The Alluring Language of Crows and Ravens

Durante un recente viaggio nella natura selvaggia dell'Alaska ho avuto l'opportunità di ascoltare e di interrogarmi sulla comunicazione animale. Mi meravigliavo dei profondi respiri e spruzzi delle megattere, anche se non riuscivo a sentire le loro canzoni. Grida di uccelli marini del Soprano – il keer-keer del murrelet, yodel del loon, e stridio metallico della sterna – combinato con la base dei suoni dei mammiferi marini e il morbido frastuono delle onde per creare una sinfonia davvero selvaggia. In questa orchestra, il corvo era il solista. Dalla foresta di abeti arrivò un'esibizione semplicemente divina. Un'interpretazione unica di quaglie, grida, trilli, colpi e sonagli risuonava con chiarezza sopra lo sfondo selvaggio. Il corvo ha ripetuto alcune frasi, forse per enfatizzare un messaggio importante, ma la varietà è ciò che distingue il linguaggio del corvo da quello del tipico uccello marino o mammifero marino. Come studente per tutta la vita di corvi, ho riconosciuto molte delle chiamate. La maggior parte è diretta a potenziali intrusi territoriali, ma altri segnalano pericoli o opportunità comuni. Sempre, sembra che ci sia qualcosa di nuovo da ascoltare. Oggi era un rumore gocciolante, forse innovato dal corvo del compositore mentre ascoltava i gusci di cozze tintinnare contro i ciottoli. Mentre ascoltavo ho chiesto perché il corvo dovrebbe essere così prolisso.

Un ricco vocabolario è un vantaggio per qualsiasi animale che deve coordinare le attività quotidiane con le parti sociali. Questo è il caso del corvo, poiché ogni uccello difende congiuntamente lo spazio con un compagno per tutta la vita, litiga e visualizza lo stato con altri che affollano i cibi ricchi, e avverte tutti gli ascoltatori del pericolo a piedi. Come Tony ed io descriviamo nel nostro libro " Gifts of the Crow ", il corvo è il più grande uccello canoro e come tale ha un cervello capace di apprendimento continuo delle canzoni. Rumori nuovi, utili e intriganti possono essere memorizzati dal corvo e imitati come rendimenti quasi perfetti. Questi possono essere incorporati in un repertorio in crescita e individuale. Uno stile di vita sociale complesso, una lunga durata di vita e il cervello degli uccelli canori forniscono il motivo e la macchina di cui un corvo ha bisogno per rimanere il più eloquente degli oratori.

La natura vocale del corvo consente di prosperare in una scena sociale variabile. Il linguaggio consente inoltre agli enormi uccelli d'ebano di coinvolgere gli umani. Mentre stavo vicino al Gustavo, il molo in Alaska attraccava con la sua bicicletta verso la riva. L'uomo emise un curioso " Kraaw " mentre passava davanti a un corvo arroccato. Il corvo sembrava, ma non rispose. Con l'ascolto continuo, un giorno potrebbe rispondere. Il Cesare, Augusto, acquistò corvi che abitualmente parlarono, chiamandolo con lode come " il comandante vittorioso ". Alcuni corvi della Torre di Londra parlano anche ai turisti, comandando coloro che si allontanano per " mantenere la via ". Investigando sulle relazioni di corvi e altri corvidi che imitano la parola umana, abbiamo imparato che usano spesso le nostre parole per ottenere una reazione desiderata: il riconoscimento di un partner sociale, una caduta improvvisa di un cibo preferito o l'arrotondamento di altri animali.

I suoni prodotti da corvi e corvi condividono molte proprietà con il nostro linguaggio, e soprattutto questo è ciò che affascina coloro che ascoltano. Le parole che imparano sono associate a un significato particolare e, a differenza delle parole onomatopeiche, i suoni stessi non hanno alcun significato intrinseco. Per un corvido, le nostre parole sono simboli arbitrari. Mentre ascoltiamo, stiamo anche imparando che le loro tipiche chiamate corvine sono spesso anche arbitrarie. I corvi cluck come le galline alla vista di un predatore, trillano a vicenda quando sono pronti a combattere per un posto privilegiato in una carcassa, e implorare pietà da un dominante. Alcune chiamate di corvi sono addirittura referenziali; la chiamata haaa si riferisce solo alla carne. Potrebbero esserci informazioni importanti nella sequenza di gracchie di un corvo o di querce di un corvo, ma ancora non sono state decifrate. Il futuro potrebbe portare a una soluzione più precisa. Una cosa che non ci aspettiamo di conoscere sulla comunicazione corvid è l'abilità di conversare sul passato o sul futuro. Per quanto ne sappiamo, tutta la comunicazione animale (diversa dalla nostra) riguarda l'ascolto e ora. Ma per me stesso e per l'operaio di Gustavo, c'è ancora molto da meravigliarsi ogni volta che sentiamo un gruppo di corvi in ​​agguato. Come abbiamo scritto in Gifts of the Crow :

"I corvi parlanti rivelano una parte delle loro vite cognitive. Per parlare, i corvi devono essere in grado di formare e riprodurre i ricordi. Affrontano l'immediato con la memoria del passato. Sognano. Mentre noi non affermiamo che i corvi parlanti davvero afferrano la complessità del linguaggio umano, usano le nostre parole per ottenere quello che vogliono, il che è notevole. Che un corvo impari e usi un trucco umano rafforza la profondità a cui le nostre specie si intrecciano. I corvi manipolano, ingannano, giocano e conversano con altre specie. Anticipano i premi e, per coglierli, escogitano e realizzano piani. Quando sentiamo cantare corvi a bassa voce, ci chiediamo se traggono piacere semplicemente ascoltando i suoni che possono emettere. Molto di ciò che sentiamo dire da corvi o corvi è inesplicabile. Suonano come campane, gocciolano come l'acqua e hanno un ritmo preciso. Cantano da soli o in grandi sinfonie. Alcuni dei loro rumori potrebbero essere musica. "(Copyright 2012 Free Press)

Ascolta bene il prossimo corvo o corvo che incontri e facci sapere cosa senti. Aiutaci a collegare i suoni con un significato, in modo che possiamo continuare a migliorare la nostra comprensione delle capacità comunicative di uccelli intelligenti e innovativi.

Solutions Collecting From Web of "The Alluring Language of Crows and Ravens"