The Big O: 5 motivi per cui devi averlo

Copyright Red tail Productions, LLC
Fonte: Copyright Red Tail Productions, LLC

Per troppi, la Big "O" rimane un mistero. Come si acquisisce? Cos'è esattamente? Quando mi concedo; tutto il tempo o solo per le occasioni speciali? Dove lo trovo devo andare in quel posto speciale? E forse la domanda più saliente, perché preoccuparsi; vale lo sforzo e la spesa extra? Naturalmente sto parlando di prodotti organici.

Quindi esploriamo le regioni inferiori nelle quali queste domande ci conducono e forniamo diversi punti di contatto con i fatti che attualmente inquadrano la discussione.

Cos'è organico? Un'etichetta biologica certificata, a differenza di altri termini come il cibo sano, fresco, nutrito con erba, tutto naturale e super-duper, in realtà ha conseguenze legali e gambe regolatorie. La capacità di etichettare un prodotto biologico o organico al 100% è regolata dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA). Per soddisfare questo requisito, il cibo deve essere coltivato e prodotto senza l'uso di ormoni, fertilizzanti sintetici, pesticidi e così via. Per essere al 100% gli alimenti monocomponenti biologici devono essere prodotti con metodi biologici e gli alimenti prodotti da più di un ingrediente devono essere completamente ricavati dagli ingredienti che soddisfano la definizione biologica.

Se viene coltivato nel suolo, il terreno non può essere stato trattato con materiali sintetici per almeno tre anni prima della raccolta. Per soddisfare i requisiti per la visualizzazione dell'etichetta biologica sulla confezione, il prodotto deve contenere almeno il 95% di prodotto biologico in base al peso. Per i prodotti trasformati etichettati come "realizzati con ingredienti biologici", deve contenere almeno il 70% di ingredienti biologici. Meno del 70% e il prodotto può elencare quegli ingredienti sul pannello delle informazioni, ma non può usare la designazione organica in nessun altro posto sulla confezione. La definizione USDA di alimenti biologici è la seguente:

Gli alimenti biologici sono prodotti da agricoltori che enfatizzano l'uso di risorse rinnovabili e la conservazione del suolo e dell'acqua per migliorare la qualità ambientale per le generazioni future. Carne biologica, pollame, uova e latticini provengono da animali a cui non vengono somministrati antibiotici o ormoni della crescita. Il cibo biologico viene prodotto senza l'uso di pesticidi convenzionali, fertilizzanti fatti con ingredienti sintetici o fanghi di depurazione, bioingegneria o radiazioni ionizzanti. Prima che il prodotto possa essere etichettato come biologico, un certificatore approvato dal governo ispeziona la fattoria dove viene coltivato il cibo per assicurarsi che gli agricoltori stiano seguendo tutte le regole necessarie per soddisfare gli standard biologici USDA. Anche le aziende che gestiscono o elaborano alimenti biologici prima di arrivare al supermercato o al ristorante locale devono essere certificate.

Come molte persone sanno bene, la certificazione governativa di qualsiasi cosa può essere non solo ardua, ma costosa. Pertanto, ciò che fornisce l'etichetta biologica è un'opportunità per confermare l'approvvigionamento di una varietà di prodotti alimentari quando noi, in quanto consumatori, non abbiamo accesso alla verifica o alle informazioni riguardanti la crescita, l'allevamento e l'elaborazione di vari prodotti alimentari.

Se siete disposti a investire tempo ed energia, potreste essere in grado di procurarvi alimenti di qualità biologica ad una frazione del prezzo da produttori che seguono tali pratiche ma trovano il processo di certificazione ingombrante, bizantino o finanziariamente proibitivo. Questo è ciò che molti dei migliori chef del paese sono davvero fantastici; procurarsi cibi locali, di alta qualità, genuini e deliziosi.

Quindi con un po 'di sforzo e un po' di cucina sanno come, è possibile e ragionevole acquistare alimenti biologici di qualità in modo economico. Al contrario, è possibile utilizzare l'etichetta come guida e risparmiare tempo e lavoro; ma come la maggior parte delle cose di convenienza ti costerà qualche dollaro in più. In effetti, sono stati giorni strani quando siamo arrivati ​​al punto che ci costa più o in denaro, o nel tempo e nello sforzo di assicurare i nostri prodotti alimentari nel modo semplice e naturale che li abbiamo sperimentati per l'intera civiltà; fino al nostro giorno più attuale. Tutto ciò solleva la questione che al di fuori del gusto e delle preferenze individuali, il costo di The Big "O" ne vale la pena in termini di benefici per la salute? Ecco cinque semplici ragioni per cui credo che lo sia.

Verdure e frutta, mangiare l'arcobaleno: Per lungo tempo è stato ben documentato che i prodotti biologici sono significativamente più bassi nei residui di pesticidi e altri contaminanti chimici rispetto ai frutti e alle verdure coltivati ​​in modo convenzionale. Tuttavia, secondo i limiti del governo, sia il biologico che il convenzionale rientrano nel regno del sicuro da consumare. Detto ciò, vi è una crescente evidenza che i frutti e le verdure biologiche sono nutrizionalmente superiori ai loro fratelli coltivati ​​convenzionalmente. Gli studi di ricerca li hanno trovati più alti negli antiossidanti; acidi fenolici, flavanoni, stilbeni, flavoni, flavonoli e antociani. E forse ancora più importante, troppi hanno semplicemente un sapore migliore. Quando vedi una carota coltivata con metodo biologico che esplode con l'arancione brillante di un tramonto caraibico, è perché letteralmente esplode di caroteni saporiti e salubri; non perché era conciata a spruzzo con colorante arancione artificiale numero due.

Osa, latteria? Precedenti studi hanno suggerito che il latte biologico e alcuni prodotti lattiero-caseari potrebbero essere più salutari delle loro controparti convenzionali. Una recente meta-analisi che ha esaminato 170 studi precedentemente pubblicati conferma questi risultati. Il latte organico è più elevato negli acidi grassi polinsaturi e in particolare negli acidi grassi polinsaturi di tipo omega-3 estremamente benefici. Ciò si traduce in questi prodotti contenenti un rapporto tra acidi grassi polinsaturi omega-6 e omega-3 che è molto più simile a quello trovato nelle diete salutari provenienti da tutto il mondo e riflette la chiamata a ridurre questo rapporto estremamente elevato trovato nella moderna dieta occidentale. Poiché questo beneficio è principalmente nei tipi e nelle quantità di determinati grassi, questo vantaggio si estende a quei prodotti caseari ricchi di tali componenti; come burro e formaggio biologici.

Merry Meat, Merry Partake e Merry Meat Again: un'altra recente meta-analisi ha esaminato quasi 70 studi che hanno confrontato prodotti a base di carne biologici e non organici e trovato differenze simili e sorprendenti. C'erano differenze significative nei tipi e nelle quantità di alcuni acidi grassi saturi. Paragonabile all'esame della produzione lattiera convenzionale rispetto a quella organica, le carni organicamente prodotte erano molto più elevate negli acidi grassi polinsaturi totali e in particolare negli acidi grassi polinsaturi di tipo omega-3; che erano superiori del 47% nella carne biologica. Questi sono gli stessi tipi di profili di grasso che costituiscono la base delle raccomandazioni degli ultimi decenni per includere pesce e frutti di mare come parte di un approccio dietetico salutare.

GMO: dammi biologico! Il tema degli organismi geneticamente modificati, o OGM, è sicuramente degno di una discussione individuale e separata. Tuttavia, una breve menzione qui è pertinente al nostro argomento di organico. Poiché la definizione di organico proibisce il processo di bioingegneria, gli alimenti con etichetta biologica dovrebbero essere privi di OGM. Inoltre, è un'etichetta di verifica dell'organizzazione non profit 501 (c) 3 di terze parti; Il progetto Non-GMO. (leggi di più sugli OGM seguendo il link qui: link all'articolo GMO).

HR 1599 e 2393 o sourcing e etichettatura: cosa c'è in un nome? Questo pezzettino di imbrogli governativi ci porta al punto di partenza della capacità, e molti rivendicherebbero il diritto, di sapere cosa c'è nel tuo cibo e da dove proviene. Nell'estate del 2015, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha tranquillamente approvato l'HR 1599 e l'HR 2393. L'HR 2393 è stata una risoluzione a "Modificare la legge sul marketing agricolo del 1946 per abrogare i requisiti di etichettatura dei paesi di origine per quanto riguarda carne bovina, maiale, e pollo, e per altri scopi. "In risposta alle pressioni dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), la legge sulle emittenti del paese d'origine del 2015 ha abrogato l'obbligo di etichettare i prodotti a base di carne con il loro paese d'origine. In precedenza i prodotti a base di carne dovevano includere informazioni su dove l'animale è stato allevato, allevato e macellato. Ora è un gioco di dove è il burger Waldo?

L'HR 1599, ufficialmente nota come "L'etichettatura alimentare sicura ed accurata", è in realtà l'esatto opposto. In un'esca classica e passa al titolo, questo disegno di legge richiede l'istituzione di un programma per certificare che il cibo non è OGM. In altre parole, gli alimenti OGM non hanno bisogno di essere etichettati negli Stati Uniti, ma se vuoi differenziarli come non OGM puoi passare attraverso un altro arduo, bizantino e costoso programma di certificazione governativa. (Leggi di più su HR 1599 seguendo il link qui: link all'articolo HR 1599).

Quindi è senza ironia che, mentre la moderna industria alimentare produce opzioni sempre più convenienti per il nostro consumo, dobbiamo tornare ai nostri istinti di sopravvivenza di base. Dobbiamo imparare, ancora una volta, come utilizzare in modo semplice, accurato, efficiente ed economico il nostro cibo. Ed è per questo che, data la situazione attuale, tutti abbiamo bisogno di The Big "O".

Riferimenti:

Baranski, M., Srednicka-Tober, D., Volakakis, N., Sigillo, C., Sanderson, R., & Stewart, GB (2014). Concentrazioni più elevate di antiossidanti e cadmio inferiori e minore incidenza dei residui di pesticidi nelle colture biologiche: una revisione sistematica della letteratura e meta-analisi. British Journal of Nutrition, doi: 10.1017 / S0007114514001366.

Fenster, M. (2012). Mangiare bene, vivere meglio: la Guida Gourmet di base per la buona salute e l'ottimo cibo. New York: Rowan e Littlefield.

Govtrack.us. (2015, 10 giugno). HR 2393: Legge sugli emittenti del paese d'origine del 2015. Estratto da govtrack.us: https://www.govtrack.us/congress/bills/114/hr2393

Srednicka-Tober, D., Baranski, M., Sigillo, CJ, Sanderson, R., Benbrook, C., Steinshamn, H. ,. . . Jordan, T. (2016). Differenza di composizione tra carne biologica e conventuale: una revisione sistematica della letteratura e una meta-analisi. British Journal of Nutrition, 115: 994-1011.

Srednicka-Tober, D., Baranski, M., Sigillo, CJ, Sanderson, R., Benbrook, C., Steinshamn, H. ,. . . Nigg. (2016). PUFA più elevato e PUFA n-3, acido linoleico coniugato, alfa-tocoferolo e ferro, ma concentrazioni inferiori di iodio e selenio nel latte biologico: revisione della letteratura sismica e meta-analisi. British Journal of Nutrition, 115: 1043-1060.

Solutions Collecting From Web of "The Big O: 5 motivi per cui devi averlo"