The Dirty Dancing of Slow Walking

Chi sta prendendo in giro chi qui? Le reti si sono accese la scorsa settimana con un ossequio quasi osceno verso l'ultima ricerca-come-comunicato stampa: quattro studi presentati alla recente Conferenza Internazionale dell'Associazione Alzheimer hanno collegato la capacità di camminare alla memoria e il declino cognitivo. Osservare e misurare i cambiamenti dell'andatura sembra essere un indicatore prezioso della necessità di un'ulteriore valutazione cognitiva.

Mentre la pubblicità è bella, questa è davvero una notizia? Non ci vuole molta immaginazione per apprezzare che un'andatura lenta osservata non deve essere un precursore del bisogno di assistenza diurna per adulti; forse qualcuno ha una punta dolorante quel giorno.

In effetti, la velocità abituale di camminare è un eccellente predittore di futuri ricoveri ospedalieri, invalidità per tutte le cause e morte. Velocità di deambulazione più lente sono legate alle abilità funzionali e a una varietà di condizioni croniche. Pochi studi hanno esaminato la relazione tra la velocità di cammino e le condizioni disabilitanti nel tempo.

Detto questo, è importante apprezzare l'andatura come uno strumento prezioso per gestire l'intero paziente e non solo il suo stato neuropsicologico.

Uno studio pubblicato nel numero di questo mese di Arthritis Care and Research ha rilevato che camminare più lentamente è associato a una maggiore incidenza di osteoartrosi del ginocchio. Questo risultato non è coerente con l'ipotesi che gli effetti meccanici di una deambulazione più rapida possano contribuire allo sviluppo dell'artrite del ginocchio o dell'anca. La scoperta mette anche il kibosh sulla teoria che una più lenta velocità di camminata e "attenzione alla camminata" riducono la forza sulle articolazioni e quindi il dolore alle articolazioni.

Sfortunatamente, questo studio non si concentrava su caviglie e piedi, ovviamente importanti contributi al modo in cui si cammina.

Tuttavia, i risultati hanno dimostrato che le persone con osteoartrosi possono esibire una velocità di deambulazione più lenta ben prima che l'artrite sia evidente clinicamente o all'esame radiologico. Ciò a sua volta può consentire un intervento precoce, forse eventualmente risparmiare più misure invasive per trattare l'artrite cronica, come la sostituzione dell'articolazione.

Molti pazienti alla fine rifiutano l'intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio, e se ci sono altri trattamenti più accettabili disponibili prima per i pazienti, allora è stato fatto molto bene.

Il lavoro precedente nella letteratura geriatrica ci dice che le differenze tra gli individui con incrementi della velocità di cammino di soli 0,10 metri al secondo sono clinicamente significativi per la sopravvivenza e la mobilità funzionale. Uno studio ha rilevato che ogni differenza positiva nella velocità di cammino al ricovero ospedaliero di 0,10 metri al secondo tra gli individui era associata a un miglioramento funzionale fisico.

Ora andiamo avanti.

Solutions Collecting From Web of "The Dirty Dancing of Slow Walking"