The Burden of Expectation: una lezione da un campione olimpico

Mikaela Shiffrin, il 19enne fenomeno delle gare di sci, si è certamente posta tra un rock e un luogo difficile. Cominciamo con il rock, che è l'aspettativa che ha creato dagli straordinari successi che ha avuto durante la sua breve, benché illustre, carriera.

Shiffrin ha costruito negli anni un vero e proprio monte. L'Everest di aspettative per se stessa da così dominanti gare di slalom sin dal suo primissimo e travolgente dominio come corridore junior seguito dalla sua tripletta di successi negli ultimi tre anni con i suoi titoli mondiali, mondiali e olimpici.

Shiffrin ha messo le mani in alto nelle menti della comunità di gare di sci che qualsiasi cosa in meno di una vittoria è in qualche modo vista come una delusione da parte di molti. Caso in questione. Dopo la sua prima vittoria del gigante di Coppa del Mondo a Solden, in Austria, lo scorso ottobre, Shiffrin "ha lottato" nelle prossime gare in cui ha concluso l'11, il 6 e il 5. Per ogni altro corridore della Coppa del Mondo sarebbe una bella dimostrazione di coerenza e una buona raccolta di punti per la Coppa del Mondo. Ma per Shiffrin, a causa del suo incredibile successo negli ultimi anni, quella serie di risultati è stata motivo di preoccupazione per molti nel mondo delle gare di sci.

Ora al posto duro. Sto parlando dei campionati mondiali di sci del 2015 che non solo si terranno in terra americana, ma saranno contestati nella città natale di Shiffrin a Vail, in Colorado. Tutte le aspettative che Shiffrin ha dovuto sopportare e l'attenzione dei media che lo accompagna, si amplificano.

Sì, penso che sia sicuro dire che le aspettative per Shiffrin di vincere l'oro del campionato sulla sua collina di casa non possono essere più alte. Certo, lei non è la prima grande sciatrice (o atleta di qualsiasi sport) che ha avuto le speranze di una nazione o l'attenzione del mondo che si riposa sulle loro spalle. Ma, un altro fatto è che alcuni di quelli del passato sono saliti alle più alte altezze nonostante quel carico di aspettative mentre altri si sono sgretolati e hanno fallito sotto quel peso.

Sebbene conosca abbastanza bene Shiffrin, non sono il signor Spock di Star Trek, quindi non posso creare una fusione mentale vulcaniana e vedere cosa pensa o sente di tutte queste aspettative su di lei. Non sono nemmeno un sensitivo, quindi non posso predire il futuro meglio di chiunque altro. Allo stesso tempo, c'è un detto in psicologia: "Il miglior predittore delle prestazioni future è la performance passata." E la realtà è che Shiffrin ha dimostrato più e più volte di poter ignorare, lasciare andare o reindirizzare quella pressione ( Non so quale) e di essere all'altezza sotto i riflettori più brillanti. Non ho motivo di credere che non lo farà più. Quindi, se sei una persona che scommette, scommetti su Shiffrin.

Nonostante l'attenzione iniziale di questo articolo su Shiffrin, la mia intenzione non è quella di scrivere solo su di lei. Invece, i Campionati del Mondo offrono un'altra lezione straordinaria che tutti gli atleti possono imparare da lei: vale a dire, come affrontare quel carico di aspettative prima di una grande competizione.

È molto probabile che tu possa provare le stesse aspettative nella tua versione dei Campionati del Mondo. Il palco potrebbe non essere grandioso per te, ma non meno stressante.

Perché le aspettative sono cattive

Le aspettative non sono una garanzia di cattive prestazioni e di risultati mediocri, ma aumentano drammaticamente le possibilità perché le aspettative creano pressione su di voi per soddisfarle. In nessun modo riesci a comportarti bene quando senti quel peso sulle tue spalle.

Le aspettative possono farti male sia fisicamente che psicologicamente. Possono avere un effetto fisico dannoso su di te, causando tensioni muscolari, respirazione limitata, declino del coordinamento e un senso generale di disagio. Ti senti appesantito e non ti senti bene.

Le aspettative possono reindirizzare l'attenzione dall'eseguire il meglio e sui risultati, in particolare i risultati che non soddisfano tali aspettative e la possibilità che non riuscirai a soddisfarli.

Possono farti mettere in discussione la tua capacità di soddisfare tali aspettative, portando a una perdita di fiducia, dubbi e incertezza.

Infine, le aspettative possono causare una serie di emozioni spiacevoli tra cui paura, frustrazione, preoccupazione e ansia, che possono impedirti di esibirti al tuo massimo livello.

La linea di fondo è che se non fai qualcosa per cambiare la tua prospettiva sulle aspettative o per aiutarti a lasciar andare quelle aspettative, hai pochissime possibilità di fare del tuo meglio e ottenere i risultati che desideri.

Da dove provengono le aspettative

Le aspettative possono venire da fuori o da dentro. Le fonti tipiche di aspettative esterne provengono da famiglie, allenatori e amici. Ecco una frase che spesso sento dire ai giovani atleti da amici e conoscenti che colpiscono il terrore assoluto nei loro cuori: "So solo che vincerai." Anche se una tale espressione di fiducia è ben intenzionata, è anche dolorosamente fuorviata perché crea una situazione in cui qualcosa di meno della vittoria significherà fallimento e deludenti altri.

Puoi anche creare le tue aspettative. Potresti essere così determinato a raggiungere i tuoi obiettivi che questa determinazione ti costringe a concentrarti troppo sui risultati che creano una pressione autoimposta, ad esempio: "È meglio che vinca o questa sarà stata una totale perdita di tempo".

Ad un livello più profondo, le aspettative nascono da forze dentro di te di cui potresti anche non essere consapevole. La fonte più comune di aspettative è la paura di fallire, in cui è assolutamente necessario soddisfare tali aspettative altrimenti avverrà qualcosa di terribile. Quali sono quelle cose orribili che potrebbero accadere? I più comuni includono i tuoi genitori non ti ameranno, i tuoi amici non ti apprezzeranno, sarai un totale perdente, tutti i tuoi sforzi saranno stati sprecati e i tuoi sogni atletici moriranno. Questa è una pressione!

Come gestire le aspettative

Se le aspettative vengono dagli altri, hai diverse opzioni. Primo, puoi evitare quelle persone come la peste. Se non sei vicino a loro, non sarai in grado di sentire quelle ben intenzionate, anche se sbagliate, espressioni di fiducia in te ("vincerai di sicuro!"). Inoltre, se sei abbastanza bravo da ricevere l'attenzione dei media, smetti di leggerlo o ascoltarlo. Secondo, puoi dire a quelle persone solo "Stai zitto!" (In un modo più carino, ovviamente). Terzo, puoi cambiare il modo in cui pensi alle loro aspettative. Ad esempio, puoi dire "Apprezzo molto il loro sostegno e incoraggiamento". La chiave è prendere le distanze da quelle aspettative perché non ti fanno bene.

Se le aspettative arrivano dall'interno, ci sono diversi passaggi che puoi intraprendere. In un mondo ideale, lasceresti andare a tutte le aspettative sui risultati e concentrati solo su ciò che devi fare per ottenere il meglio. Ciò, tuttavia, è più facile a dirsi che a farsi perché le cause delle aspettative sono spesso inconsce (ad esempio perfezionismo, amore condizionale, paura di fallire) e di solito richiede un lavoro piuttosto intenso con uno psicologo dello sport per esorcizzarle dalla vostra mente.

Quindi, cosa puoi fare adesso per sollevare quel carico di aspettative prima della grande competizione? Ecco alcune idee:

  • Focus sulle 5 P: prospettiva, processo, presente, positivo e progresso. Se ti concentri su di loro, non ti concentrerai sulle aspettative.
  • Cambia la tua fisiologia. Le aspettative inevitabilmente creano ansia e tensione. Prendendo attivamente provvedimenti per rilassarsi, ad esempio, con la respirazione profonda e il rilassamento muscolare, rimuovi i sintomi fisici delle aspettative.
  • Distraiti. Parla con altre persone o ascolta musica, tutto ciò che ti terrà lontano dalle aspettative.
  • Crea buone emozioni. Le aspettative possono farti sentire frustrazione, preoccupazione e paura. Per contrastare quelli, fare cose che sono divertenti e ispireranno buone emozioni come eccitazione, orgoglio e gioia.
  • Fai immagini mentali. Guarda e sentiti mentre fai del tuo meglio. Ciò ridirigerà la tua attenzione lontano dalle aspettative, ti darà fiducia e ti concentrerà su ciò che devi fare per raggiungere i tuoi obiettivi competitivi.
  • Sposta la tua visione delle aspettative lontano dall'essere una minaccia da evitare e su una sfida da perseguire.

In definitiva, il grado in cui le aspettative influiscono su come ti esibisci nelle grandi competizioni dipenderà da come finisci questa affermazione: "Se non faccio bene, ________". Se dici "Se non soddisfo le mie aspettative, è Alla fine del mondo, "hai trasformato quelle aspettative in una situazione di vita o di morte, e sei praticamente condannato a un risultato scadente. Ma se tu dici "Se non soddisfo le mie aspettative, rimarrò deluso, ma starò bene", ti sei liberato di quel peso di quelle aspettative e ti sei liberato per fare del tuo meglio quando conta di più.

Solutions Collecting From Web of "The Burden of Expectation: una lezione da un campione olimpico"