The Dog Show vs. Le Olimpiadi: il dilemma dei giudici

Lo scorso martedì sera ho affrontato una scelta difficile. Dovrei guardare la ricerca dello snowboarder Shaun White per la gloria olimpica sul halfpipe o le finali del Westminster Dog Show? E 'stato un gioco da ragazzi. Le esposizioni canine sono uno dei miei piaceri colpevoli. (Una volta ho trascorso due giorni in seguito ad un hander professionista che mi ha preso sotto la sua ala e mi ha spiegato le complessità e la politica del mondo raro dei cani da spettacolo.) Ma, ahimè, mia moglie, non condivide il mio entusiasmo per lo sfarzo di Westminster. Così abbiamo visto Shaun andare in fiamme, e ho registrato le finali di Westminster per una visione successiva. La mattina dopo, ho visto un pungente fox terrier dai capelli castani chiamato "GCH Afterall Painting The Sky" (alias Sky) che ha vinto il Best in Show.

Non ero sorpreso della vittoria di Sky. Ci sono stati 106 spettacoli di Westminster Dog dal 1907, e i terrier dai capelli rossi ne hanno vinti 14. Questo è quasi il doppio di Best in Shows come la prossima razza più vincente, la Scottish Terrier (8 volte). Sembra che i giudici di Westminster abbiano un debole per il gruppo di terrier. Nel corso del secolo scorso, i terrier hanno vinto il Best in Show a Westminster il 48% delle volte. Ironia della sorte, i tipi di cani che gli americani preferiscono come animali domestici non hanno molte possibilità a Westminster. Beagle, ad esempio, ha vinto solo una volta e Labrador Retriever, il cane più popolare d'America negli ultimi 20 anni, non ha mai vinto il Big Show.

Secondo le mie stime, le razze oscure hanno vinto a Westminster circa l'80% delle volte rispetto al 20% delle razze popolari. Perché c'è una tale sfacciata discrepanza tra le razze di cani che la maggior parte della gente sceglie per i loro animali domestici e le raffinate preferenze dei giudici di esposizione di cani. Il giudizio di Westminster potrebbe essere parziale?

Il problema di determinare chi è "il migliore"

I vincitori di sport come il pattinaggio di velocità e l'hockey sono determinati obiettivamente: è la persona che arriva al traguardo per prima o quale squadra segna più gol. Ma in eventi come lo snowboard, il pattinaggio sul ghiaccio o il Westminster Dog Show, chi è "il migliore" è molto più soggettivo. C'è, tuttavia, un mondo di differenza nel modo in cui i vincitori sono determinati nelle competizioni di snowboard e nelle esposizioni canine. Ecco quattro ragioni per cui giudicare halfpipe è meglio di giudicare cane.

1. Il problema "Numero di giudici"

Al livello più alto di qualsiasi sport che si basa sui giudizi soggettivi degli esperti, i giudici hanno un lavoro duro. Devono scegliere il singolo "miglior esecutore" tra una manciata di atleti d'élite. Quasi tutti gli sport riducono i pregiudizi in queste situazioni avendo più giudici. Il vincitore del semifondo olimpico del 2014 è stato determinato da una giuria composta da sei giudici che hanno valutato in modo indipendente ciascuna corsa di ciascun atleta. Come controllo aggiuntivo per pregiudizi, i punteggi dei giudici più alti e più bassi sono stati eliminati. Al contrario, il vincitore del Best in Show a Westminster è stato scelto dalla preferenza del giudice unico, Betty Regina Leininger.

2. Il problema delle mele e delle arance

Nelle finali olimpioniche di metàpipe, i giudici assegnano ai concorrenti la capacità di tirare fuori, essenzialmente, lo stesso bagaglio di prese. Non così alle finali di Westminster. Sebbene altamente esperta in tutti gli aspetti del dogshowdom, la signora Leininger ha dovuto affrontare un compito formidabile. Quando è entrata nello show ring lo scorso martedì sera, i 2.000 e più concorrenti sono stati ridotti a sette cani. Si estendevano da un segugio di dimensioni di un pony a un pinscer in miniatura da sette sterline. Sarebbe come scegliere il "miglior atleta olimpico" confrontando le prestazioni dei vincitori dello slalom gigante femminile, dello slittino maschile, del biathlon, del salto con gli sci femminile e degli eventi di pattinaggio artistico maschile. Di fronte alla versione canina di mele e arance, i giudici di cani non dovrebbero confrontare gli animali direttamente l'uno con l'altro. Piuttosto, il loro compito è di valutare ogni cane su quanto si avvicini a un elusivo ideale platonico – l'American Kennel Club ufficiale "standard di razza".

3. Il problema dell'ambiguità

Secondo gli psicometristi, una chiave fondamentale per fare giudizi esperti affidabili è che i criteri per la valutazione siano specifici. L'ambiguità è il nemico del giudice. Secondo questo criterio, gli standard di razza di AKC sono, beh, bizzarri, in particolare quando si tratta di comportamento e temperamento. Ad esempio, secondo lo standard ufficiale di razza, il Boxer ideale dovrebbe esibire "animazione vincolata" e Chow Chows dovrebbe avere "una dignità innata e un'aura di distacco." Il mio preferito è lo standard di razza che stabilisce che gli spaniel Clumber siano "indipendenti" pensatori "e hanno una" espressione pensosa ". Huh?

4. Il problema di misurazione

Nelle finali olimpioniche del 2014, i giudici potevano assegnare fino a 100 punti a uno snowboarder per ciascuna delle loro due gare. Hanno basato la loro decisione sui criteri enunciati nel manuale dei giudici della International Ski Association. Questi includevano l'altezza dei salti, la varietà e la difficoltà dei trucchi che lo snowboarder eseguiva, il grado di assunzione dei rischi e l'esecuzione delle loro prestazioni. Il manuale specifica chiaramente le detrazioni per gli errori. Un "tocco leggero alla mano" costerà ad uno snowboarder tra 1 e 10 punti, mentre un "controllo del calcio leggero" è una deduzione da 11 a 20 punti. Il vincitore della halfpipe olimpica maschile del 2014 è stato Iouri Podladtchikov, che, su una pista quasi perfetta, ha guadagnato 94.74 punti. Shaun White è stato favorito per la vittoria, ma ha commesso un paio di piccoli errori. È arrivato quarto con 90.25 punti. E il sistema di punteggio di Westsminster? La risposta è semplice – non ce n'è uno. Quando il giudice è stato chiesto in una conferenza stampa perché ha scelto Sky sul Water Dog portoghese o Bloodhound (il chiaro favorito della folla), il giudice ha risposto, che il cane "ha appena detto, Scegli me."

Perché mi piacciono ancora gli spettacoli di cani

Ecco qua. Le finali del Westminster Kennel Club Dog Show violano i principi fondamentali del buon giudizio: c'è un solo "decisore" che deve confrontare le mele con le arance usando criteri ambigui senza alcuna scala numerica. Rispetto alle finali olimpioniche di Halfpipe, Westminster è un tiro a craps.

Ma la verità è che sono ancora un fan delle mostre canine. Amo la passione dei proprietari, l'abilità degli handler, la bizzarra bellezza delle stranezze come Pulis e Masophe Neopolitane, e persino l'arcano misticismo dei giudici. Cosa posso dire? È un piacere colpevole.

* * * * * *

Hal Herzog è professore di psicologia alla Western Carolina University e autore di Some We Love, Some We Hate, Some We Eat: Perché è così difficile pensare dritto agli animali.

Solutions Collecting From Web of "The Dog Show vs. Le Olimpiadi: il dilemma dei giudici"