Head, credo di no …

 Metaphor and Speed Trap for Communication

Porte a battenti come metafora

Uscire dall'Ospedale di New York dopo gli Psychiatry Ground Rounds mi presenta sempre lievemente traumatico. All'uscita di York Avenue, un doppio paio di porte di vetro ponderate, caricate a molla, attenua l'entrata e l'uscita. Nel corso della giornata, alla fine degli anni '70 o agli inizi degli anni '80, ricordo che lo standard di pratica era quello di tenere una trappola mortale che portava con sé la vittima, forse con l'aggiunta di un sorriso o almeno di un riconoscimento comunitario. Un gioco culturale se non istintivo. Ora, non è così chiaro.

Quando si valutano tutti i partecipanti, sembra esserci una divisione uniforme tra 1) anacronisti (quelli che seguono la vecchia convenzione), 2) i riattivatori (quelli che, forse, evitano attivamente la convenzione), 3) i negligenti (coloro che consapevolmente o inconsapevolmente evitano , o sono semplicemente non contese dalla convenzione), e 4) ambivalenti (coloro che esprimono una serie errata di reazioni al dilemma della porta in attesa).

La mia sensazione di, sebbene moderata, ansia in questa situazione, e una ragione valida per esplorare un gesto altrimenti banale non è un paean scatenato per la perdita della politesse e della decenza umana (anche se un equo argomento), piuttosto un testa a testa per lo scioglimento di comunicazione. Ogni sottogruppo ipotizzato sopra ha una ragione giustificabile, se non del tutto valida, per la sua azione in risposta alla gestione di una porta oscillante in mezzo alla folla. Gli anacronisti possono dare valore alla cavalleria o semplicemente essere radicati nella nostalgia. I riattivatori possono reagire contro la cavalleria, il sessismo, la sovrabbondanza, la proprietà borghese, i loro genitori, ecc. I negligenti possono lavorare su una traccia alternativa di valori, essere privi di valori o semplicemente distratti, mentre gli ambivalenti non hanno stabilito una coerenza, corso prevedibile di navigazione.

Il problema è che, senza un sistema di valori condiviso, o perlomeno una comprensione empatica empatica dei circoli di valori di Venn, c'è o no, o più probabilmente, comunicazione errata . Gli anacronisti leggono i riattivisti come petulanti e adolescenti o negligenti come pigri o auto-coinvolti, e tutti leggono gli Ambivalenti come personaggi deboli e deboli. La bellezza dell'esperimento porta-attesa è che il miscommunication si traduce in slapstick punteggiato, fisico (porta in vetro in faccia), non solo amorfi, sentimenti lividi.

Oltre questo facile, metafora / esperimento, questo dilemma colpisce ovunque. L'autostrada sulla rampa, il decollo in un affollato punto di rottura, anche alla ricerca di un punto di inserimento o di affermazione in una riunione o una chiamata. "Mi stavi dicendo che …" "Sì, stavo iniziando ad andare …" "Sì, lo sei stato .." "Cosa? …aspettare…"

In tutto, la mia lamentela non è favorevole a nessuna strategia di gestione. Hanno tutti le loro ragioni, razionalizzazioni, convalide e luoghi. Probabilmente i temi ricorrenti della democratizzazione, della svalutazione, della diluizione e della dissoluzione dei valori e del linguaggio (verbale e non) nell'era digitale hanno contribuito al caos. Piuttosto, è importante dare il tempo, lo spazio e i segnali per far conoscere la propria strategia di comunicazione, per non dare l'impressione di ignorare, rifiutare o calpestare la linea di comunicazione di un altro. Resto con le porte che tengono un sorriso per uomini, donne, bambini, malati e abili. Di nuovo, non perché io in particolare investo nella cavalleria, ma perché in termini di dati di feed-back, trovo che le mie intenzioni e la mia tolleranza per le intenzioni altrui sono le migliori per comunicare in questo approccio coerente e piacevole. Sebbene la trascuratezza compiaciuta possa essere la ciliegina sulla torta. GD

Solutions Collecting From Web of "The Door-Hold Experiment: Communication in the Digital Age"