The Cosmo Intervista a Karen Robertson

Credito fotografico: Pedrosimoes7, tramite Creative Commons.

Recentemente sono stato intervistato da Karen Robertson per Cosmopolitan South Africa sull'argomento del nuovo libro A Billion Wicked Thoughts , che è stato ampiamente recensito su queste pagine. L'articolo della signora Robertson "Is Kinky the New Normal?" È apparso in Cosmopolitan South Africa nel luglio 2011. Grazie alla signora Robertson e al Cosmopolitan South Africa per il permesso di riprodurre gli estratti qui sotto dalla nostra intervista originale.


Robertson: Come terapeuta sessuale sei in prima linea per quanto riguarda il comportamento sessuale umano. Quanto hai trovato utili i risultati in A Bill Wicked Thoughts?

Snyder: Il libro conferma due cose di cui i terapeuti sessuali sappiamo da anni: che gli esseri umani sono piuttosto diversi dal punto di vista sessuale, ma sembra esserci un ordine di fondo in tutta questa diversità.

L'approccio degli autori è quello di cercare di tracciare gli "indizi" sessuali che uomini e donne usano per identificare compagni validi. È un approccio un po 'semplicistico, ma credo che i risultati siano per lo più validi e utili nella pratica clinica.

Robertson: Per esempio?

Snyder: Ad esempio, come ho discusso in The Strange New Science dietro A Billion Wicked Thoughts, gli autori hanno scoperto che molti uomini eterosessuali amano guardare i peni degli altri uomini online. I peni sono una normale stecca sessuale per uomini eterosessuali.

Inoltre, alcune delle creazioni visive più esotiche su internet – come immagini generate al computer di donne con genitali maschili – attirano l'attenzione maschile perché offrono cose che gli uomini amano guardare, in nuove combinazioni.

In questo caso, corpi delle donne e peni eretti.

Robertson: Se una giovane donna trova quello che lei considererebbe un porno deviante (donne con pene per esempio) sul computer del suo ragazzo, cosa le suggeriresti di fare?

Snyder: per prima cosa, stai calmo. Non saltare alla conclusione che è gay, perché probabilmente non lo è.

Quindi è una chiamata di giudizio sul fatto di sollevare l'argomento con lui. Nella maggior parte dei casi, probabilmente lo farei. Potrebbe essere un'opportunità per condividere cose positive su cosa ti eccita davvero.

Robertson: Tra le molte altre cose, la ricerca di Ogas e Gaddams rivela che i feticisti del piede non sono devianti.

Snyder: preferisco il termine "kinky". Le inclinazioni sessuali viziose a volte possono essere solo una variante normale.

Alcuni uomini sono accesi esclusivamente dai piedi delle donne e da nient'altro. Ma gli autori non hanno studiato quel gruppo di per sé. Piuttosto, hanno guardato i siti web specializzati in piedi, e in quanto spesso le persone cercavano i piedi. Le persone che cercano i siti dei piedi possono trovare i piedi per essere sexy, ma molte e forse la maggior parte di queste persone probabilmente non sono girate esclusivamente a piedi.

Una grande domanda di ricerca senza risposta è "Qual è la connessione, se esiste, tra l'affermazione degli autori che i piedi sono una comune stecca sessuale maschile minore e il fatto che alcuni uomini rispondono esclusivamente ai piedi e ad altro?"

Robertson: Il sondaggio era limitato a coloro che cercavano la titillazione online: pensi che questo sia un problema in termini di come trattiamo i risultati?

Snyder: Gli autori sono molto chiari sul fatto che sono interessati solo a studiare il desiderio. Non in quello che le persone fanno, da sole o con un partner, una volta che sentono il desiderio.

Penso che la strategia di chiedere: "Che cosa cercano le persone online?" È un modo valido per misurare ciò che motiva le persone sessualmente.

Così sta chiedendo, "Che tipo di immagini e testo vengono creati e venduti?"   Se i produttori di erotica non sapessero esattamente quello che uomini e donne pagheranno per guardare o leggere, finirebbero fuori mercato.

Robertson: C'è stata preoccupazione per le scoperte nei circoli femministi, in particolare l'idea che le donne sono sottomesse per essere sottomesse e che la camera da letto non è il luogo per l'uguaglianza. qualche idea?

Snyder: Ottima domanda, ma è complicato.

C'è sottomissione sessuale, e poi c'è sottomissione emotiva. I due sono diversi.

La sottomissione sessuale comprende una varietà di cose diverse. Dal desiderio di un partner di prendere in carico la camera da letto, che è piuttosto comune. Volere essere dominati o trattati più o meno a letto, il che è meno comune ma non raro.

Poi c'è il livello della fantasia. Qualcuno con fantasie di sottomissione sessuale non vorrebbe necessariamente che ciò accadesse nella vita reale.

Robertson: Quanto pensi che possiamo davvero inferire sulla sessualità da questo tipo di ricerca?

Snyder: Si potrebbe fare quella domanda su QUALSIASI tipo di ricerca sul sesso. Come ho discusso in "Studiare la sessualità, con un clic del mouse alla volta", nella ricerca sul sesso ci sono sempre problemi con i dati.

Detto questo, la sessualità non è ovviamente così semplice come fare clic sulle immagini su uno schermo.

Un Billion Wicked Thoughts descrive quali tipi di immagini gli uomini tendono a cercare sul web. Ma a letto con un partner, il tuo uomo medio ha bisogno anche di altre cose. Ha bisogno di sentirsi apprezzato, apprezzato, accettato e, sì, desiderato.

Proprio come la tua donna media.

Copyright © Stephen Snyder, MD 2011

www.sexualityresource.com New York City

Segui Dr Snyder su twitter: www.twitter.com/SexualityToday

Ti piace questo articolo? Ri-tweet! (vedi sotto)

Solutions Collecting From Web of "The Cosmo Intervista a Karen Robertson"