The Antidote: Hating Optimism

"Così tanti intrecci nella vita sono in definitiva senza speranza che non abbiamo altra spada che ridere", ha detto Gordon Allport, uno psicologo americano e uno dei fondatori dello studio della personalità. Gli scienziati hanno studiato gli effetti della risata allegra, del pensiero positivo e dell'ottimismo su sentimenti di autostima, disturbi dell'umore e depressione dagli anni '70.

In The Antidote: Felicità per le persone che non sopportano un pensiero positivo L'autore e sceneggiatore britannico del regista Oliver Burkeman mette in discussione il "culto dell'ottimismo", la convenzione secondo cui sorrisi fasulli, risate gioviali e pensiero positivo sono un percorso sicuro verso la felicità. Il pensiero positivo è il problema, non la soluzione, Burkeman ci insegna. Crede che la gente si sia fidata del fatto che "Non ti preoccupare. Sii felice "l'atteggiamento verso la vita è l'unica via per la contentezza. La gente sembra essere convinta che se hai pensieri negativi e vedi i tuoi limiti, non puoi essere felice. Quindi per essere felici dobbiamo partire per un viaggio che cambi la tua mentalità da negativa e inibita a entusiasta, fervente e animata. Ci viene detto di visualizzare i nostri sogni e obiettivi, eliminare la parola "impossibile" dal nostro vocabolario e mettere un grande sorriso inventato sulla nostra fisionomia. Tutto ciò in realtà può portare all'infelicità, dice Burkeman.

Il pensiero negativo, secondo Burkeman, non è esattamente l'opposto del pensiero positivo. Coinvolge le nostre insicurezze, i nostri difetti, i nostri dolori e il nostro pessimismo e trova modi per sopportare quegli episodi abbracciandoli. Dovremmo riconoscere che, poiché siamo umani, a volte falliamo. Ammettendo che a volte ci sbagliamo e che alcune cose sono davvero impossibili per noi o sono inevitabili come la morte, ci sentiremo più contenti. Questa è la premessa di base del libro.

L' antidoto del burkeman contiene innumerevoli intuizioni incredibili di cui potrei scrivere molte pagine. Ma si adatta alla situazione per impegnarsi in un po 'di pensiero negativo, in questo caso sul libro. Ho tre preoccupazioni principali su The Antidote . Innanzitutto, non contiene prove scientifiche che suggeriscano che il pensiero positivo possa avere effetti vitali su stress, ansia e depressione. Secondo, perpetua la vecchia erronea convinzione che la filosofia stoica consista nel pensiero negativo. E terzo, nonostante affermi il contrario, il libro in realtà non è poi così diverso da molti libri di commercio che propongono il pensiero positivo o la terapia dell'esposizione nella tradizione terapeutica cognitivo-comportamentale. Tratterò a turno questi problemi.

Una buona risata e una mentalità positiva fanno miracoli per il sistema immunitario

Non forzare un atteggiamento positivo nei confronti della vita, come raccomandato da Burkeman, potrebbe avere conseguenze non intenzionali per la funzione psicologica, fisiologica e neurologica. Ad esempio, ci sono prove che suggeriscono che una buona risata e un atteggiamento positivo possono regolare l'angoscia. Il Dr. Lee Berk, un immunologo della Scuola di Allied Health and Medicine di Loma Linda, ha studiato gli effetti di una risata allegra e una mentalità positiva sulla regolazione degli ormoni sin dagli anni '80. Berk ei suoi colleghi hanno scoperto che una prospettiva positiva potrebbe aiutare il cervello a regolare gli ormoni dello stress cortisolo ed epinefrina. Il team ha anche scoperto un legame tra un atteggiamento felice e la produzione di anticorpi e endorfine, gli antidolorifici naturali del corpo. Anche l'aspettativa che qualcosa di positivo, divertente o divertente stia venendo è sufficiente a produrre effetti degni, riferisce il dottor Berk.

Burkeman non spiega come il suo percorso negativo possa compensare gli effetti psicologici, fisiologici e neurologici del pensiero positivo o se non spigolare questi benefici dall'essere positivi possa avere conseguenze dannose sulla salute.

Gli stoici su come allungare l'anima

In tutto il libro Burkeman copre una vasta gamma di filosofie e pratiche spirituali, come lo stoicismo ellenistico, il buddismo Zen e il Memento Mori, filosofie e pratiche che si dice spesso si concentrino sul pensiero negativo. Prende queste filosofie per sostenere il suo percorso negativo. "Se passi indietro attraverso la storia della filosofia, della spiritualità, degli stoici dell'antica Grecia e di Roma, dei buddisti, e poi anche dei collegamenti con gli approcci contemporanei alla psicologia, trovi qualcos'altro, che è in realtà quello che cerca di lasciare che quei sentimenti siano e non sempre lottando per eliminarli è un'alternativa più fruttuosa ", ha detto a NPR il 13 novembre 2012.

Assegnare il pensiero negativo a queste pratiche indomabili, tuttavia, è, se non addirittura astuto, allora   ingannevole. Sebbene spesso parodiavano come apatici, gli stoici pensavano che lo scopo della vita fosse quello di impegnarsi in un processo di decisione razionale (Baltzly, D., "Stoicism", The Stanford Encyclopedia of Philosophy , Zalta, ed.). Le supreme virtù degli stoici sono razionalità e autosufficienza. Le passioni indisciplinate, come il piacere fisico, la paura, la lussuria e l'angoscia, sono "impulsi eccessivi che sono disubbidienti alla ragione" (Ario Didimo, 65A). Devono essere trattati di conseguenza. Sebbene i contemporanei degli stoici li descrivessero spesso come uomini di pietra, gli stoici non rifuggivano da sentimenti piacevoli e gratificanti. Emozioni e sentimenti tranquilli, come gioia, meraviglia, gentilezza, generosità e calore, erano perfettamente accettabili dal loro punto di vista. Queste emozioni e sentimenti più silenziosi sono coerenti con una mente razionale e non sono in alcun modo eccessivi. Sono un allungamento naturale o espansione dell'anima.

A differenza del Burkeman, gli stoici non si concentrano sul pensiero negativo ma sul pensiero e sull'azione razionali. Le passioni estreme sono cose che subiamo. I sentimenti più calmi sono il risultato di cose che facciamo. Il pensiero negativo è perfettamente accettabile da un punto di vista stoico, purché sia ​​qualcosa che facciamo, e non qualcosa che ci capita. Ma il pensiero negativo non è affatto un requisito, per quanto riguarda gli stoici. Ciò che è importante è che non permettiamo alle nostre passioni di prendere possesso della nostra agenzia. È in questo senso che dovresti essere "apatico". Dovresti essere il proprietario della tua agenzia. Essere in controllo, tuttavia, non esclude di essere una persona calda, generosa e gentile che ha pensieri prevalentemente positivi.

Quindi gli stoici sostengono un percorso attraverso la vita molto diverso da quello difeso da Burkeman. Secondo lui "gli sforzi che coinvolgono molto, molto difficile raggiungere uno stato emotivo specifico" sono controproducenti. Ma lottare per raggiungere uno stato emotivo specifico era esattamente ciò che gli stoici stavano incoraggiando. Gli stoici consideravano una parte della vita impegnarsi duramente per raggiungere uno stato emotivo privo di passioni oltraggiose e vergognose, ma non privo di piaceri tranquilli dell'anima, di immagini positive o di ragionevole ottimismo. Non dovresti andare su una "vacanza dei personaggi" restando nella morsa della lussuria o agendo in modi che sono fuori dal tuo personaggio. Dovresti temperare i tuoi stati affettivi per assicurarti di rimanere nel personaggio.

Teoria dell'esposizione sulla metropolitana di Londra

Alla fine, ciò che Burkeman ha da offrire non è molto diverso dalle pratiche terapeutiche cognitivo-comportamentali standard, che includono i metodi di pensiero positivo che egli critica così fortemente.

Gli approcci cognitivo-comportamentali per risolvere conflitti emotivi instabili e per lenire le passioni cercano di rompere la connessione tra i ricordi e la paura, la preoccupazione e l'angoscia cambiando il modo in cui si pensa agli eventi passati. La terapia cognitiva di elaborazione, ad esempio, cerca di cambiare le tue emozioni e convinzioni dopo un trauma o una serie di eventi sconvolgenti. Quando attraversi eventi angoscianti, le tue convinzioni su fiducia, controllo e sicurezza cambiano. Uno dei componenti principali della terapia di elaborazione cognitiva è di confrontare le tue convinzioni prima e dopo le tue esperienze inquietanti. In caso di successo, il metodo può aiutarti a modificare il tuo stato d'animo. Ad esempio, puoi riprogrammare il modo in cui ricordi un evento stressante passato associando la memoria a convinzioni più costruttive, "Non è stata colpa mia se sono stato aggredito." "Merito di essere con qualcuno che non mi tratta così male come mia ex. "" Sono al sicuro ora. "

L'idea che dovremmo accettare sentimenti, pensieri ed esperienze negative come aspetti essenziali della vita e non come qualcosa che deve essere evitato è anche un tema comune delle filosofie dietro gli approcci cognitivo-comportamentali. Burke stesso raccomanda un approccio comunemente usato per affrontare la paura: teoria dell'esposizione. Raccomanda ai suoi lettori di Londra di prendere la metropolitana e pronunciare il nome di ogni stazione ad alta voce appena prima che il treno arrivi alla stazione. Imbarazzante? Sicuro. Ma la lezione è che le persone imparano che fare qualcosa di umiliante non è così male come pensavano che sarebbe stato. Certo, devono soffrire attraverso alcuni sguardi increduli. Ma non verranno arrestati o abbattuti a terra da colleghi cavalieri del treno.

Questo tipo di metodo per diventare amici con i tuoi pensieri negativi è il pane e il burro della terapia di esposizione. Invece di farti elaborare gli eventi spaventosi in modo cognitivo, la terapia di esposizione ti fa affrontare le tue paure. Affrontando le tue incertezze, questo tipo di terapia ti aiuta a rompere il legame tra i ricordi negativi e il sentimento di paura. Edna Foa, docente di Psicologia clinica in Psichiatria presso l'Università della Pennsylvania, ha inventato una variazione sul vecchio classico, che lei definisce "terapia di esposizione prolungata". La terapia di esposizione prolungata richiede di avvicinarsi gradualmente alla situazione spaventosa. L'esposizione può rompere la connessione tra i tuoi ricordi negativi e la tua angoscia. Quando si disassociano i ricordi negativi dal tormento, i ricordi continueranno ad essere percepiti come negativi ma non causeranno più terrore e preoccupazione.

Mettendo da parte le sofisticazione della variazione di Foa sulla classica teoria dell'esposizione "improvvisa", ciò che Burkeman raccomanda è simile a questi tipi di terapia. Accetta la tua paura e il tuo fallimento, non reprimerli o nasconderli sotto una falsa mentalità positiva.

Nonostante le sue carenze scientifiche e filosofiche, l' antidoto di Burkeman merita una lettura approfondita. Contiene molte delle gemme che conosciamo molto bene dalla famosa rubrica del sabato del Guardian "This Column Will Change Your Life", una delle mie preferite preferite. Come la colonna, The Antidote offre un resoconto spiritoso e spiritoso di alcuni dei modi migliori per superare periodi di angoscia o dolore o pura seccatura e ti mostra come affrontare i tuoi sentimenti negativi e il pessimismo senza seppellirli sotto i falsi diecimila sorriso del dollaro.

Crediti fotografici

La foto è di pubblico dominio di Wikipedia.

Solutions Collecting From Web of "The Antidote: Hating Optimism"