The Colour of Fear: Xenofobia e razzismo nei sobborghi

I miei figli si trasferiranno in una nuova scuola elementare il prossimo anno. Il nostro vicinato, come tanti in tutto il paese, è stato redistricato la scorsa primavera. La buona notizia è che alle mie figlie non sembra importare il cambiamento perché alcuni dei loro amici frequenteranno la nuova scuola elementare. Francamente, sembra che la maggior parte dei genitori in periferia accolga i cambiamenti di confine. Dopo tutto, i nostri figli si stanno trasferendo in una scuola con alti punteggi SOL, programmi di arricchimento extra e un PTA che è uno dei più forti e influenti della contea. Eppure non riesco a sopportare tutto il clamore – non quando conosco il piccolo sporco sporco segreto.

Ho scoperto che insieme alla nuova scuola arrivano nuove regole e nuove questioni riguardanti lo status socioeconomico, la cultura e la razza. Il tipo di regole che esclude sottilmente alcuni "tipi" di bambini di frequentare alcune delle migliori scuole della contea. Mentre il nostro quartiere suburbano di colonie a due piani è stato trasferito in una scuola accademicamente solida con una pletora di risorse, i cambiamenti di confine non sono stati così gentili con le altre famiglie. Parte del riordino sembrava strategicamente posto per garantire che i quartieri a basso reddito venissero spostati in un'altra scuola elementare che è al massimo paragonabile. Non importa che questi bambini vivano più vicino alla scuola che frequenteranno le mie figlie o che molti di loro siano stati nella stessa scuola fin dall'asilo. È come al solito nei burbs.

Sono trascorsi più di cinquant'anni da quando Brown vs. Board of Education (1956), e questo incidente mi ha lasciato a chiedermi che cosa sia mai accaduto all'annichilimento di separati ma uguali? Invece, mi vengono in mente le dure disuguaglianze nella nostra società che colpiscono la nostra popolazione più vulnerabile – i nostri figli. Sento il sussurro tra alcuni suburbani che ci sono benefici nell'escludere i bambini svantaggiati afroamericani e immigrati da certe scuole: "I nostri valori di proprietà aumenteranno se il riorganizzatore scolastico", dicono. Oppure, "I ragazzi che si trasferiscono in un'altra scuola apprezzeranno la cosa – non è un grosso problema per loro, si muovono molto comunque". Cosa? Sul serio? Qualcuno di quegli stessi genitori caucasici penserebbe che sia semplicemente "un grosso problema" se lavorassero due lavori cercando di sbarcare il lunario e il consiglio scolastico improvvisamente raccolse i loro figli e li mise in una nuova scuola con meno risorse, un ulteriore pendolarismo, e un curriculum accademico che farebbe trasalire anche i critici più severi? È questo tipo di ambiente ostile di paura emotiva e ignoranza che genera razzismo, pregiudizi e xenofobia tra le masse suburbane.

Il fattore paura: xenofobia e razzismo

I sobborghi, come molte comunità negli Stati Uniti, sono maturi di problemi psicologici che cercano di impedire a quelli ritenuti meno meritevoli di unirsi al loro gruppo, la xenofobia e il razzismo sono due di molti. Sfortunatamente, questioni come la riorganizzazione scolastica riescono a far emergere il territorio che difende i genitori che cercano di proteggere un'educazione che sentono giustamente loro. Il problema è che, in primo luogo, non è solo il loro .

Avere una conversazione sulla razza e l'etnia non è mai facile e quasi sempre controverso. In molti modi, dovrebbe essere. La nostra nazione lotta ancora con una lunga storia di disuguaglianza, esclusione e privazione del diritto di gruppi di persone basate su etnia, genere, razza e classe sociale. Nella comunità psicologica abbiamo un nome per l'odio intenso o la paura di persone di altri paesi e culture, si chiama xenofobia . La xenofobia si verifica quando un individuo manifesta atteggiamenti, pregiudizi e / o comportamenti che respingono, escludono e addirittura diffamano un gruppo di persone sulla base della percezione che siano stranieri o estranei in una data comunità. Può anche accadere tra persone con caratteristiche fisiche identiche e antenati condivisi.

La xenofobia non deve essere confusa con il razzismo poiché i termini sono spesso usati in modo intercambiabile. La xenofobia è una antipatia generalizzata o paura degli estranei o degli stranieri, mentre il razzismo è una antipatia specifica per le persone di una razza diversa. Inoltre, il razzismo nasce da un'ideologia che dà a un certo gruppo etnico o una posizione di potere sugli altri sulla base di caratteristiche come attributi fisici e il dominio superiore esercita dominio e controllo su tutti gli altri.

Per alcuni che vivono in periferia, la paura e l'ignoranza sono mascherati come mezzo per proteggere i loro figli. I genitori ragionano che stanno facendo la "cosa giusta" per la loro famiglia quando riescono a far deragliare i bambini con un reddito più basso per frequentare una scuola borghese. Molti sono convinti che mescolando la classe media allo status socioeconomico inferiore i bambini porteranno sicuramente con sé una serie di problemi come richiedere metal detector della scuola, programmi di pranzo libero, partecipazione dei genitori spensierata, diminuzione dei valori delle proprietà, e – la più assoluta paura del burbs – che questi "tipi" di bambini avranno un impatto negativo sul processo educativo del loro bambino e causeranno un orrendo caos che porterà alla rovina dell'umanità. Non fanno alcun tentativo di nascondere i loro atteggiamenti razzisti insinuando che certi tipi di bambini non sono degni di un'eguale istruzione. Altri sono più schietti e sfacciatamente respingono i bambini e le loro famiglie che parlano una lingua diversa o sono immigrati da un altro paese.

Sfortunatamente la xenofobia e il razzismo nelle nostre comunità sono più diffusi di quanto siamo stati portati a credere. Le caratteristiche psicologiche e comportamentali che governano le dinamiche di gruppo si svolgono quotidianamente nelle città suburbane di tutta la nazione. Come suggerisce la teoria delle dinamiche di gruppo di Irving Yalom, il processo di ridistribuzione scolastica nella mia comunità serve da microcosmo della nostra società. Il razzismo e i pregiudizi vissuti in una piccola sottosezione del nostro paese si riflettono infine sulla comunità più ampia. Tale intuizione dovrebbe farci riflettere su come rispondiamo alla xenofobia e al razzismo tra i nostri amici, parenti e vicini di casa, specialmente considerando che le nostre convinzioni e valori finiranno per essere trasmessi ai membri più giovani e più vulnerabili della nostra società – I nostri figli.

L'impatto psicologico della paura e del razzismo sui bambini

Il razzismo e la xenofobia sono comportamenti appresi . I bambini interiorizzano e adottano un sistema di credenze basato sulla morale e sui valori dei loro genitori. Educare i bambini al razzismo e ai pregiudizi è una nostra responsabilità in quanto genitori. Gli studi hanno dimostrato che i bambini di solito imparano atteggiamenti razziali negativi combinando l'osservazione del comportamento dei loro genitori e l'adozione degli stereotipi della loro società.

Il presidente Obama continua a sostenere che gli americani discutono apertamente di razza e trovano modi per lasciare andare i dubbi e l'odio. Risulta, ha ragione – gli studi dimostrano costantemente che iniziamo a mettere fine alla xenofobia e al razzismo parlando di questo. I genitori dovrebbero discutere il tema della razza e dell'etnia con i loro figli. Contrariamente alla credenza popolare che parlare di razza con il tuo bambino attirerà in realtà un'attenzione più negativa, uno studio del 2005 ha scoperto che portare differenze razziali alla loro attenzione non li farà sviluppare atteggiamenti razziali negativi quando matureranno. D'altra parte, rimanere in silenzio sulle questioni di razza suggerisce ai bambini che parlare di razza è vietato. Se i bambini sono lasciati a se stessi, hanno una maggiore possibilità di sviluppare atteggiamenti o sentimenti negativi di disagio nei confronti di persone di culture e razze diverse. In ultima analisi, è ciò che scegliamo di insegnare ai nostri figli su culture e razza diverse che avranno l'impatto maggiore per le generazioni future.

Alzare i bambini nella società di oggi può essere una sfida, ma insegnare loro a onorare le nostre differenze e respingere le ideologie discriminatorie non è negoziabile. Come molti genitori, spero che arriverà un giorno in cui i termini xenofobia e razzismo non esisteranno più – ma fino a quel giorno il cambiamento può avvenire solo quando comprendiamo e riconosciamo le nostre differenze e impariamo a valorizzarle e a celebrarle.

Solutions Collecting From Web of "The Colour of Fear: Xenofobia e razzismo nei sobborghi"