The Amateur License, 2. The Transformative Power of Community Sings: Un'intervista con Reggie Harris

Recentemente siamo andati in una comunità cantare nella nostra città natale. E 'stata una prima volta per entrambi. Nessuno di noi può cantare, ma questo era accanto al punto o ai punti, perché ce n'erano molti. Il nostro primo scopo era sperimentare il canto per il gusto di farlo, come principianti che testano le acque. Il secondo era quello di impegnarsi in qualche gruppo di cultura-making, le nostre avventure preferite erano pesanti sul lato solitario. E il terzo scopo era quello di immergerci, per quanto brevemente, in una forma d'arte che è stata a lungo abbandonata agli esperti, per lucidare amatori e cantanti professionisti allo stesso modo. Era una sorta di notte di ripresa, anche se nessuno di noi poteva tenere una melodia.

Bob Blackman, produttore e conduttore di "The Folk Tradition" sulla nostra radio locale PBS, e anche ospite del Mid-Winter Singing Festival, ci ha creati e un paio di altre centinaia di persone si sentono a casa. In effetti, ha fatto un caso forte che alzare le nostre voci nella canzone è qualcosa che tutte le persone possono e dovrebbero fare. (Vedi il suo saggio sull'argomento qui.) La musica non viene solo dalla radio o dall'iPod o dal palco del concerto, ci ha ricordato. Non è semplicemente lucido e quasi perfetto, sincronizzato e accordato, ma non lucidato, crudo, traballante e sordo. Viene dall'interno, non solo come espressione estetica raffinata, ma come esperienza emozionale sentita.

Bene, tutti noi lì quella sera abbiamo avuto entrambe le cose – pitch perfetto e tono sordo, esperto e dilettante – perché siamo stati istruiti nel nostro canto da un certo numero di musicisti professionisti che hanno perso il loro status di "esperti" per diventare "leader di canzoni". Ci hanno portato a cantare vecchi standard, a introdurre nuove parole su note melodie e ci hanno aiutato a imparare anche canzoni appena scritte. E mentre il pubblico si gonfiava, rispondendo con entusiasmo ai cantanti e alle canzoni, noi, cioè io e Bob, iniziammo a chiederci se la comunità cantava come un'esperienza immaginativa e creativa.

Kim e Reggie Harris Abbiamo posto le nostre domande a uno dei leader della canzone, Reggie Harris. Reggie è la metà del duo Kim e Reggie Harris, cantautori con base nello Stato di New York che uniscono una forte eredità popolare e gospel con un background in musica classica, jazz e pop. Attualmente, Kim e Reggie hanno un certo numero di CD sull'etichetta Appleseed Recordings, inclusi due che abbiamo nella nostra collezione: Steal Away e Rock of Ages . Questo è ciò che abbiamo imparato da Reggie.

Michele: come cantautori, rispondi in modo fantasioso alle tradizioni musicali che ti coinvolgono, oltre a creare all'interno e in prima linea di quelle forme. Quando si tratta di cantare in comunità, come quello che hai aiutato a dirigere a East Lansing, nel Michigan, cosa c'è in esso in modo creativo e creativo per le persone sedute nel pubblico?

Reggie: Penso che il formato di community community coinvolga le persone in vari modi. Chiaramente, c'è l'atto fisico di respirare insieme … "cospirando" per così dire, in una partecipazione molto attiva … .vocalizzando e sentendo le vibrazioni prodotte dalle frequenze, il ritmo e i toni dall'interno e dall'esterno del corpo … stimolando il cuore e centri di guarigione e altre zone sensibili nel corpo. Gli atti di applausi, ridi e movimenti, facendo movimenti con mani e braccia, approfondiscono il fattore di concentrazione con il corpo che ora è uno strumento pienamente impegnato invece di essere semplicemente il recettore di una performance.

Quello che ho sentito da alcuni membri del pubblico, alla fine di una sessione del genere, è che si sentono responsabilizzati in modi che non possono sempre spiegare … che hanno ricordato ricordi di tempo ed eventi, relazioni o diritti di passaggio o momenti della loro vita che sono stati persi per loro in questo senso. Che sono felici di essere stati in grado di estendersi oltre il punto della loro inattività musicale creativa e si ritrovano a cantare più frequentemente nelle loro vite quotidiane!

Per i cantanti più esperti, cerchiamo sempre di presentare un grado di sfida leggermente più alto in loro per incoraggiarli a provare a prendere più rischi creando armonie … per provare a sentire e eseguire ritmi più complessi o dando più background per approfondire l'esperienza da un contesto intellettuale o culturale!

M: Nella tua selezione di canzoni, hai toccato ciò che vedo come i poli gemelli di ogni cultura comunitaria: la tradizione, da un lato, e l'innovazione, dall'altro. Qual è il ruolo del leader della canzone qui?

R: Sento che il cantante è, prima di tutto, il "custode della fiducia" … la persona che è incaricata di aiutare i partecipanti a raggiungere un luogo di conforto e sicurezza in cui il sé creativo e lo studente desideroso possono liberamente prendere ed esplorare ciò che viene offerto. Questa è una situazione delicata, a volte, dal momento che nessuna persona può comprendere tutte le dinamiche che sono presenti o avere il controllo di ciò che è stato portato all'evento o di come viene vissuta da ciascuna persona ciò che viene offerto. Ma, con un'attenta pianificazione, una buona base di conoscenza, esperienza, abilità e osservazione riflessiva, credo che il leader della canzone possa aiutare a creare un'atmosfera che favorisca l'unione di un gruppo in una comunità di canzoni … che dà reali possibilità di costruire il livello di fiducia richiesto alle persone per lasciare che il loro sforzo sia stato rispettato e premiato.

Ma il leader dovrebbe anche cercare di rendere il tempo significativo anche per loro e dovrebbe sempre ricordare che hanno il diritto di essere trattati con rispetto. È importante ricordare che i leader possono imparare da quelli che stanno conducendo, il che rende lo scambio un vantaggio per tutti!

Il giorno dopo, Michele è andato al laboratorio di canto di Reggie e Kim, incentrato sulle canzoni afroamericane della libertà. Queste canzoni, alcune delle quali provengono dai tempi della ferrovia sotterranea, hanno sostenuto la lotta del 20 ° secolo per i diritti civili in questo paese e continuano a ispirare preoccupazioni per i diritti umani. Insieme ad altri nel laboratorio, Michele ha appreso alcuni autentici giri di frasi musicali, piuttosto distintive dalle linee melodiche nelle tipiche interpretazioni europee e americane di queste canzoni.

Michele: Sono stato molto preso dalla storia che Kim ha raccontato nel workshop sulle variazioni sottili e spontanee date alla canzone "Over My Head", durante l'era dei diritti civili. Mi ha colpito come un esempio così potente di creatività all'interno di un contesto di gruppo, all'interno di una tradizione canora comunitaria! Puoi dirlo di nuovo qui?

Reggie: Lo racconterò per Kim qui … Ho sentito abbastanza tempo e ho parlato anche con Bernice.

Bernice Johnson era un giovane leader nella lotta per i diritti civili. Un cantante nella sua chiesa e un attivista in crescita, che, anche da adolescente, è arrivato a comprendere il potere della canzone in modo vivace! Faceva parte del Comitato di Coordinamento Nonviolento degli Studenti all'università e frequentemente cantautrice alle marce e alle dimostrazioni e, come membro della sua chiesa ad Albany GA, conosceva e immergeva l'uso delle canzoni nei servizi e negli incontri prima e dopo eventi di protesta.

Dice che in una riunione che ha seguito una dura giornata di protesta, i manifestanti si sono riuniti in chiesa per cantare e radunare i loro alcolici notevolmente stanchi. Hanno suonato una canzone familiare "Over My Head" … una canzone che aveva cantato molte volte!

Stava aiutando a condurre i versi e quando arrivarono al versetto che dice "Sopra la mia testa, vedo problemi nell'aria!", Lei ebbe una rivelazione. Sapendo che la tradizione incoraggia un leader di canzoni a parlare della natura attuale della realtà della vita, dice "Mi sono reso conto in quel momento, che tutti SAPEVIAMO di aver avuto problemi!" Sapeva che questo versetto non parlava più alla realtà presente e ai sogni che stavano lavorando così duramente per raggiungere, e così, in quell'istante, sapeva che era necessario un cambio di parola per spostare il gruppo in un nuovo posto.

Il versetto che uscì dalla sua bocca in quel momento era "Sopra la mia testa … Vedo LIBERTA 'nell'aria!"

E gli anziani del movimento hanno cantato con lei e l'hanno sancita come un nuovo leader nella tradizione.

M: Pensiamo che le tradizioni, musicali e non, non cambino mai, ma per rimanere vitali, ovviamente, rispondono a nuovi bisogni e finalità. Sono stato anche preso dalle osservazioni di Kim durante il workshop su persone di diversa estrazione etnica che imparano a vicenda le canzoni con sensibilità e attenzione alle sfumature. I canti della comunità che includono molte tradizioni musicali ci aiutano a immaginare e creare nuove possibilità di consapevolezza e accettazione multiculturale? Cosa ne pensi?

R: Credo che le nostre canzoni, la danza e altri mezzi artistici siano potenti strumenti per aprirci a nuove esperienze delle rispettive culture e alle differenze che così spesso ci dividono. Possono essere, con un'attenta considerazione e qualche discussione ponderata, modi meravigliosi per introdurci alla varietà di modi in cui gli umani si avvicinano al mondo e si esprimono in esso! Dobbiamo essere consapevoli del fatto che, le nostre espressioni culturali e le pratiche artistiche non sono solo "cose ​​divertenti che facciamo" ma sono anche depositi di significato, idee, schemi, simboli e anni di storia e pratica … L'esperienza di oltrepassare quei confini e il godimento di quelle interazioni, per quanto divertenti possano essere, deve essere fatto con rispetto e cura. In particolare, dobbiamo ricordare che la posizione sociale, l'oppressione, il privilegio e l'appropriazione possono essere dannosi in questi scambi se non gestiti bene. Ma la musica ha la straordinaria capacità di produrre profondi cambiamenti e anche senza la struttura del linguaggio, le barriere possono essere cancellate e può essere incoraggiata un'affinità per gli altri.

C'è molto da elaborare nelle risposte ponderate di Reggie alle nostre domande. Se potessimo riassumere adeguatamente, diremmo che la comunità canta e coinvolge le persone in modo creativo, anche creativo e in molti modi. Coinvolgendo i nostri corpi come strumenti di consapevolezza ed espressione, tutti noi stimoliamo l'apparato sensoriale delle nostre immaginazioni interiori. Nell'atto di cantare, ci apriamo a un flusso di pensieri, ricordi e associazioni. Nell'atmosfera di sicurezza creata dall'abile leader della canzone, potremmo persino trovarci introspezioni nuove per noi o empatizzare con modi di pensare e sentimenti che non sono stati, fino ad ora, parte della nostra esperienza. Incoraggiati da un senso di solidarietà, potremmo persino rischiare di cambiare comportamento o atteggiamento. Forse cantiamo dove non abbiamo mai cantato prima. Forse troviamo un'intuizione emotiva in cui non abbiamo mai capito prima. Forse creiamo un nuovo senso di noi stessi in comunità con altri il cui background musicale e culturale può essere molto diverso dal nostro. Una cosa è chiara: prendere parte a canti comunitari può essere trasformativo.

Michele: Reggie, c'è qualcos'altro che vorresti dire sugli effetti trasformativi del canto di comunità?
Reggie: Ho visto gruppi di persone che a malapena riescono a sopportare la vista l'uno dell'altro arrivano al punto di voler raggiungere e trovare un terreno comune a causa di una sessione di canto. Ho visto persone che non rispondevano e, in alcuni casi, mute, entrano in un senso di consapevolezza e iniziano a cantare una canzone che hanno rinchiuso dentro di loro per lo stupore di familiari, amici o tutori.

Il mio commento composito preferito da migliaia di interazioni di canto di gruppo sarebbe … forse migliaia di volte è "Quando sono arrivato qui stasera … oggi … questa settimana, ero così basso e mi sentivo giù. Quasi non sono venuto. "

Quando ci hai chiesto di cantare ho detto "Assolutamente no!" Ricordo il mio insegnante di terza elementare (madre, sorella, marito, moglie, insegnante di musica, amici … ecc.) Che diceva "Non puoi cantare … stai zitto" … Don MAI cantare !! "

"Ma ho sentito gente che cantava intorno a me e prima che me ne accorgessi, la mia bocca era aperta! Non posso credere a quanto mi abbia fatto sentire grande. "

"Non posso credere che tutti noi abbiamo suonato così bene. Parto qui sentendomi come se potessi tornare là fuori e fare la differenza nel mondo! "
"Quando è la prossima volta che succede?"

Anche mentre scrivo questo, mi porta alle lacrime e mi fa sentire così felice per avere il talento, la volontà e le opportunità per portare avanti questo lavoro!
E IT è MOLTO DIVERTENTE!

È così. Indipendentemente dal fatto che possiamo cantare.

© 2010 Michele e Robert Root-Bernstein; Reggie Harris

Link e fonti aggiuntivi:

Kim e Reggie eseguono "Wade in the Water" per i bambini @ http://www.youtube.com/watch?v=J0I5RS2S-Ds&feature=player_embedded

Ratliff, Ben. (10 febbraio 2008). Canzone condivisa, memoria comune. New York Times
@ http://www.nytimes.com/2008/02/10/arts/music/10ratli.html?_r=1&pagewante…

Impara come cantare, consigli per cantanti amatoriali @ http://singinglessonssite.com/Tips_for_Amateur_Singers.html

Solutions Collecting From Web of "The Amateur License, 2. The Transformative Power of Community Sings: Un'intervista con Reggie Harris"